Home Salute Virus e parassiti COVID 19: scoperta una proteina ​​umana che inibisce SARS-CoV-2

COVID 19: scoperta una proteina ​​umana che inibisce SARS-CoV-2

Immagine: Public Domain

“Una proteina prodotta dal sistema immunitario umano può inibire potentemente diversi coronavirus, incluso quello dietro l’attuale focolaio di COVID-19″, riferisce oggi un team internazionale di ricercatori.

La ricerca rivela che la proteina LY6E compromette la capacità del coronavirus SARS CoV 19 di iniziare l’infezione, il che potrebbe presto portare a trattamenti per la malattia. Sorprendentemente, i topi privi di Ly6e (la versione del topo del gene) erano altamente sensibili a un coronavirus del topo solitamente non letale.

- Advertisement -

I ricercatori hanno riportato lo studio in bioRxiv, un server di prestampa online che pubblica articoli prima della revisione peer review.

“Sorprendentemente, questo potente effetto inibitorio è stato trasferito a tutti i coronavirus che abbiamo testato, incluso il responsabili dell’epidemia di coronavirus (SARS-CoV) grave nel 2003, coronavirus della sindrome respiratoria del Medio Oriente (MERS) nel 2012 e recentemente COVID-19, causata da SARS-CoV-2″, dice  John Schoggins, Ph.D., Professore associato di microbiologia presso UT Southwestern Medical Center e uno dei tre autori corrispondenti del rapporto.

La storia inizia molti anni fa quando, come ricercatore post-dottorato nel laboratorio di Charles Rice, Ph.D., alla Rockefeller University, Schoggins stava controllando i geni antivirali e scoprì che il gene LY6E migliorava inaspettatamente l’infettività del virus che causa influenza. Il ricercatore ha continuato questa ricerca su come LY6E ha migliorato l’infezione influenzale dopo essere diventato un membro di facoltà presso la UT Southwestern e il progetto è attualmente guidato da Katrina Mar, Ph.D., ricercatore post-dottorato nel suo laboratorio.

Nel 2017, Stephanie Pfaender, Ph.D., ricercatrice post dottorato del laboratorio svizzero di Volker Thiel, Ph.D., uno dei massimi esperti mondiali di biologia del coronavirus, ha visitato il laboratorio Rice per utilizzare la tecnologia di screening di Schoggins per trovare i geni che inibiscono il coronavirus. Ciò ha portato alla scoperta che LY6E ha inibito potentemente il coronavirus.

- Advertisement -

Quando in seguito abbiamo appreso che LY6E ha fatto il contrario con il coronavirus – cioè ha inibito anziché potenziato l’infezione – siamo stati immediatamente incuriositi, in particolare perché avevamo già sviluppato un modello animale per studiare il ruolo di LY6E durante l’infezione virale“, afferma Schoggins.  Pertanto, i laboratori Thiel e Rice hanno iniziato a studiare ulteriormente la proteina LY6E.

Il team aveva lavorato per quasi due anni allo studio della proteina LY6E  prima dell’attuale epidemia di coronavirus. “I ricercatori avevano scoperto che la proteina LY6E aveva inibito altri coronavirus – quelli implicati nella SARS e nella MERS – quando l’agente patogeno che causa COVID-19 è venuto all’attenzione mondiale a gennaio“, dice Schoggins.

Vedi anche: Da Wuhan il primo studio che identifica i fattori di rischio associati alla morte per COVID 19

Nelle cellule renali di primati, che sono spesso utilizzati come modelli nella ricerca sul coronavirus, i ricercatori hanno dimostrato che LY6E compromette la capacità del virus di fondersi con le cellule ospiti. “Se il virus non è in grado di fondersi con quelle cellule, non può iniziare l’infezione“, spiega il ricercatore. Thiel è stato in grado di ottenere un campione di COVID-19 umano dall’attuale epidemia e ha guidato gli sforzi per determinare se LY6E inibisce anche la fusione del virus COVID-19. Con grande soddisfazione Thiel ha scoperto che la proteina LY6E inibisce potentemente anche la capacità di SARS CoV19 di fondersi con le cellule  umane.
Nel frattempo, i ricercatori hanno condotto esperimenti sul modello di topo esposto al coronavirus murino alla UT ed hanno dimostrato che Ly6e è fondamentale per proteggere le cellule immunitarie dalle infezioni.In assenza di Ly6e, le cellule immunitarie – come le cellule dendritiche e le cellule B – diventano più suscettibili alle infezioni e il loro numero diminuisce drasticamente. Ciò rende più difficile per il sistema immunitario combattere l’infezione, peggiorando la malattia”, afferma Schoggins.
Il ricercatore sottolinea, tuttavia, che il coronavirus del topo utilizzato in quell’esperimento è molto diverso dal coronavirus dell’attuale epidemia. Una grande differenza: piuttosto che causare una malattia respiratoria, il coronavirus del topo che i ricercatori hanno studiato infetta il fegato, causando l’epatite. Un’altra differenza:il coronavirus del topo di solito non è letale, ma per i topi privi di Ly6e, è stato mortale.
Nonostante queste differenze, il topo è ampiamente accettato come modello per la comprensione dei concetti di base della replicazione del coronavirus e delle risposte immunitarie in un animale vivente”, afferma Schoggins. “Il nostro studio fornisce nuove informazioni su quanto siano importanti questi geni antivirali per il controllo dell’infezione virale e il montaggio di risposte immunitarie adeguate contro il virus. Poiché LY6E è una proteina presente in natura nell’uomo, speriamo che questa conoscenza possa aiutare nello sviluppo di terapie che potrebbero giorno portare al trattamento delle infezioni da coronavirus”.
I ricercatori concludono nel loro studio che gli inibitori della fusione virale sono stati implementati con successo per l’HIV-1 e che un approccio terapeutico che imita il meccanismo d’azione di LY6E potrebbe fornire una prima linea di difesa contro le nuove infezioni da COVID 19.

 

ULTIMI ARTICOLI

Influenza: nuovo studio spiega perchè può diventare fatale

Influenza-Immagine: Public Domain. L'influenza è causata da un virus, ma la causa più comune di morte causata dall'inflluenza è la polmonite batterica secondaria piuttosto che...

Dalla cannabis estratti che proteggono da COVID 19

Cannabis-Immagine: Public Domain. Nuovi estratti dalla cannabis sativa possono ridurre i livelli del recettore della cellula ospite che il coronavirus SARS-CoV-2 utilizza per ottenere l'ingresso virale...

Alzheimer: “fuoco amico” nel cervello provoca la malattia?

Immagine: le microglia si raggruppano attorno alle placche in un modello murino di malattia di Alzheimer. Credito: Neher Lab / DZNE / HIH. Gli scienziati vogliono...

Un nuovo approccio radicale alla depressione

Depressione-Immagine:scansioni di imaging a risonanza magnetica del cervello umano. Credito: Simon Fraser / SPL / Getty. La depressione colpisce una persona su quattro in un momento...

Vaccini COVID 19: le sfide che ci attendono

Vaccini COVID 19-Immagine Credito: Oxford Univ./John Cairns / EPA-EFE / Shutterstock. Quando finalmente emergono risultati positivi sui vaccini COVID 19, i ricercatori devono aiutare il...