HomeSaluteVirus e parassitiCOVID 19: l'OMS sconsiglia l'uso di due terapie anticorpali

COVID 19: l’OMS sconsiglia l’uso di due terapie anticorpali

(COVID 19 Immagine: Sotrovimab e Casirivimab-Imdevimab non sono più raccomandati per i pazienti con COVID. Credit Public Domain).

La nuova guida dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) sconsiglia vivamente l’uso delle terapie anticorpali Sotrovimab e Casirivimab-Imdevimab per il trattamento di pazienti con COVID-19.

Questa guida, pubblicata sul British Medical Journal, sostituisce le precedenti raccomandazioni condizionali per l’uso di questi farmaci. Si basa su prove emergenti che è probabile che non funzionino contro le attuali varianti di COVID come l’omicron.

- Advertisement -

Ciò significa che, almeno per il momento, non esistono terapie anticorpali raccomandate per il trattamento del COVID. Ci sono, tuttavia, ancora altre opzioni di trattamento. Diamo un’occhiata.

Sappiamo che COVID grave è causata da danni collaterali del nostro stesso sistema immunitario. Alcuni dei trattamenti COVID più efficaci sono i farmaci antinfiammatori, che riducono le risposte immunitarie esagerate contro il virus. Una forte evidenza continua a supportare l’uso di farmaci come corticosteroidi, anti-IL-6 e Baricitinib.

Separati dai farmaci antinfiammatori, abbiamo due tipi di terapie che prendono di mira direttamente SARS-CoV-2, il virus che causa il COVID-19. Questi sono farmaci antivirali e trattamenti con anticorpi.

I farmaci antivirali consentono al virus di entrare nelle nostre cellule, ma ne impediscono la replicazione, riducendo così l’impatto di un’infezione.

- Advertisement -

Remdesivir, originariamente sviluppato per l’epatite C, mantiene l’efficacia contro le sottovarianti di omicron BA.2.12.1, BA.4 e BA.5 in laboratorio. Nella nuova guida l’OMS ha raccomandato condizionalmente il Remdesivir per il trattamento di pazienti con COVID 19 grave, ma ne ha sconsigliato l’uso per i pazienti che sono gravemente malati, sulla base dei risultati di una serie di recenti studi randomizzati.

Altri antivirali includono Molnupiravir, che l’OMS continua a raccomandare in modo condizionale e Nirmatrelvir e Ritonavir (una combinazione nota come Paxlovid), che è fortemente raccomandato. Questi farmaci vengono assunti per via orale, mentre il Remdesivir viene somministrato per via endovenosa.

 

Nel frattempo, le terapie anticorpali funzionano rivestendo una proteina sulla superficie di SARS-CoV-2, chiamata proteina spike, impedendo così al virus di entrare nelle cellule umane. Possono anche aiutare a eliminare le cellule infette che sono state dirottate dal virus.

Sotrovimab è una di queste terapie anticorpali. È un anticorpo monoclonale, il che significa che prende di mira solo una regione specifica della proteina spike del virus. Negli studi clinici condotti prima dell’emergere della variante omcron, Sotrovimab ha ridotto il rischio di progressione della malattia.

Ciò ha portato alla sua autorizzazione di emergenza da parte della Food and Drug Administration statunitense e dell’Agenzia di regolamentazione dei medicinali e dei prodotti sanitari del Regno Unito nel 2021.

Vedi anche:COVID 19: studio rivela come danneggia il cuore

Allora cosa è cambiato?

Una sfida chiave che deriva dall’utilizzo di anticorpi monoclonali per gestire le infezioni da SARS-CoV-2 è che si legano solo a una singola regione della proteina spikeCon l’evoluzione del virus, questa regione della proteina che gli anticorpi riconoscono può essere alterata da mutazioni. Quindi non è del tutto sorprendente che gli studi di laboratorio suggeriscano che l’emergere di omicron abbia ridotto l’efficacia di Sotrovimab.

Casirivimab-Imdevimab combina due anticorpi monoclonali, mirando così a due diverse regioni della proteina spike, per cercare di superare la velocità con cui SARS-CoV-2 può cambiare. Ma questa combinazione si è rivelata inefficace nel prevenire l’infezione da omicron negli esperimenti di laboratorio, portando l’OMS a cambiare il suo consiglio.

Un'illustrazione di SARS-CoV-2, il coronavirus che causa COVID-19.
I farmaci anticorpali agiscono legandosi alla proteina spike di SARS-CoV-2, neutralizzando la capacità del virus di infettare le nostre cellule. Design_Cells/Shutterstock
Le prove si evolveranno insieme al virus

Le agenzie di regolamentazione e l’OMS tengono d’occhio il modo in cui i trattamenti esistenti rispondono alle varianti emergenti ed emettono raccomandazioni di prescrizione di conseguenza.

Per i farmaci come il Remdesivir che hanno un impatto modesto su alcuni gruppi di pazienti, l’OMS emette raccomandazioni condizionali. I farmaci che continuano a funzionare costantemente ricevono forti raccomandazioni, ma anche questi sono soggetti a revisione man mano che il virus si evolve.

Sebbene possa sembrare allarmante che l’OMS abbia cambiato idea su questi due trattamenti con anticorpi, in realtà è un segno che il processo scientifico sta funzionando come dovrebbe.

Questa è ora la 12a iterazione della linea guida dell’OMS ed è probabile che i consigli sulla fornitura di trattamenti COVID 19 continuino ad essere aggiornati man mano che la pandemia si sviluppa.

Chi sarà più colpito dal virus?

Nella lotta al contagio non siamo tutti uguali. La vaccinazione ha ridotto significativamente il rischio di COVID 19 grave per la stragrande maggioranza della popolazione. Tuttavia, alcune persone nascono con un sistema immunitario carente o ricevono trattamenti che indeboliscono le loro risposte immunitarie più avanti nella vita, ad esempio dopo aver ricevuto un trapianto d’organo o una chemioterapia. Alcune infezioni o malattie croniche possono danneggiare ulteriormente il sistema immunitario, che si indebolisce naturalmente con l’età.

Una delle forme più comuni di immunodeficienza è l’incapacità di produrre abbastanza anticorpi dopo la vaccinazione o l’infezione. Quindi le terapie anticorpali, che cercano di integrare o sostituire artificialmente quegli anticorpi, andranno a beneficio in particolare di molte persone immunocompromesse.

Sebbene garantire che gli anticorpi monoclonali rimangano efficaci contro un virus in rapida evoluzione è una sfida enorme, questa non è necessariamente la fine di questo tipo di trattamento per COVID. È possibile identificare gli anticorpi monoclonali di nuova generazione che neutralizzano meglio le sottovarianti dell’omicron, sebbene sia improbabile che anche questi rimangano efficaci a lungo.

Per gli immunocompromessi, ma anche per il pubblico in generale, è necessaria una continua ricerca e l’accesso a trattamenti COVID efficaci: antivirali, anticorpi e altro.

Sfortunatamente, quando si ha a che fare con i virus a RNA, le mutazioni possono abbattere rapidamente le nostre difese. Per prolungare l’efficacia, i trattamenti combinati rappresenteranno un importante passo avanti rispetto alle terapie a agente singolo.

Fonte:The Conversation

ULTIMI ARTICOLI

Encefalite anti-NMDA: curato con successo un bambino affetto da questa malattia misteriosa

Encefalite anti-NMDA-Immagine Credit  Rutgers University.  Un bambino che soffriva di encefalite anti-NMDAR (recettore N-metil-D-aspartato), una disfunzione cerebrale rara e difficile da diagnosticare, è stato curato...

Depressione: sviluppato un antidepressivo nuovo e migliore

Depressione-Immagine Credit Public Domain. I farmaci antidepressivi attualmente disponibili hanno effetti collaterali spiacevoli, proprietà di dipendenza o possono indurre la schizofrenia. Lo sviluppo di antidepressivi a...

Cancro del pancreas: nuovo trattamento dissolve il cancro nell’80% dei casi

Cancro del pancreas-Immagine Credit Scitechdaily Il nuovo approccio, che combina farmaci chemioterapici tradizionali con un nuovo metodo di irradiazione del cancro del pancreas, è risultato...

Memoria a breve termine: la terapia laser la migliora

Memoria-Immagine Credito: Pixabay/CC0 Dominio pubblico. La laser terapia ha dimostrato di essere efficace nel migliorare la memoria a breve termine in uno studio pubblicato su...

Carne di organi e frattaglie sono sane da mangiare?

Sebbene la maggior parte delle persone mangi raramente frattaglie, ovvero carne di organi, in realtà sono ricche di importanti vitamine, minerali e micronutrienti che possono...