Creata nuova linea di cellule sostitutive per le lesioni del midollo spinale

lesioni midollo spinale

Immagine: micrografia elettronica a scansione del neurone umano colto da cellule staminali pluripotenti indotte. Crediti fotografici: Mark Ellisman e Thomas Deerinck, Centro nazionale di microscopia e imaging, UC San Diego.

I ricercatori della School of Medicine della University of California di San Diego riferiscono di aver creato con successo , per riparare la lesione del midollo spinalecellule staminali neuronali del midollo spinale (NSCs) da cellule staminali pluripotenti umane (hPSC) che si differenziano in una popolazione diversificata di cellule in grado di disperdersi nel midollo spinale.

( Vedi anche:Nuovo studio offre speranza di recupero dalla lesione del midollo spinale).

Il risultato dello studio, descritto nel numero online di Nature Methods del 6 agosto, è un passo avanti non solo nella ricerca di base delle applicazioni biomediche per la modellizzazione della malattia in vitro, ma può costituire una fonte cellulare migliore, clinicamente traducibile in strategie di sostituzione nelle lesioni e nei disordini del midollo spinale.

Negli ultimi anni, è stato fatto molto lavoro per esplorare il potenziale dell’utilizzo di cellule staminali derivate da hPSC per creare nuove cellule del midollo spinale necessarie per riparare i midolli spinali danneggiati o malati. I progressi sono stati costanti, ma lenti e limitati.

Nel loro nuovo lavoro, il primo autore e postdoctoral Hiromi Kumamaru e l’ autore senior dello studio Mark Tuszynski, Professore di neuroscienza e Direttore della UC San Diego Translational Neuroscience Institute e colleghi, descrivono la creazione di una nuova linea cellulare.

Dopo aver innestato NSCs derivati ​​da hPSC coltivate ​​in corde spinali danneggiate di ratti, i ricercatori hanno notato che gli innesti erano ricchi di neuroni eccitatori, erano estesi in un grande numero di assoni su lunghe distanze, avevano innervato le strutture bersaglio e abilitato una rigida rigenerazione corticospinale.

“Abbiamo una fonte di NSCs del midollo spinale umano che include tutti i tipi di cellule progenitrici neuronali del midollo spinale“, ha detto Kumamaru. “Negli innesti, queste cellule potevano essere trovate in tutto il midollo spinale, da dorsale a ventrale e promuovevano la rigenerazione dopo la lesione del midollo spinale nei ratti adulti, inclusi gli assoni corticospinali, che sono estremamente importanti nella funzione motoria volontaria umana. “.

Tuszynski ha affermato che, sebbene sia necessario più lavoro, queste cellule appena generate costituiranno le cellule di partenza per il progresso delle sperimentazioni cliniche umane in un arco di tempo compreso tra tre e cinque anni. È ancora necessario determinare che le cellule siano sicure per lunghi periodi di tempo negli studi sui primati roditori e non umani e che la loro efficacia possa essere replicata.

Il lavoro presenta potenziali benefici al di là delle terapie per le lesioni del midollo spinale dal momento che le NSC possono essere utilizzate nella modellizzazione e screening farmacologico per disturbi che coinvolgono anche la disfunzione del midollo spinale, come la sclerosi laterale amiotrofica, l’atrofia muscolare progressiva, la paraplegia spastica ereditaria e l’atassia spinocerebellare, un gruppo di disordini genetici.

Fonte: UC San Diego

Altri articoli su lesioni midollo spinale