HomeSaluteDiabeteDiabete: una guida per "mangiare sano"

Diabete: una guida per “mangiare sano”

Il diabete è una malattia cronica che colpisce molte persone in tutto il mondo. Attualmente, più di 400 milioni di persone hanno il diabete nel mondo. Sebbene il diabete sia una malattia complicata, il mantenimento di buoni livelli di zucchero nel sangue può ridurre notevolmente il rischio di complicanze.

Uno dei modi per ottenere livelli di zucchero nel sangue migliori è seguire una dieta a basso contenuto di carboidrati.

Questo articolo fornisce una panoramica dettagliata delle diete a bassissimo contenuto di carboidrati per la gestione del diabete.

Che cos’è il diabete e che ruolo gioca il cibo?

- Advertisement -

Con il diabete, il corpo non può elaborare efficacemente i carboidrati. Normalmente, quando mangi i carboidrati, vengono scomposti in piccole unità di glucosio, che finiscono in zucchero nel sangue. Quando i livelli di zucchero nel sangue aumentano, il pancreas risponde producendo l’ormone insulina. Questo ormone permette al glucosio di entrare nelle cellule.

Nelle persone senza diabete, i livelli di zucchero nel sangue rimangono entro un intervallo ristretto durante il giorno. Per chi ha il diabete, tuttavia, questo sistema non funziona allo stesso modo. Questo è un grosso problema, perché avere livelli di zucchero nel sangue sia troppo alti che troppo bassi può causare gravi danni.

Esistono diversi tipi di diabete, ma i due più comuni sono il diabete di tipo 1 e il diabete di tipo 2. Entrambe queste condizioni possono verificarsi a qualsiasi età.

Nel diabete di tipo 1, un processo autoimmune distrugge le cellule beta che producono insulina nel pancreas. Le persone con diabete assumono insulina più volte al giorno per garantire che il glucosio penetri nelle cellule e rimanga a un livello sano nel flusso sanguigno.

- Advertisement -

Nel diabete di tipo 2, le cellule beta inizialmente producono abbastanza insulina, ma le cellule del corpo sono resistenti alla sua azione, quindi la glicemia rimane alta. Per compensare, il pancreas produce più insulina, tentando di abbassare la glicemia. Nel tempo, le cellule beta perdono la loro capacità di produrre abbastanza insulina.

Dei tre macronutrienti – proteine, carboidrati e grassi i carboidrati hanno il maggiore impatto sulla gestione della glicemia. Questo perché il corpo li scompone in glucosio. Pertanto, le persone con diabete potrebbero dover assumere grandi dosi di insulina quando mangiano molti carboidrati.

Le diete a bassissimo contenuto di carboidrati possono aiutare a gestire il diabete?

Molti studi supportano le diete povere di carboidrati per il trattamento del diabete. Infatti, prima della scoperta dell’insulina nel 1921, le diete a bassissimo contenuto di carboidrati erano considerate il trattamento standard per le persone con diabete. Inoltre, le diete a basso contenuto di carboidrati sembrano funzionare bene a lungo termine quando le persone si attengono ad esse.

In uno studio, le persone con diabete di tipo 2 hanno seguito una dieta a basso contenuto di carboidrati per 6 mesi. Il loro diabete è rimasto ben gestito più di 3 anni dopo, se hanno seguito la dieta. Allo stesso modo, quando le persone con diabete di tipo 1 hanno seguito una dieta a basso contenuto di carboidrati, coloro che hanno seguito la dieta hanno visto un miglioramento significativo dei livelli di zucchero nel sangue in un periodo di 4 anni.

Qual’è l’assunzione ottimale di carboidrati per le persone con diabete?

L’assunzione di carboidrati ideale per le persone che convivono con il diabete è un argomento alquanto controverso, anche tra coloro che sostengono la restrizione dei carboidrati. Molti studi hanno riscontrato notevoli miglioramenti nei livelli di zucchero nel sangue, nel peso corporeo e in altri indicatori quando i carboidrati erano limitati a 20 grammi al giorno.

Il Dr. Richard K. Bernstein, che ha il diabete di tipo 1, ha mangiato 30 grammi di carboidrati al giorno e ha documentato un’eccellente gestione della glicemia nei suoi pazienti che seguono lo stesso regime.

Tuttavia, altre ricerche mostrano che anche una restrizione di carboidrati più moderata, come 70-90 grammi di carboidrati totali o il 20% delle calorie dai carboidrati, è efficace. La quantità ottimale di carboidrati può anche variare da individuo a individuo, poiché ognuno ha una risposta unica ai carboidrati.

Secondo l’American Diabetes Association (ADA), non esiste una dieta valida per tutti che funzioni per tutti i diabetici. I piani alimentari personalizzati, che tengono conto delle tue preferenze dietetiche e degli obiettivi metabolici, sono i migliori.

L’ADA raccomanda inoltre che le persone collaborino con il proprio team sanitario per determinare l’assunzione di carboidrati giusta per loro.

Per determinare la tua quantità ideale di carboidrati, potresti voler misurare la tua glicemia con un misuratore prima di un pasto e di nuovo 1 o 2 ore dopo aver mangiato. Tutto dipende dalla tua tolleranza personale. Ricorda solo che la regola generale è che meno carboidrati mangi, meno aumenterà il livello di zucchero nel sangue.

E, invece di eliminare tutti i carboidrati, una dieta sana a basso contenuto di carboidrati dovrebbe effettivamente includere fonti di carboidrati ricche di sostanze nutritive e ricche di fibre, come verdure, bacche, noci e semi.

Quali carboidrati aumentano i livelli di zucchero nel sangue?

Negli alimenti vegetali, i carboidrati comprendono una combinazione di amido, zucchero e fibre. Solo i componenti dell’amido e dello zucchero aumentano la glicemia.

La fibra che si trova naturalmente negli alimenti, sia solubile che insolubile, non si scompone in glucosio nel corpo e non aumenta i livelli di zucchero nel sangue.

Puoi effettivamente sottrarre la fibra e gli alcoli di zucchero dal contenuto totale di carboidrati, lasciandoti il contenuto di carboidrati digeribile o “netto”. Ad esempio, 1 tazza di cavolfiore contiene 5 grammi di carboidrati, 3 dei quali sono fibre. Pertanto, il suo contenuto netto di carboidrati è di 2 grammi.

È stato anche dimostrato che le fibre prebiotiche, come l’inulina, migliorano la glicemia a digiuno e altri indicatori di salute nelle persone con diabete di tipo 2. Gli alcoli di zucchero, come maltitolo, xilitolo, eritritolo e sorbitolo, sono spesso usati per addolcire caramelle senza zucchero e altri prodotti “dietetici”. Alcuni di essi, in particolare il maltitolo, possono effettivamente aumentare i livelli di zucchero nel sangue nelle persone con diabete.

Per questo motivo, bisogna utilizzare lo strumento dei carboidrati netti con cautela, poiché il conteggio riportato sull’etichetta di un prodotto potrebbe non essere accurato se tutti i carboidrati apportati dal maltitolo vengono sottratti dal totale.

Inoltre, lo strumento dei carboidrati netti non viene utilizzato dalla Food and Drug Administration (FDA) o dall’ADA.

Questo contatore di carboidrati può essere una risorsa preziosa. Fornisce dati per centinaia di alimenti su carboidrati totali, carboidrati netti, fibre, proteine ​​e grassi.

Vedi anche:Diabete mellito: la restrizione calorica è stata dimenticata come trattamento?

Cibi da mangiare e cibi da evitare

È meglio concentrarsi sul consumo di cibi a basso contenuto di carboidrati e integrali con molti nutrienti. È anche importante prestare attenzione ai segnali di fame e pienezza del tuo corpo, indipendentemente da ciò che stai mangiando.

Cibi da mangiare

Puoi mangiare i seguenti cibi a basso contenuto di carboidrati finché non sei sazio. Assicurati anche di assumere abbastanza proteine ​​​​ad ogni pasto:

  • carne, pollame e frutti di mare
  • uova
  • formaggio
  • verdure non amidacee (la maggior parte delle verdure eccetto quelle elencate di seguito)
  • avocado
  • olive
  • olio d’oliva, olio di cocco, burro, panna, panna acida e crema di formaggio

Cibi da mangiare con moderazione

Puoi mangiare i seguenti alimenti in quantità minori, a seconda della tua personale tolleranza ai carboidrati:

  • Bacche: 1 tazza o meno
  • Yogurt greco semplice : 1 tazza o meno
  • Ricotta: 1/2 tazza o meno
  • Noci e arachidi : 30–60 grammi
  • Semi di lino o semi di chia : 2 cucchiai
  • Cioccolato fondente (almeno 85% di cacao): 30 grammi o meno
  • Zucca invernale: 1 tazza o meno
  • Liquore:50 grammi
  • Vino rosso o bianco secco: 120 grammi

I legumi , come piselli, lenticchie e fagioli, sono salutari fonti di proteine, sebbene contengano anche carboidrati. Assicurati di includerli nel conteggio giornaliero dei carboidrati.

Ridurre drasticamente i carboidrati di solito abbassa i livelli di insulina e induce i reni a rilasciare sodio e acqua. Prova a mangiare una tazza di brodo, qualche oliva o altri cibi salati a basso contenuto di carboidrati per compensare la perdita di sodio. Non aver paura di aggiungere un po’ di sale in più ai tuoi pasti. Tuttavia, se soffri di insufficienza cardiaca congestizia, malattie renali o pressione alta, parla con il tuo medico prima di aumentare la quantità di sodio nella tua dieta.

Cibi da evitare

Questi alimenti sono ricchi di carboidrati e possono aumentare significativamente i livelli di zucchero nel sangue nelle persone con diabete:

  • pane, pasta, cereali, mais e altri cereali
  • verdure amidacee, come patate, patate dolci 
  • latte
  • frutta diversa dalle bacche
  • succo di frutta, soda, punch, tè zuccherato, ecc.
  • birra
  • dolci, prodotti da forno, caramelle, gelati, ecc.

ULTIMI ARTICOLI

Il multivitaminico quotidiano può essere un’abitudine non necessaria

(Multivitaminico-Immagine Credit Public Domain). Una persona su tre ingurgita un multivitaminico ogni mattina, probabilmente con un sorso d'acqua. La verità su questa abitudine popolare può...

Alzheimer: come l’intestino contribuisce allo sviluppo

(Alzheimer-Immagine Credit Public Domain). La ricerca guidata dai Dott. Yuhai Zhao e Walter J Lukiw del LSU Health New Orleans Neuroscience Center e dei Dipartimenti...

COVID 19: terapia inalatoria blocca la replicazione virale

(COVID 19-Immagine Credit Public Domain). I ricercatori dell'Università della California, a Berkeley, hanno creato un nuovo terapeutico COVID-19 che potrebbe un giorno rendere il trattamento...

Asma: trovato un potenziale trattamento a lungo termine

(Asma-Immagine Credit Public Domain). Un possibile modo per affrontare una delle cause alla base dell'asma è stato sviluppato dai ricercatori dell'Aston University e dell'Imperial College...

Cancro al seno: un nuovo farmaco riduce le metastasi cerebrali

(Cancro al seno-Immagine:grafico a cascata delle risposte nei pazienti valutabili per la risposta in base ai criteri RANO-BM nello studio TUXEDO-1. Le barre blu illustrano...