HomeSaluteVirus e parassitiCOVID 19: quale vaccino potrebbe influenzare il rischio di miocardite?

COVID 19: quale vaccino potrebbe influenzare il rischio di miocardite?

(COVID 19-Immagine Credit Public Domain).

L’incidenza di miocardite, pericardite o miopericardite è da due a tre volte superiore dopo una seconda dose del vaccino Moderna Spikevax COVID-19 rispetto al vaccino Pfizer BioNTech COVID-19; tuttavia, i casi complessivi di infiammazione cardiaca con entrambi i vaccini sono molto rari, secondo uno studio pubblicato sul Journal of the American College of Cardiology.

Lo studio ha mostrato che i maschi di età inferiore ai 40 anni che hanno ricevuto il vaccino Moderna hanno mostrato di avere i tassi più alti di miocardite, che, secondo gli autori, potrebbero avere implicazioni nella scelta di vaccini specifici per determinate popolazioni.

- Advertisement -

Due vaccini mRNA COVID-19 sono stati approvati per l’uso: Pfizer BioNTech (BNT162b2) e Moderna Spikevax (mRNA-1273). Al 20 marzo 2022, in Canada, dove è stato condotto questo studio, sono state somministrate oltre 52 milioni di dosi di Pfizer e 22 milioni di dosi di Moderna. Gli studi clinici hanno dimostrato che i vaccini sono sicuri e il monitoraggio delle persone vaccinate ha mostrato che gli effetti collaterali sono lievi e scompaiono da soli. Tuttavia, dopo entrambi i vaccini sono stati osservati alcuni effetti collaterali rari ma gravi, principalmente miocardite (infiammazione del cuore).

Sebbene siano stati condotti molti studi su entrambi i vaccini, sono stati condotti pochi studi per confrontare direttamente la sicurezza dei due vaccini mRNA. I ricercatori in questo studio hanno cercato di confrontare il rischio di miocardite, pericardite e miopericardite tra i vaccini Pfizer e Moderna COVID-19.

I partecipanti allo studio avevano 18 anni o più e avevano ricevuto due dosi primarie di vaccino Pfizer o Moderna nella Columbia Britannica, in Canada, con la seconda dosericevuta tra il 1 gennaio 2021 e il 9 settembre 2021. Individui la cui prima o seconda i colpi sono stati somministrati al di fuori della British Columbia o hanno avuto una storia di miocardite o pericardite entro un anno prima della loro seconda dose sono stati esclusi.

In tutto sono state somministrate più di 2,2 milioni di seconde dosi di Pfizer e più di 870.000 dosi di Moderna. Entro 21 giorni dalla seconda dose, si sono verificati in totale 52 casi di miocardite (21 Pfizer e 31 Moderna) e 41 casi di pericardite (21 Pfizer e 20 Moderna). I ricercatori hanno anche esaminato i tassi per milione di dosi e il tasso era di 35,6 casi per milione per Moderna e 12,6 per milione per Pfizer, un aumento di quasi tre volte dopo i vaccini di Moderna contro Pfizer. In confronto, i tassi di miocardite nella popolazione generale nel 2018 erano 2,01 per milione nelle persone di età inferiore ai 40 anni e 2,2 per milione nelle persone di età superiore ai 40 anni.

- Advertisement -

I tassi di miocardite e pericardite erano più alti con il vaccino Moderna sia nei maschi che nelle femmine di età compresa tra 18 e 39 anni, con i tassi per milione più alti nei maschi di età compresa tra 18 e 29 anni dopo una seconda dose di Moderna.

Secondo gli autori, i risultati supportano la raccomandazione a determinate popolazioni di ricevere determinati vaccini per massimizzare i benefici e ridurre al minimo gli eventi avversi.

Vedi anche:Vaccino COVID 19 di nuova generazione produce anticorpi persistenti

“Sono state condotte poche analisi basate sulla popolazione per confrontare direttamente la sicurezza dei due vaccini mRNA COVID-19, che differiscono in modi importanti che potrebbero influire sulla sicurezza”, ha affermato Naveed Janjua, MBBS, DrPH, autore principale dello studio ed epidemiologo e  Direttore esecutivo di Data and Analytic Services presso il British Columbia Center for Disease Control. “I nostri risultati hanno implicazioni per la strategia di lancio dei vaccini mRNA, che dovrebbero anche considerare la natura autolimitante e lieve della maggior parte degli eventi di miocardite, i benefici forniti dalla vaccinazione, una maggiore efficacia del vaccino Moderna contro infezioni e ospedalizzazione [trovato in studi precedenti] e l’apparente rischio più elevato di miocardite dopo l’infezione da COVID-19 rispetto alla vaccinazione con mRNA”.

I limiti dello studio includono il fatto che fosse osservazionale, il che limita la capacità di determinare la causalità tra vaccinazione e miocardite o pericardite. Tuttavia, nel disegno dello studio è stata assicurata la temporalità per limitare il tempo studiato tra la dose di vaccino e la diagnosi di miocardite/pericardite. Inoltre, lo studio si è basato sui dati delle visite in ospedale e al pronto soccorso e potrebbe aver perso alcuni casi meno gravi.

In un commento editoriale correlato, Guy Witberg, MD, MPH, cardiologo presso il Rabin Medical Center di Petah-Tikva, Israele, ha scritto che lo studio è rassicurante per la sicurezza del vaccino poiché fornisce ulteriori dati sul fatto che la miocardite è un evento avverso molto raro dopo entrambi vaccini ed è un passo importante verso un approccio personalizzato alla somministrazione dei vaccini COVID-19.

“Lo studio dovrebbe aiutare a mettere a tacere l'”esitazione al vaccino” a causa delle preoccupazioni per gli eventi avversi cardiaci”, ha affermato Witberg. “Questo è solo uno dei pochi confronti diretti tra i due vaccini mRNA ampiamente adottati e i suoi risultati hanno implicazioni politiche pratiche: per un segmento sostanziale della popolazione che soffre di malattie cardiovascolari … questi dati forniscono un valido argomento per utilizzare preferenzialmente il BNT162b2 [ Pfizer] su mRNA-1273 [Moderna]”.

Fonte:Journal of the American College of Cardiology

ULTIMI ARTICOLI

Encefalite anti-NMDA: curato con successo un bambino affetto da questa malattia misteriosa

Encefalite anti-NMDA-Immagine Credit  Rutgers University.  Un bambino che soffriva di encefalite anti-NMDAR (recettore N-metil-D-aspartato), una disfunzione cerebrale rara e difficile da diagnosticare, è stato curato...

Depressione: sviluppato un antidepressivo nuovo e migliore

Depressione-Immagine Credit Public Domain. I farmaci antidepressivi attualmente disponibili hanno effetti collaterali spiacevoli, proprietà di dipendenza o possono indurre la schizofrenia. Lo sviluppo di antidepressivi a...

Cancro del pancreas: nuovo trattamento dissolve il cancro nell’80% dei casi

Cancro del pancreas-Immagine Credit Scitechdaily Il nuovo approccio, che combina farmaci chemioterapici tradizionali con un nuovo metodo di irradiazione del cancro del pancreas, è risultato...

Memoria a breve termine: la terapia laser la migliora

Memoria-Immagine Credito: Pixabay/CC0 Dominio pubblico. La laser terapia ha dimostrato di essere efficace nel migliorare la memoria a breve termine in uno studio pubblicato su...

Carne di organi e frattaglie sono sane da mangiare?

Sebbene la maggior parte delle persone mangi raramente frattaglie, ovvero carne di organi, in realtà sono ricche di importanti vitamine, minerali e micronutrienti che possono...