Da Wuhan il primo studio che identifica i fattori di rischio associati alla morte per COVID 19

0
2845

Immagine: questa immagine al microscopio elettronico mostra SARS-CoV-2 – noto anche come 2019-nCoV, il virus che causa COVID-19 – isolato da un paziente negli Stati Uniti. Le particelle di virus mostrate emergono dalla superficie delle cellule coltivate in laboratorio.

Essere in età avanzata, mostrare segni di sepsi e avere problemi di coagulazione del sangue quando ricoverati in Ospedale per COVID 19, sono i principali fattori di rischio associati a un più alto rischio di morte secondo un nuovo studio osservazionale su 191 pazienti con confermato COVID-19 in due Ospedali di Wuhan, in Cina.

Lo studio è stato pubblicato su The Lancet.

In particolare, essere in età avanzata, con un punteggio elevato di valutazione Sequential Organ Failure Assessment o insufficienza organica sequenziale (SOFA) e un d-dimero maggiore di 1 μg / mL ( il D-dimero è un prodotto di degradazione della fibrina, una proteina responsabile della formazione di coaguli (trombi) nei vasi sanguigni), sono i fattori che potrebbero aiutare i medici a identificare i pazienti con prognosi precoce.  Nello studio che ha coinvolto 191 pazienti, 137 sono stati dimessi e 54 sono morti in Ospedale. Gli autori osservano che l’interpretazione dei loro risultati potrebbe essere limitata dalla dimensione del campione dello studio.

Inoltre, gli autori hanno presentato nuovi dati sullo spargimento virale, che indicano che la durata mediana dello spargimento virale era di 20 giorni nei sopravvissuti (compresi tra 8 e 37 giorni) e che il virus era rilevabile fino alla morte nei 54 non sopravvissuti. Mentre lo shedding virale prolungato suggerisce che i pazienti potrebbero essere ancora in grado di diffondere COVID-19, gli autori avvertono che la durata dello shedding virale è influenzata dalla gravità della malattia e fanno notare che tutti i pazienti nello studio sono stati ricoverati in Ospedale, due terzi dei quali hanno avuto la malattia in forma critica. Inoltre, la durata stimata dello spargimento virale era limitata dalla bassa frequenza di raccolta dei campioni respiratori e dalla mancanza di rilevazione misurabile del materiale genetico nei campioni.

“L’ampio spargimento virale osservato nel nostro studio ha importanti implicazioni nella guida delle decisioni in merito alle precauzioni di isolamento e al trattamento antivirale nei pazienti con infezione da COVID-19 confermata… “, spiega il Professor Bin Cao, co-responsabile dell’Ospedale cinese-giapponese Friendship Hospital e Capital Medical Università, Cina. Continua il ricercatore: “Raccomandiamo che sono necessari test negativi per COVID-19 prima che i pazienti vengano dimessi dall’Ospedale. Nell’influenza COVID 19 grave, il trattamento virale ritardato prolunga la durata del rilascio del virus e insieme questi fattori mettono i pazienti infetti a rischio di morte. Allo stesso modo, un efficace trattamento antivirale può migliorare i risultati in COVID-19, anche se nel nostro studio non abbiamo osservato un accorciamento della durata dello spargimento virale dopo il trattamento antivirale”.

Secondo il co-autore Dr. Zhibo Liu dell’Ospedale di Jinyintan, in Cina: “Segni di sepsi al momento del ricovero, malattie sottostanti come l’ipertensione e il diabete e l’uso prolungato della ventilazione non invasiva. sono stati fattori importanti nelle morti dei pazienti in età avanzata. Gli esiti più scarsi nelle persone anziane possono essere dovuti, in parte, all’indebolimento del sistema immunitario legato all’età e all’aumento dell’infiammazione che potrebbe promuovere la replicazione virale e risposte più prolungate all’infiammazione, causando danni permanenti al cuore, al cervello, e altri organi “.

Per la prima volta, lo studio descrive il quadro completo della progressione del COVID-19. La durata mediana della febbre è di circa 12 giorni nei sopravvissuti, che era simile nei non sopravvissuti. Ma la tosse può durare a lungo: il 45% dei sopravvissuti ha ancora tosse nella fase della guarigione. Nei sopravvissuti, la dispnea (mancanza di respiro) cesserebbe dopo circa 13 giorni, ma durerebbe fino alla morte nei non sopravvissuti. Lo studio illustra anche il tempo in cui si sono verificate diverse complicanze come sepsi, sindrome da distress respiratorio acuto (ARDS), danno cardiaco acuto, danno renale acuto e infezione secondaria.

La nuova analisi ha incluso tutti gli adulti (di età pari o superiore a 18 anni) con COVID-19 confermato in laboratorio, ricoverati all’Ospedale Jinyintan e all’Ospedale di Wuhan dopo il 29 dicembre 2019, che erano stati dimessi o deceduti entro il 31 gennaio 2020. Questi erano i due designati Ospedali per il trasferimento di pazienti con COVID-19 grave da tutta Wuhan fino al 1 ° febbraio 2020.

Vedi anche: Università di Harvard, Marc Lipsitch dice: “Il coronavirus COVID 19 minaccia il 70% della popolazione umana”

Durante lo studio, i ricercatori hanno confrontato le cartelle cliniche, i dati di trattamento, i risultati di laboratorio e i dati demografici tra i sopravvissuti che erano stati dimessi dall’Ospedale e i non sopravvissuti. Hanno esaminato il decorso clinico dei sintomi, la diffusione virale e i cambiamenti nei risultati di laboratorio durante il ricovero in Ospedale (ad es. Esami del sangue, radiografie del torace e scansioni TC) e hanno utilizzato modelli matematici per esaminare i fattori di rischio associati alla morte in Ospedale.

I pazienti erano di mezza età (età media 56 anni), la maggior parte erano uomini (62%, 119 pazienti) e circa la metà presentava patologie croniche sottostanti (48%, 91 pazienti), la più comune delle quali era l’ipertensione (30 %, 58 pazienti) e diabete (19%, 36 pazienti). Dall’inizio della malattia, il tempo medio della dimissione è stato di 22 giorni e il tempo medio della morte è stato di 18,5 giorni. Rispetto ai sopravvissuti, i pazienti che sono deceduti erano più anziani (età media 69 anni contro 52 anni) e avevano un punteggio più alto nella valutazione del fallimento sequenziale di organi (SOFA) che indica sepsi e livelli ematici elevati della proteina d-dimero (un marker per la coagulazione) al momento del ricovero in Ospedale. Inoltre, il conteggio dei linfociti inferiori (un tipo di globuli bianchi), livelli elevati di Interleuchina 6 (IL-6, un biomarcatore per infiammazione e malattie croniche) e aumento delle concentrazioni di troponina I ad alta sensibilità (un marker di attacco cardiaco), erano più comuni nei casi gravi della malattia COVID-19. La frequenza di complicanze come insufficienza respiratoria (98%, 53/54 non sopravvissuti vs 36%, 50/137 sopravvissuti), sepsi (100%, 54/54 vs 42%, 58/137) e infezioni secondarie (50 %, 27/54 vs 1%, 1/137) erano anche più alti in coloro che sono morti rispetto ai sopravvissuti.

Gli autori rilevano diverse limitazioni dello studio, tra cui quella dovuta all’esclusione dei pazienti ancora in Ospedale al 31 gennaio 2020 e quindi alla malattia relativamente più grave in una fase precedente,. Pertanto il numero di decessi non riflette la vera mortalità da COVID-19 . Sottolineano inoltre che non tutti i test di laboratorio (ad esempio il test del d-dimero) sono stati condotti in tutti i pazienti, quindi il loro ruolo esatto nella previsione della morte in Ospedale potrebbe essere sottovalutato. Infine, la mancanza di antivirali efficaci, l’aderenza inadeguata alla terapia di supporto standard e alte dosi di corticosteroidi, nonché il trasferimento di alcuni pazienti in Ospedale in ritardo, potrebbero aver contribuito a scarsi risultati in alcuni pazienti.

Fonte: The Lancet