HomeAlimentazione & BenessereLa dieta mediterranea potrebbe rallentare il processo di invecchiamento

La dieta mediterranea potrebbe rallentare il processo di invecchiamento

La dieta mediterranea, ortaggi e legumi, frutta, noci, grandi quantità di olio d’oliva e un bicchiere di vino a pasto, è stata a lungo considerata come uno dei modi più sani di mangiare.Ora, i ricercatori hanno suggerito che la dieta mediterranea potrebbe anche aiutare a rallentare il processo di invecchiamento.

Lo studio, pubblicato in The BMJ , ha trovato che la dieta mediterranea è associata a una maggiore lunghezza dei telomeri, considerati un indicatore di invecchiamento.

I telomeri sono sequenze di DNA situate alla fine dei cromosomi. Essi contribuiscono a tutelare l’integrità fisica del cromosoma, impedendo il loro sfilacciamento e favorendo la custodia del codice genetico.

- Advertisement -

I telomeri si accorciano naturalmente con l’età: si dimezzano durante la progressione dall’infanzia all’età adulta e poi si dimezzano ancora durante l’inizio della vecchiaia. I telomeri accorciati sono associati con una speranza di vita ridotta e aumentato sviluppo di malattie croniche legate all’età.

Precedenti ricerche hanno suggerito che seguire la dieta mediterranea può ridurre la mortalità generale, l’incidenza delle malattie croniche – come le principali malattie cardiovascolari – e aumentare la probabilità di un invecchiamento sano.

La dieta mediterranea è caratterizzata da:

  • Alto consumo di ortaggi, frutta, noci, legumi, cereali non raffinati
  • Un elevato consumo di olio di oliva, ma basso apporto di grassi saturi
  • Moderatamente elevato apporto di pesce
  • Basso consumo di prodotti lattiero-caseari, carne e pollame
  • Regolare (ma moderata) assunzione di alcol (vino ai pasti).

Fattori di stile di vita, l’obesità e l’assunzione di bevande zuccherate, sono stati collegati a telomeri più corti rispetto alla media. I componenti chiave della dieta mediterranea – frutta, noci e verdura – noti per i loro effetti anti-infiammatori e antiossidanti, potrebbero influenzare la lunghezza dei telomeri in modo positivo.

Dieta mediterranea significativamente associata con telomeri più lunghi

- Advertisement -

I ricercatori, guidati da Immaculata de Vivo from Brigham and Women’s Hospital and Harvard Medical School, hanno utilizzato i dati dello studio ‘ Nurses ‘, per esaminare se vi sia un’ associazione tra consumo di dieta mediterranea e la lunghezza dei telomeri.

Circa 4676 partecipanti allo studio, donne di mezza età in buona salute, hanno completato questionari dettagliati sulle abiutudini alimentari e sono stati sottoposti  a esame del sangue per determinare la lunghezza dei loro telomeri.

A ogni partecipante è stato assegnato un punteggio sulla dieta che variava da 0-9 punti, in corrispondenza con quanto la loro dieta somigliava alla dieta mediterranea. I ricercatori hanno registrato i risultati per altri potenziali fattori di confondimento, come l’indice di massa corporea ( BMI ).

Essi hanno scoperto che una maggiore aderenza alla dieta mediterranea era significativamente associata con telomeri più lunghi.

La ricerca futura potrebbe esaminare i fattori genetici

Lo studio è stato limitato dal disegno trasversale che ha considerato solo la lunghezza dei telomeri valutata in un punto nel tempo e con l’utilizzo di una coorte come campione con prevalentemente donne di origine europea.

In un editoriale collegato, il Prof. Peter Nilsson, della Lund in Svezia, suggerisce che ” i fattori genetici possono spiegare la diversa lunghezza dei telomeri  e influenze culturali potrebbero svolgere un ruolo importante nel nostro stile di vite e su come si sono sviluppate le nostre preferenze e modelli  alimentari”.

Il Prof. Nilsson ritiene che in studi futuri si debba prendere in considerazione la possibilità di interazione tra geni, la dieta e il sesso, ma descrive i risultati di questo studio come “rassicuranti”.

L’associazione positiva trovata in questo nuovo studio non fa che rafforzare l’idea che la dieta mediterranea è tra le diete più sane al mondo.

Fonte Mediterranean diet and telomere length in Nurses’ Health Study: population based cohort study, Immaculata de Vivo, et al., The BMJ, doi: 10.1136/bmj.g6674, published online 2 December 2014, abstract.

ULTIMI ARTICOLI

La vitamina K previene la morte cellulare

(Vitamina k-Immagine: le cellule “-” muoiono per ferroptosi “+” La vitamina K previene efficacemente la ferroptosi. Credito: Mishima et al., Nature) Una nuova scoperta suggerisce anche...

L’Alzheimer: bassi livelli di beta amiloide la causa?

Una nuova ricerca dell'Università di Cincinnati rafforza l'ipotesi che il morbo di Alzheimer sia causato da un calo dei livelli di una specifica proteina,...

SLA: verso lo sviluppo di una terapia a base di proteine

(SLA-Immagine: effetto di ApoE sulla vitalità di mBEC dopo esposizione al plasma di topo SLA in vitro. A, sono stati osservati numerosi mBEC vitali...

L’ossitocina ha proprietà curative del cuore

(Ossitocina-Immagine Credit Public Doimain). I ricercatori hanno scoperto che l'ossitocina, spesso definita "l'ormone dell'amore", un giorno potrebbe aiutare a guarire i cuori dopo un infarto. Il...

Trombosi: nuova strategia per prevenire i coaguli di sangue

(Trombosi-Immagine Credit Public Domain). Una terapia con nanoparticelle sviluppata dai ricercatori degli University Hospitals (UH) e della Case Western Reserve University prende di mira i...