Derivato della vitamina A uccide selettivamente le cellule staminali del cancro del fegato

carcinoma epatocellulare

Il retinoide aciclico, un composto artificiale derivato dalla vitamina A, ha dimostrato di  prevenire la ricorrenza del carcinoma epatocellulare (HCC), la forma più comune di cancro del fegato. Ora, in una ricerca pubblicata negli Atti della National Academy of Sciences, gli scienziati hanno scoperto che il composto si rivolge a una classe di cellule staminali tumorali, impedendo loro di dare origine a nuovi tumori.

( Vedi anche:Biopsia liquida: nuova strategia per rilevare il carcinoma epatocellulare).

HCC è un tumore letale che causa circa 600.000 morti ogni anno in tutto il mondo ed è il secondo cancro più mortale dopo il cancro del polmone non a piccole cellule. Uno dei motivi della sua elevata letalità è che ha un alto tasso di recidiva – chirurgia e altri trattamenti sono inizialmente efficaci, ma il cancro spesso recidiva. Di conseguenza, i ricercatori hanno cercato altri modi per prevenire la recidiva e il retinoide aciclico, l’analogo sintetico della vitamina A, è stato recentemente trovato efficace nel fermare la recidiva dei tumori. Tuttavia, gli scienziati non erano sicuri del perché funzionasse.

Per trovare indizi, un gruppo di ricerca guidato da Soichi Kojima del RIKEN Center for Integrative Medical Science ha esaminato il trascrittoma di cellule che erano state esposte al retinoide aciclico, l’analogo sintetico della vitamina A e ha rilevato che rispetto alle cellule non trattate di controllo, avevano una bassa espressione di MYCN, un gene che è spesso espresso nei tumori ed è correlato ad prognosi infausta. Ulteriori esperimenti, che hanno coinvolto deliberatamente la repressione dell’espressione del gene nelle cellule tumorali, hanno dimostrato che la riduzione dell’espressione di MYCN ha comportato funzionalmente una più lenta progressione del ciclo cellulare, proliferazione e formazione di colonie e una maggiore morte cellulare, implicando che l’azione del il retinoide aciclico su MYCN stava rallentando la crescita del cancro.

Il gruppo si è poi concentrato sul ruolo delle “cellule staminali del cancro“, cellule speciali in grado di sopravvivere all’assalto della chemioterapia o di altri trattamenti e di differenziarsi poi in nuove cellule tumorali, portando a una recidiva. I ricercatori hanno trovato, infatti, che l‘alta espressione di MYCN era correlata all’espressione di un numero di marcatori associati alle cellule staminali cancerose.

“La parte più interessante della nostra scoperta”, afferma Kojima, “è quando abbiamo esaminato diverse sottopopolazioni di cellule tumorali eterogenee : abbiamo trovato un gruppo specifico di cellule staminali cancerose positive all’epCAM, dove i livelli di MYCN erano elevati. La chiave dell’effetto del retinoide aciclico era la sua capacità di indirizzare queste cellule staminali del cancro epatico“.

In effetti, gli esperimenti hanno rivelato che quando esposti al retinoide aciclico, in modo dipendente dalla dose, le  positive per EpCAM erano selettivamente esaurite. Per verificare se questo avesse un significato clinico, i ricercatori hanno prelevato biopsie epatiche di pazienti a cui era stato somministrato retinoide aciclico a seguito di un intervento chirurgico al cancro del fegato e hanno scoperto che in quattro dei sei pazienti che avevano ricevuto un dosaggio maggiore di 600 mg / die, invece di 300 mg / die, sono diminuiti i livelli di espressione di MYCN, suggerendo che l’espressione di MYCN in risposta al retinoide aciclico potrebbe essere una parte importante della differenza nelle recidive osservate negli studi. Infine, i ricercatori hanno esaminato i dati del Cancer Genome Atlas e hanno scoperto che l’elevata espressione di MYCN era correlata a una prognosi significativamente scarsa.

Secondo Kojima, “È interessante notare che il retinoide aciclico si rivolge chiaramente a una determinata categoria di cellule staminali tumorali e questo ci fornisce importanti suggerimenti per ridurre la recidiva del cancro. Stiamo aspettando di vedere i dati clinici”.

Uno studio clinico di fase 3 sul retinoide aciclico è attualmente in corso in Corea, Taiwan e Singapore per testare la capacità del farmaco di prevenire la recidiva del carcinoma epatocellulare.

Fonte: PNAS

Altri articoli su carcinoma epatocellulare