HomeSaluteOssa e muscoliDistrofia muscolare di Duchenne: urolitina A efficace

Distrofia muscolare di Duchenne: urolitina A efficace

(Distrofia muscolare di Duchenne-Immagine: rigenerazione delle cellule muscolari grazie all’urolitina A. Credito: © Amazentis / EPFL Auwerx Lab).

La progressione della distrofia muscolare di Duchenne (DMD) può essere ritardata nei topi integrando la loro dieta con urolitina A, secondo un nuovo studio. Le urolitine sono metaboliti della microflora umana derivati dall’acido ellagico introdotto con la dieta. I maggiori livelli di acido ellagico si trovano nelle bacche e nella frutta secca, in particolare: more, cranberries, noci pecan, melagrana, lamponi, fragole, noci, bacche di Goji e uva. Si trovano anche nelle pesche e in altri frutti.

I risultati dello studio, pubblicati su Science Translational Medicine, fanno sperare che un giorno si possano sviluppare nuove opzioni di trattamento per la DMD, una condizione genetica non curabile caratterizzata da una progressiva degenerazione muscolare. Circa 1 bambino su 3.500 nasce con DMD, che di solito si sviluppa durante l’infanzia e riduce significativamente l’aspettativa di vita.

- Advertisement -

La nuova ricerca svolta presso il laboratorio del Professor Johan Auwerx, MD, Ph.D. dell’ Istituto Federale Svizzero di Tecnologia EPFL e dell’Università di Losanna, in collaborazione con gli scienziati della società svizzera di scienze della vita Amazentis, sottolinea il ruolo importante che i mitocondri difettosi possono svolgere nella DMD. Le centrali elettriche delle cellule, i mitocondri, producono l’energia necessaria per la normale funzione muscolare. Ma le cellule muscolari derivate sia da pazienti con DMD umana che da topi allevati per imitare la condizione, mostrano difetti significativi nell’attività mitocondriale, secondo lo studio. In particolare, i modelli di espressione genica mostrano che lo sviluppo della DMD è associato a una marcata diminuzione della mitofagia: il processo su cui le cellule fanno affidamento per rimuovere e riciclare i mitocondri difettosi e mantenere alti i livelli di energia.

Vedi anche:Distrofia muscolare di Duchenne: nuovo farmaco mostra benefici nella sperimentazione clinica

“La distrofia muscolare di Duchenne è la malattia genetica fatale più comune diagnosticata durante l’infanzia e non è ancora disponibile una cura”, afferma Johan Auwerx, MD, Ph.D., autore principale dello studio e Professore presso l’EPFL. “Il nostro lavoro rappresenta una svolta significativa nella ricerca di nuovi approcci terapeutici per le distrofie muscolari”.

Il composto naturale urolitina A è noto per attivare la mitofagia e migliorare la salute mitocondriale sia nei topi che nell’uomo. Quando gli scienziati e gli autori principali dello studio, Peiling Luan e Davide D’Amico, hanno somministrato il composto a topi DMD per appena dieci settimane, hanno visto i livelli di mitofagia aumentare efficacemente tornando alla normalità. Ciò ha portato a una significativa riduzione del danno muscolare e al miglioramento della salute e delle prestazioni muscolari. I topi DMD a cui è stata somministrata urolitina A hanno visto aumentare la forza di presa del 31% e aumentare le prestazioni di corsa del 45% rispetto agli animali di controllo non trattati. E hanno vissuto più a lungo: la sopravvivenza è aumentata del 40%.

- Advertisement -

È importante sottolineare che per la malattia umana, l’urolitina A ha ridotto una condizione dannosa chiamata fibrosi nei muscoli del cuore e del diaframma del topo DMD rispettivamente del 36% e del 39%. Un danno simile osservato nei pazienti con DMD porta tipicamente a insufficienza cardiaca o respiratoria fatale. L’urolitina A è stata anche in grado di migliorare la rigenerazione delle cellule staminali muscolari del topo. Ciò è particolarmente rilevante per la malattia nell’uomo poiché l’insorgenza della DMD è collegata all’esaurimento delle cellule staminali funzionali.

Davide D’Amico, Ph.D., Project Leader presso Amazentis e primo autore dell’articolo, ha dichiarato: “Prima di questo studio, si era capito che la drammatica perdita della funzione muscolare nei pazienti con DMD era associata a disfunzioni mitocondriali. Qui abbiamo scoperto che la mitofagia difettosa, la rimozione e il riciclaggio dei mitocondri disfunzionali, gioca un ruolo chiave nella progressione della DMD “.

Chris Rinsch, Ph.D., co-fondatore e CEO di Amazentis, ha dichiarato: “La ricerca pubblicata su Science Translational Medicine rafforza le prove scientifiche dell’urolitina A come potente potenziatore della funzione muscolare. È emozionante vedere questo metabolita naturale può supportare non solo muscoli sani, ma mostra anche la promessa di malattie muscolari progressive nella ricerca pre-clinica”.

Spiegano gli autori:

“La distrofia muscolare di Duchenne (DMD) è la distrofia muscolare più comune e, nonostante i progressi nei trattamenti genetici e farmacologici che modificano la malattia, la sua gestione rimane una sfida importante. La disfunzione mitocondriale contribuisce alla DMD, ma i meccanismi attraverso i quali ciò si verifica rimangono sfuggenti. I nostri dati in modelli sperimentali e pazienti con DMD mostrano che la ridotta espressione dei geni coinvolti nell’autofagia mitocondriale, o mitofagia, contribuisce alla disfunzione mitocondriale. I marcatori della mitofagia sono stati ridotti nel muscolo scheletrico e nelle cellule staminali muscolari (MuSC) di un modello murino di DMD. La somministrazione dell’attivatore della mitofagia urolitina A (UA) ha salvato la mitofagia nei vermi e nei topi DMD e nei mioblasti primari da pazienti con DMD, ha aumentato la capacità respiratoria dei muscoli scheletrici e ha migliorato la capacità rigenerativa dei MuSCs, con conseguente recupero della funzione muscolare e aumento della sopravvivenza nei modelli murini DMD. Questi dati indicano che il ripristino della mitofagia allevia i sintomi della DMD e suggeriscono che UA possa avere potenziali applicazioni terapeutiche per le distrofie muscolari”.

Fonte: Science Translational Medicine

ULTIMI ARTICOLI

Melanomi uveali: non sempre sono innocui

(Melanomi uveali- Immagine Credit Public Domain). Un nuovo articolo dei ricercatori della Liverpool University dimostra che i piccoli melanomi uveali (intraoculari) non sono sempre innocui,...

Melanoma: individuato nuovo obiettivo farmacologico

(Melanoma-immagine Credit Public Domain). Nonostante rappresenti solo l'1% circa dei tumori della pelle, il melanoma causa la maggior parte dei decessi correlati al cancro della...

Glaucoma: vitamina B3 possibile trattamento

(Glaucoma-Immagine Credit Public Domain). Il glaucoma comporta un alto rischio di perdere la vista. I ricercatori del Karolinska Institutet e del St. Erik Eye Hospital, tra...

Disturbo bipolare: 64 regioni del genoma aumentano il rischio

(Disturbo Bipolare-Immagine Credit Public Domain). Nel più grande studio genetico sul disturbo bipolare fino ad oggi, i ricercatori hanno identificato 64 regioni del genoma contenenti...

Cancro al seno: come diventa aggressivo

(Cancro al seno-Immagine Credit dominio pubblico Unsplash / CC0). I ricercatori del Baylor College of Medicine hanno seguito la progressione del cancro al seno in...