HomeSaluteVirus e parassitiCOVID-19 in India: pazienti colpiti da un raro 'fungo nero'

COVID-19 in India: pazienti colpiti da un raro ‘fungo nero’

In India, i pazienti COVID-19 stanno sviluppando una rara, ma fatale infezione fungina, soprannominata “fungo nero”Partendo dalle vie aeree, si diffonde attraverso il corpo.

Le immagini di pazienti con “fungo nero” sono davvero scioccanti. L’infezione spesso inizia nei seni o nei polmoni e si diffonde alle ossa e ad altri tessuti del corpo. Nei casi peggiori, un’infezione da fungo nero può attaccare gli occhi e il cervello. Può essere fatale. 

Dopo un’operazione per fermare l’infezione, i volti dei pazienti appaiono spesso come mutilati o totalmente sfigurati. Diverse riveste hanno deciso di non pubblicare tali immagini in quanto possono essere sciccanti. Ma il fatto è che i medici in India stanno diagnosticando il fungo nero – noto dal punto di vista medico come mucormicosi – sempre di più nei pazienti COVID-19. I pazienti con un sistema immunitario indebolito sono a maggior rischio di contrarre la mucormicosi. Ciò include i pazienti che si sono appena ripresi da un’infezione da COVID-19.

- Advertisement -

La mucormicosi è un’infezione rara. Le persone lo contraggono quando entrano in contatto con i mucormiceti, un tipo di muffa.

In questo momento, in India, con il paese che combatte un’intensa ondata di SARS-CoV-2 , i pazienti devono soffrire anche di questo.

“La situazione è molto grave”, ha affermato Oliver Cornely, Professore di ricerca traslazionale presso il Centro europeo di eccellenza per le infezioni fungine invasive di Colonia, in Germania. “I medici in India riferiscono che il numero di casi di mucormicosi è aumentato drasticamente e che gli Ospedali più grandi la diagnosticano nei pazienti ogni due giorni”, ha detto Cornely. “Sono soprattutto quei pazienti che hanno avuto un’infezione da COVID-19 ad essere colpiti da mucormicosi e anche quelli che si sono ripresi, stanno contraendo il fungo. Tuttavia, al momento il numero esatto di casi non è chiaro”.
Pilzinfektion
In tutto il mondo, circa 1,5 milioni di persone muoiono ogni anno per infezioni fungine.

Come un film dell’orrore

La muffa infetta principalmente le aree superficiali del corpo, come la pelle. Ma infetta anche le parti interne del corpo che vengono a contatto con l’aria. Quando le persone inalano le spore fungine, le spore entrano nei seni e si diffondono alle vie aeree più profonde del corpo.

“Il fungo inizia nei seni e si diffonde attraverso la mucosa nelle ossa”, ha spiegato Cornely. “Può anche passare dalle ossa agli occhi, alle orbite, ai muscoli e ai nervi“.    Quando ciò accade, i chirurghi devono spesso rimuovere un intero occhio per salvare la vita di un paziente. È un’operazione radicale, ma vista come l’unico modo per i medici di rimuovere il tessuto infetto. “Il fungo può anche infettare il cervello”, ha aggiunto Cornely. Quando ciò accade, è quasi sempre fatale. Dipende da quanto velocemente e quanto bene il paziente riceve il trattamento. Il tasso di mortalità è compreso tra il 50 e il 90%.

Quasi inarrestabile

- Advertisement -

I sintomi iniziali sono spesso abbastanza comuni: occhi rossi o naso arrossato. Successivamente, i pazienti possono avere secrezioni nasali sanguinolente o nere, forse anche febbre e possono avere difficoltà a respirare. È importante trattare una mucormicosi il prima possibile. Ma i medici sono spesso lenti a riconoscere i sintomi e l’infezione e ad adottare misure appropriate. “Non c’è dubbio che i medici in India hanno abbastanza esperienza per individuare una mucormicosi, ma anche loro normalmente non vedono tali infezioni frequentemente”, ha detto Cornely. “Ma questa è precisamente la situazione che devono affrontare ora”, ha aggiunto.   
Nella maggior parte dei casi, l’unico modo per fermare l’infezione è attraverso una procedura chirurgica. 

“Se l’infezione si è diffusa dai seni agli occhi, i chirurghi potrebbero dover rimuovere parti del viso”, ha detto Cornely. “Il mucor distrugge tutto il tessuto che trova sulla sua strada. Ciò include i vasi sanguigni, e ciò significa che qualsiasi farmaco non verrà trasportato dove è necessario nel corpo. Quindi, un’operazione di solito è l’unica strada da percorrere”.

Gruppo ad alto rischio: persone con diabete

I pazienti diabetici sono un gruppo a rischio e in India il numero di persone con diabete è alto. “Particolarmente a rischio sono quelle persone che hanno il diabete, ma che non sono mai state curate per questa patologia”, ha detto il ricercatore.

Il loro sistema immunitario è indebolito. E tra quei diabetici, la cui condizione non è mai stata curata, la mucosa può produrre una molecola che funge addirittura da recettore per le spore fungine. “È così che le spore si attaccano al corpo, e non appena lo hanno fatto, iniziano a crescere e costruire un fungo filiforme”, ha spiegato Cornely.

Prima COVID, poi un’infezione fungina

I pazienti COVID-19 sono a rischio perché il loro sistema immunitario è già indebolito. Ciò potrebbe contribuire all’aumento dei casi di mucormicosi in India. Ma allo stesso tempo c’è l’effetto del cortisone. Il cortisone inibisce le infezioni, ma limita anche il sistema immunitario. Una volta che ler spore sono nel corpo e il fungo ha iniziato a diffondersi, la prognosi per i pazienti è negativa. Quindi, ciò che è buono per una infezione, apre una porta per l’altra.

“Questi funghi non appartengono veramente alle persone. Il loro dovere ecologico, per così dire, è quello di degradare legno, piante e altri cadaveri”, ha detto Cornely. Di solito vivono nel terreno, ma possono anche essere trovati nel cibo in decomposizione, come la frutta.

Ma perché tanti casi in India ? 

“È possibile”, ha ipotizzato Cornely, “che abbia qualcosa a che fare con il clima diverso nell’Asia meridionale, che sia diverso dalla Germania, dove il fungo di solito colpisce solo una o due persone su un milione all’anno”. Cornely ha detto che è anche possibile che le persone in India siano soggette a un livello più alto dell’agente patogeno. Gli standard di igiene potrebbero essere inferiori e anche la povertà e le condizioni di vita anguste potrebbero avere un ruolo. Tutti questi aspetti possono facilitare la diffusione della malattia. “È attraverso il COVID-19”, ha detto Cornely, “che le malattie che sono altrimenti rare stanno venendo più alla ribalta ora e la mucormicosi è solo una di queste”.

Fonte: Scienze

 

ULTIMI ARTICOLI

COVID-19 in India: pazienti colpiti da un raro ‘fungo nero’

In India, i pazienti COVID-19 stanno sviluppando una rara, ma fatale infezione fungina, soprannominata "fungo nero". Partendo dalle vie aeree, si diffonde attraverso il corpo. Le...

Mieloma multiplo: sviluppata promettente terapia

(Mieloma multiplo-Immagine Credito: National Cancer Institute Dana-Farber Harvard Cancer Center). Uno studio preclinico ha scoperto che il mieloma multiplo è altamente sensibile a una...

Depressione: dimostrato il ruolo del litio nella ideazione suicidaria

(Depressione:Immagine Credit Public Domain). Il disturbo dell'umore, in particolare la depressione e il disturbo bipolare, sono il principale fattore di rischio intrinseco per l'ideazione suicidaria....

Influenza aviaria: possibile un’altra pandemia?

Influenza aviaria-Immagine Credit  Christian Charisius/Aliance Picture   Il primo focolaio confermato di virus dell'influenza aviaria ad alta patogenicità (HPAIV) negli uccelli è stato documentato in Scozia...

La peste bubbonica ha avuto effetto sui geni dell’immunità

(Peste bubbonica-Immagine Credit Public Domain). Gli scienziati che hanno esaminato i resti di 36 vittime della peste bubbonica da una fossa comune del XVI secolo...