Home Salute Virus e parassiti COVID 19: identificata nuova causa di coaguli di sangue

COVID 19: identificata nuova causa di coaguli di sangue

(COVID 19-Immagine Credit Public Domain).

I coaguli di sangue continuano a devastare i pazienti con grave infezione da COVID-19 e un nuovo studio spiega cosa potrebbe scatenarli in più della metà dei pazienti.

Il colpevole: un anticorpo autoimmune che circola nel sangue attaccando le cellule e innescando coaguli in arterie, vene e vasi microscopici. I coaguli di sangue possono causare eventi potenzialmente letali come gli ictus. E, in COVID-19, i coaguli microscopici possono limitare il flusso sanguigno nei polmoni, compromettendo lo scambio di ossigeno.

- Advertisement -

Al di fuori della nuova infezione da coronavirus, questi anticorpi che causano la formazione di coaguli sono tipicamente osservati nei pazienti che hanno la sindrome da antifosfolipidi, una malattia autoimmune. “La connessione tra autoanticorpi e COVID-19 è stata inaspettata”, afferma l’autore co-corrispondente dello studio Yogen Kanthi, MD, assistente Professore presso il Michigan Medicine Frankel Cardiovascular Center e Lasker Investigator presso il National Institutes of Health’s National Heart, Lung e Blood Institute. “Nei pazienti con COVID-19, continuiamo a vedere un ciclo implacabile e autoamplificante di infiammazione e coagulazione nel corpo”, dice Kanthi. “Ora stiamo imparando che gli autoanticorpi potrebbero essere responsabili di questo ciclo di coagulazione e infiammazione che rende le persone che già stavano lottando ancora più malate”.

Spiegano gli autori:

“I pazienti con COVID-19 sono ad alto rischio di occlusioni arteriose e venose trombotiche. L’istopatologia polmonare rivela spesso blocchi a base di fibrina nei piccoli vasi sanguigni dei pazienti che soccombono alla malattia. La sindrome da antifosfolipidi è una trombofilia acquisita e potenzialmente pericolosa per la vita in cui i pazienti sviluppano autoanticorpi patogeni contro i fosfolipidi e le proteine ​​leganti i fosfolipidi (anticorpi aPL). Le serie di casi hanno recentemente rilevato anticorpi aPL in pazienti con COVID-19. In questo studio abbiamo misurato otto tipi di anticorpi aPL in campioni di siero di 172 pazienti ospedalizzati con COVID-19. Questi anticorpi aPL includevano IgG, IgM e IgA anticardiolipina; anti – β 2glicoproteina I IgG, IgM e IgA; e anti-fosfatidilserina / protrombina (aPS / PT) IgG e IgM. Abbiamo rilevato IgG aPS / PT nel 24% dei campioni di siero, IgM anticardiolipina nel 23% dei campioni e IgM aPS / PT nel 18% dei campioni. Gli autoanticorpi antifosfolipidi erano presenti nel 52% dei campioni di siero. Titoli più elevati di anticorpi aPL erano associati a iperattività dei neutrofili, compreso il rilascio di trappole extracellulari di neutrofili (NET), conte piastriniche più elevate, malattie respiratorie più gravi e velocità di filtrazione glomerulare stimata clinica inferiore. Simile alle IgG di pazienti con sindrome da antifosfolipidi, le frazioni di IgG isolate da pazienti con COVID-19 hanno promosso il rilascio di NET da neutrofili isolati da individui sani. Inoltre, l’iniezione di IgG purificata dal siero del paziente COVID-19 nei topi ha accelerato la trombosi venosa in due modelli murini. Questi risultati suggeriscono che la metà dei pazienti ospedalizzati con COVID-19 diventa almeno transitoriamente positiva per gli anticorpi aPL e che questi autoanticorpi sono potenzialmente patogeni“.

Vedi anche:COVID 19: un vaccino italianio da biotech ReiThera

- Advertisement -

‘In COVID 19 i peggiori coaguli che abbiamo mai visto’

Il co-autore dello studio Jason Knight, MD, Ph.D., un reumatologo presso la Michigan Medicine University, ha studiato per anni gli anticorpi della sindrome antifosfolipide nella popolazione generale. La metà dei pazienti ricoverati con COVID-19 era positiva per almeno uno degli autoanticorpi, il che è stata piuttosto una sorpresa“, afferma Knight, anche Professore associato di medicina interna e uno dei principali esperti di malattie causate da autoanticorpi.

Nella nuova pubblicazione in Science Translational Medicine, i ricercatori dimostrano di aver scoperto che circa la metà dei pazienti che erano molto malati con COVID-19 mostrava una combinazione di alti livelli sia di anticorpi pericolosi che di neutrofili super-attivati, che sono globuli bianchi distruttivi ed esplosivi. Ad aprile, il team è stato il primo a riferire che i pazienti ricoverati per COVID-19 grave avevano livelli più elevati di trappole extracellulari di neutrofili nel sangue. Per saperne di più, hanno studiato insieme i neutrofili esplosivi e gli anticorpi COVID-19 nei modelli murini per vedere se questa potrebbe essere la combinazione pericolosa dietro i coaguli.

“Gli anticorpi di pazienti con infezione attiva da COVID-19 hanno creato una notevole quantità di coagulazione negli animali, alcuni dei peggiori coaguli che abbiamo mai visto”, dice Kanthi. “Abbiamo scoperto un nuovo meccanismo mediante il quale i pazienti con COVID-19 possono sviluppare coaguli di sangue“.

Attaccare i coaguli di sangue in COVID-19 da tutte le angolazioni

I ricercatori affermano che questi risultati non sono ancora pronti per la pratica clinica, ma aggiungono una nuova prospettiva alla robusta ricerca sulla trombosi e sull’infiammazione nei pazienti con COVID-19. Kanthi, Knight, il primo autore dello studio Yu (Ray) Zuo, MD e colleghi ora vogliono sapere se i pazienti gravemente malati con alti livelli di questi anticorpi avrebbero risultati migliori se gli anticorpi fossero bloccati o rimossi. “Se è così, ciò potrebbe giustificare un trattamento aggressivo come la plasmaferesi che è comunemente usata nelle gravi malattie autoimmuni”, spiega Zuo. Si tratta di drenare il sangue dei pazienti, filtrarlo e sostituirlo con plasma fresco che non contiene quegli anticorpi associati ai coaguli di sangue.

“Sappiamo che le persone con i più alti livelli di autoanticorpi hanno stanno peggio in termini di funzione respiratoria e gli anticorpi hanno causato infiammazione anche nelle loro cellule sane”, afferma Zuo, assistente Professore di medicina interna e reumatologo presso Michigan Medicine. “Non sappiamo ancora cosa spinga il corpo a produrre questi anticorpi, quindi il passo successivo sarebbe una ricerca aggiuntiva per identificare i trigger e gli obiettivi degli anticorpi“, aggiunge Knight.

Inoltre, questi risultati sollevano nuove domande sull’uso del plasma convalescente come possibile trattamento COVID-19, ma il team afferma che sono necessarie ulteriori ricerche per esaminare questa preoccupazione. “Stiamo ora studiando per quanto tempo questi anticorpi rimangono in circolazione dopo il recupero dal nuovo coronavirus”, dice Knight.

I ricercatori stanno anche conducendo uno studio clinico randomizzato chiamato DICER, che sta testando un noto agente anti-coagulazione, il Dipiridamolo, in pazienti con COVID-19 per determinare se è più efficace di un placebo nel ridurre i coaguli di sangue eccessivi.

“Il Dipiridamolo è un vecchio farmaco sicuro, poco costoso e scalabile”, dice Kanthi. “La FDA lo ha approvato 20 anni fa per prevenire la coagulazione, ma solo di recente abbiamo scoperto il suo potenziale per bloccare questo specifico tipo di infiammazione che si verifica in COVID”.

Fonte:Science Translational Medicine 

ULTIMI ARTICOLI

Microbo intestinale può promuovere il cancro al seno

(Cancro al seno-Immagine: coltura tridimensionale di cellule di cancro al seno umano, con DNA colorato in blu e una proteina nella membrana della superficie...

Virus letali:prodotti naturali che bloccano la diffusione

(Virus letali-Immagine Credit Public Domain). I ricercatori della Scripps Institution of Oceanography e della Skaggs School of Pharmacy and Pharmaceutical Sciences dell'Università della California di...

COVID 19: identificata nuova causa di coaguli di sangue

(COVID 19-Immagine Credit Public Domain). I coaguli di sangue continuano a devastare i pazienti con grave infezione da COVID-19 e un nuovo studio spiega cosa...

Lo zenzero contrasta alcume malattie autoimmuni

(Zenzero-Immagine Credit Public Domain). Lo zenzero è noto per avere effetti anti-infiammatori e antiossidanti che lo rendono un popolare rimedio naturale per il trattamento delle...

COVID 19: un vaccino italianio da biotech ReiThera

"L'Italia ha investito nella società locale di biotecnologie ReiThera per sostenere lo sviluppo del suo vaccino COVID-19", ha detto un alto funzionario martedì dopo...