Decodificato il più antico genoma della peste bubbonica

peste

Una coppia di scheletri di 3.800 anni sepolti insieme in Russia è risultata positiva ad un ceppo di Yersinia pestis, il batterio che causa la peste, ancestrale del ceppo che ha causato la Morte Nera.

Un team internazionale di ricercatori guidati dal Max Planck Institute for the Science of Human History ha analizzato due genomi Y. pestis di 3.800 anni che suggeriscono un’origine all’età del bronzo per la peste bubbonica. Il ceppo identificato dai ricercatori è stato recuperato da individui in una doppia sepoltura nella regione di Samara in Russia, che avevano entrambi lo stesso ceppo del batterio alla morte. Lo studio, pubblicato sulla rivista Nature Communications, mostra che questo ceppo è il più antico sequenziato che contiene i fattori di virulenza considerati caratteristici della peste bubbonica.

La peste, causata dal batterio Yersinia pestis, fu la causa di alcune delle pandemie più letali al mondo, tra cui la piaga di Giustiniano, la peste nera e le principali epidemie che travolsero la Cina verso alla fine del 1800. La malattia continua a colpire le popolazioni di tutto il mondo ancor oggi. Nonostante il suo significato storico e moderno, l’origine e l’età della malattia non sono ben compresi. In particolare, esattamente quando e dove Y. pestis ha acquisito il profilo di virulenza che gli consente di colonizzare e trasmettersi attraverso il vettore delle pulci non è chiaro.

Studi recenti su antichi genomi di Y. pestis hanno identificato le sue prime varianti conosciute, risalenti al Neolitico Tardo e alla Prima Età del Bronzo, ma questi genomi non mostravano le firme genetiche pensate per rendere la piaga particolarmente efficiente – e cioè l’adattamento alla sopravvivenza nelle pulci, che agiscono come i principali vettori che trasmettono la malattia ai mammiferi. Questo studio mirava a esaminare più genomi dell’età del bronzo Y. pestis , al fine di indagare quando e dove si sono verificati questi importanti adattamenti.

La doppia sepoltura di 3.800 anni fa di due vittime della peste produce il più antico genoma della peste bubbonico fino ad oggi rilevato

Nello studio, i ricercatori hanno analizzato nove individui da tombe in un sito in Russia. Due degli individui erano stati infettati da Y. pestis al momento della loro morte. I due furono sepolti insieme in un’unica tomba e furono datati circa di 3.800 anni. L’analisi del DNA umano ha mostrato che gli individui erano probabilmente della cultura di Srubnaya della regione di Samara. “Entrambi gli individui sembrano avere lo stesso ceppo di Y. pestis“, commenta Kirsten Bos del Max Planck Institute for the Science of Human History.” E questo ceppo ha tutte le componenti genetiche che conosciamo che sono necessarie per la forma bubbonica della malattia. Quindi la peste, con il potenziale di trasmissione che conosciamo oggi, è in circolazione da molto più tempo di quanto pensassimo“.

I ricercatori hanno utilizzato i dati raccolti in combinazione con ceppi Y. pestis precedentemente sequenziati per calcolare l’età del loro lignaggio appena identificato a circa 4.000 anni. Ciò spinge indietro l’età proposta della peste bubbonica di 1.000 anni. “I nostri isolati Y. pestis di circa 4000 anni fa possedevano tutte le caratteristiche genetiche necessarie per un’efficace trasmissione della peste, tramite le pulci, ai roditori, agli umani e ad altri mammiferi”, afferma Maria Spyrou dell’Istituto Max Planck per la Scienza della storia umana e primo autore dello studio.

Prime fasi dell’evoluzione di uno dei patogeni più noti dell’umanità

Sebbene studi precedenti avessero identificato un unico lignaggio di Y. pestis presente in tutta l’Eurasia durante l’età del bronzo, l’attuale studio suggerisce che vi erano almeno due lignaggi della peste che circolavano contemporaneamente e che potevano comprendere diverse caratteristiche di trasmissione e virulenza. “Se i lignaggi fossero ugualmente prevalenti nelle popolazioni umane e la misura in cui le attività umane hanno contribuito alla loro diffusione, sono domande che avrebbero bisogno di ulteriori indagini”, spiega l’autore senior Johannes Krause del Max Planck Institute for the Science of Human History. “Ulteriori genomi della peste dell’età del bronzo e dell’età del ferro potrebbero aiutare a individuare gli eventi chiave che hanno contribuito all’elevata virulenza e alla diffusione di uno dei patogeni più noti dell’umanità”, aggiunge il ricercatore.

Fonte: Nature

Altri articoli su peste