HomeSaluteCervello e sistema nervosoDepressione e demenza: stimolazione oculare promette un trattamento "notevole"

Depressione e demenza: stimolazione oculare promette un trattamento “notevole”

Concetto di occhio bionico

Secondo una nuova ricerca, la stimolazione elettrica della superficie dell’occhio può alleviare i sintomi simili alla depressione e migliorare la funzione cognitiva nei modelli animali.

I ricercatori hanno scoperto la stimolazione non invasiva dell’occhiocome trattamento  per la depressione e la demenza.

- Advertisement -

Gli scienziati hanno scoperto che la stimolazione elettrica della superficie dell’occhio può alleviare i sintomi simili alla depressione e migliorare la funzione cognitiva nei modelli animali. Questi risultati significativi di un gruppo di ricerca congiunto della Facoltà di Medicina LKS, dell’Università di Hong Kong (HKUMed) e della City University di Hong Kong (CityU) sono stati recentemente pubblicati su Brain Stimulation e Annals of the New York Academy of Sciences.

Sfondo

La depressione maggiore è la più diffusa tra i disturbi psichiatrici gravi in ​​tutto il mondo. Recentemente, l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha riferito che la pandemia di COVID-19 ha innescato un massiccio aumento del numero di persone con depressione e ansia. Circa il 25% dei pazienti non risponde adeguatamente ai trattamenti attualmente disponibili.

Nel 2015, il Dottor Lim Lee Wei, assistente Professore presso la School of Biomedical Sciences, HKUMed, ed ex Lee Kuan Yew Research Fellow a Singapore, ha riferito che la stimolazione cerebrale profonda della corteccia prefrontale nel cervello degli animali potrebbe alleviare i sintomi depressivi e migliorare la funzione di memoria. Questi effetti terapeutici sono stati attribuiti alla crescita delle cellule cerebrali nell’ippocampo, una regione del cervello nota per essere coinvolta nell’apprendimento e nella funzione della memoria. Tuttavia, questa tecnica, nota anche come stimolazione cerebrale profonda, è invasiva e richiede un intervento chirurgico per impiantare elettrodi all’interno del cervello e può causare effetti collaterali significativi come infezioni e altre complicazioni postoperatorie.

Risultati e significato della ricerca

Un team di ricercatori di Hong Kong ha cercato modi alternativi per curare le malattie neuropsichiatriche. Ha scoperto che la stimolazione non invasiva della superficie corneale dell’occhio (nota come stimolazione elettrica transcorneale o TES) che attiva le vie cerebrali, ha prodotto notevoli effetti antidepressivi e una riduzione degli ormoni dello stress in un modello animale per la depressione. Inoltre, questa tecnica ha anche indotto l’espressione di geni coinvolti nello sviluppo e nella crescita delle cellule cerebrali nell’ippocampo. Questo team di ricercatori è guidato dal Dr. Lim Lee Wei; Dott.ssa Leanne Chan Lai-hang, Professore Associato presso il Dipartimento di Ingegneria Elettrica, CityU; Professor Chan Ying-shing, Dexter HC Man Family Professor in Medical Science, Professor of the School of Biomedical Sciences, Associate Dean (sviluppo e infrastrutture).

- Advertisement -

In esperimenti correlati, Yu Wing-shan, dottorando e altri ricercatori della School of Biomedical Sciences, HKUMed, hanno studiato se questo approccio potesse essere usato per curare il morbo di Alzheimer, un tipo comune di demenza senza una cura definitiva. Hanno scoperto che questa stimolazione non invasiva nei topi ha migliorato drasticamente le prestazioni della memoria e ridotto i depositi di amiloide-beta nell’ippocampo, che è uno dei segni distintivi del morbo di Alzheimer.

Vedi anche:Nuovo farmaco combatte depressione e ansia

La Dott.ssa Leanne Chan Lai-hang, esperta sulla stimolazione elettrica di bersagli cerebrali visivi e non visivi, ha descritto questa ricerca: “La stimolazione elettrica transcorneale è un metodo non invasivo inizialmente sviluppato per trattare le malattie degli occhi e sarebbe un’importante scoperta scientifica se potesse essere applicata al trattamento delle malattie neuropsichiatriche”.

“Questi risultati della ricerca aprono la strada a nuove opportunità terapeutiche per sviluppare un nuovo trattamento per i pazienti che soffrono di depressione e demenza resistenti al trattamento. Tuttavia, devono essere condotti studi clinici per convalidare l’efficacia e la sicurezza”, ha osservato il Professor Chan Ying-shing.

Fonte: Annals of The NewYork Academy of Sciences

ULTIMI ARTICOLI

La vitamina K previene la morte cellulare

(Vitamina k-Immagine: le cellule “-” muoiono per ferroptosi “+” La vitamina K previene efficacemente la ferroptosi. Credito: Mishima et al., Nature) Una nuova scoperta suggerisce anche...

L’Alzheimer: bassi livelli di beta amiloide la causa?

Una nuova ricerca dell'Università di Cincinnati rafforza l'ipotesi che il morbo di Alzheimer sia causato da un calo dei livelli di una specifica proteina,...

SLA: verso lo sviluppo di una terapia a base di proteine

(SLA-Immagine: effetto di ApoE sulla vitalità di mBEC dopo esposizione al plasma di topo SLA in vitro. A, sono stati osservati numerosi mBEC vitali...

L’ossitocina ha proprietà curative del cuore

(Ossitocina-Immagine Credit Public Doimain). I ricercatori hanno scoperto che l'ossitocina, spesso definita "l'ormone dell'amore", un giorno potrebbe aiutare a guarire i cuori dopo un infarto. Il...

Trombosi: nuova strategia per prevenire i coaguli di sangue

(Trombosi-Immagine Credit Public Domain). Una terapia con nanoparticelle sviluppata dai ricercatori degli University Hospitals (UH) e della Case Western Reserve University prende di mira i...