HomeSaluteDiabeteDiabete mellito: la restrizione calorica è stata dimenticata come trattamento?

Diabete mellito: la restrizione calorica è stata dimenticata come trattamento?

(Diabete mellito e restrizione carboidrati/Immagine Credit Public Domain).

Prima della scoperta del trattamento medico per il diabete, la restrizione dei carboidrati era la raccomandazione terapeutica predominante per il trattamento del diabete mellito. In questo studio i ricercatori della Duke Univerity, guidati da Eric Westman e Mary C.Verrnon, sostengono che la restrizione dei carboidrati dovrebbe essere reincorporata negli studi di trattamento contemporanei per il diabete mellito.

All’inizio del 20° secolo, prima che fossero disponibili farmaci per il trattamento del diabete mellito, gli esperti raccomandavano di limitare i carboidrati nella dieta. La raccomandazione dietetica per il diabete in un importante libro di testo di medicina interna del 1923 era il 75% di grassi, il 17% di proteine, il 6% di alcol e solo il 2% di carboidratiL’assunzione di energia giornaliera totale raccomandata era di 1.795 calorie al giornoDopo la scoperta dell’insulina e dei farmaci ipoglicemizzanti orali, gli esperti hanno gradualmente modificato le raccomandazioni dietetiche per includere un maggiore apporto di carboidrati perché la maggior parte degli esperti ha ritenuto che i farmaci potessero essere utilizzati per mantenere il controllo del glucosio.

- Advertisement -

Il gruppo NIH NHLBI Action to Control Cardiovascular Risk in Diabetes (ACCORD) ha recentemente annunciato la fine del braccio di terapia insulinica intensiva del loro studio dopo che un’analisi ad interim ha mostrato che la mortalità era significativamente più alta in questo gruppo rispetto agli altri due gruppi di controllo del glucosio, con trattamento meno intensivo. “Poiché i principali ricercatori dello studio ACCORD e altri esperti hanno affermato quanto fosse inaspettato questo risultato e hanno suggerito che il concetto di normale controllo della glicemia tra i pazienti con diabete di tipo 2 potrebbe non essere desiderabile, ci sentiamo in dovere di fornire una visione alternativa”, dicono gli autori.

Spiegano i ricercatori:

“Dal nostro punto di vista della familiarità con la restrizione alimentare dei carboidrati e il diabete, questi risultati non sono sorprendenti, anzi, sono previsti. Riteniamo improbabile che l’aumento della mortalità sia dovuto allo stretto controllo del glucosio, ma piuttosto al metodo particolare per cercare di raggiungerlo. Quando vengono consumate diete ricche di carboidrati e viene utilizzata una terapia farmacologica intensiva per “coprire i carboidrati”, è molto difficile ottenere il normale controllo glicemico senza reazioni ipoglicemiche. Nelle nostre pratiche cliniche, vediamo spesso individui a cui viene chiesto di seguire diete ricche di carboidrati e di utilizzare una terapia ipoglicemizzante iniettabile intensiva che sono suscettibili a reazioni ipoglicemiche. Reazioni ipoglicemiche gravi sono associate ad un aumento della morbilità e della mortalità.

Esistono altri modi per migliorare il controllo glicemico senza il rischio di reazioni ipoglicemiche; uno di questi è la restrizione dei carboidrati. La restrizione dei carboidrati ha senso fisiopatologico perché il diabete di tipo 2 è, in sostanza, un caso di intolleranza ai carboidrati. Abbiamo osservato che gli stessi pazienti che hanno reazioni ipoglicemiche con diete ricche di carboidrati e terapia farmacologica aggressiva non hanno più reazioni ipoglicemiche con restrizione dei carboidrati. Inoltre, le continue preoccupazioni per le diete a basso contenuto di carboidrati non si sono mai concretizzate e recenti studi scientifici mostrano benefici per la salute generale tra cui la riduzione dei fattori di rischio cardiometabolico.

- Advertisement -

Sulla base dell’esperienza clinica di altri e di studi clinici pubblicati, utilizziamo la restrizione dei carboidrati nella pratica clinica per il trattamento del diabete mellito. Alla fine della nostra giornata clinica, torniamo a casa pensando: “I miglioramenti clinici sono così grandi ed evidenti, perché gli altri medici non capiscono?”. La restrizione dei carboidrati è facilmente comprensibile per i pazienti: poiché i carboidrati nella dieta aumentano la glicemia e poiché il diabete è definito da glicemia alta, ha senso ridurre i carboidrati nella dieta. Riducendo i carboidrati nella dieta, siamo stati in grado di ridurre nei pazienti fino a 150 unità di insulina al giorno in 8 giorni, con un netto miglioramento del controllo glicemico e persino la normalizzazione dei parametri glicemici. A causa del potente effetto della restrizione dei carboidrati nel ridurre i livelli di glucosio nel sangue, dobbiamo ridurre l’insulina del 50% il primo giorno di restrizione dei carboidrati nella dieta per evitare l’ipoglicemia. Con il passare delle settimane, la maggior parte dei pazienti raggiunge la normoglicemia senza farmaci, i pazienti obesi perdono peso e i pazienti risparmiano denaro perché non pagano i farmaci”. 

Vedi anche:Diabete di tipo1: integratore alimentare ferma l’attacco immunitario

Conclusione

La disattenzione alla potente terapia dietetica in tutti i recenti studi principali sul diabete, incluso il recente studio ACCORD, non dovrebbe indurci a dimenticare la restrizione dei carboidrati come mezzo per ottenere la perdita di peso e il controllo glicemico senza ipoglicemia. Abbiamo urgente bisogno di studi controllati che confrontino il nuovo approccio “dieta ad alto contenuto di carboidrati con o senza farmaci” con il precedente approccio “dieta a basso contenuto di carboidrati senza farmaci” per il diabete mellito di tipo 2. Uno degli importanti vantaggi della restrizione dei carboidrati è che non vi è alcun rischio di ipoglicemia se i farmaci non vengono utilizzati. 

“Riteniamo che la restrizione dei carboidrati sia diventata maggiorenne per il trattamento dell’obesità e del diabete mellito e dovrebbe essere urgentemente tradotta dalla pratica clinica a test intensivi in ​​studi relativi ai meccanismi, alla ricerca sui servizi sanitari e alla salute pubblica”, concludono gli autori.

Fonte:ncbi

ULTIMI ARTICOLI

Neuroblastoma: identificato il tallone di Achille

(Neuroblastoma-Immagine:cellule di neuroblastoma ingrandite. Credito: Baylor College of Medicine). Il neuroblastoma, un cancro infantile che si sviluppa dalle cellule neurali delle ghiandole surrenali, rappresenta il...

Come l’epatite E inganna il sistema immunitario

(Epatite E-Immagine Credit Public Domain). Ogni anno oltre 3 milioni di persone vengono infettate dal virus dell'epatite E. Finora non è disponibile alcun trattamento efficace. Un team...

IBD: integratore di clorofillina e verdure verdi alleviano la malattia intestinale

(Integratore di clorofillina-Immagine Credit Public Domain) L'integratore di clorofillina allevia le malattie infiammatorie intestinali (IBD), tra cui il morbo di Crohn e la colite ulcerosa,...

SARS-CoV-2: come il trattamento antivirale promuove l’emergere di nuove varianti

I pazienti con infezioni prolungate contribuiscono all'emergere di nuove varianti di SARS-CoV-2?  Un gruppo di ricerca del Leibniz Institute of Virology (LIV) e dell'University Medical...

Alzheimer: la Rapamicina induce un aumento delle beta amiloide

(Alzheimer-Immagine Credit Public Domain). La somministrazione orale di Rapamicina a un modello murino di malattia di Alzheimer induce un aumento delle placche proteiche beta (β)-amiloide, secondo...