HomeSaluteVirus e parassitiCOVID 19 grave può scatenare l'iperglicemia

COVID 19 grave può scatenare l’iperglicemia

(COVID 19-Immagine Credit Public Domain).

Secondo un nuovo studio condotto dai ricercatori della Weill Cornell Medicine e del NewYork-Presbyterian, COVID-19 può portare ad alti rischi di malattia grave e morte in molti pazienti interrompendo i segnali metabolici chiave e innescando così l’iperglicemia.

Nello studio, riportato su Cell Metabolism, i ricercatori hanno scoperto che l’iperglicemia – alti livelli di zucchero nel sangue – è comune nei pazienti ospedalizzati con COVID-19 e fortemente associata a esiti peggiori. I ricercatori hanno anche trovato prove che suggeriscono che SARS-CoV-2, il coronavirus che causa il COVID 19, può indurre l’iperglicemia interrompendo la produzione di adiponectina da parte delle cellule adipose, un ormone che aiuta a regolare i livelli di zucchero nel sangue.

- Advertisement -

“Normalmente non pensiamo che le cellule adipose siano molto attive, ma in realtà sintetizzano molte proteine ​​​​protettive per il tuo corpo e sembra che SARS-CoV-2 possa disabilitare tale protezione in molti pazienti”, ha affermato il Dott. James Lo, Professore associato di medicina presso il Weill Center for Metabolic Health and Cardiovascular Research Institute presso Weill Cornell Medicine e cardiologo presso il NewYork-Presbyterian/Weill Cornell Medical Center.

L’iperglicemia, la caratteristica principale del diabete, è associata all’infiammazione e all’indebolimento dell’immunità contro le infezioni ed è stata riconosciuta come un fattore di rischio significativo per COVID-19 grave all’inizio della pandemia. Tuttavia, in seguito i medici hanno iniziato a trovare prove che il COVID 19 fosse associato all’iperglicemia in pazienti che non avevano una storia di diabete.

Per comprendere meglio questo aspetto importante, ma misterioso di COVID 19, Lo e colleghi hanno analizzato i record di 3.854 pazienti che sono stati ricoverati con COVID 19 presso il NewYork-Presbyterian Hospital/Weill Cornell Medical Center e gli Ospedali affiliati nei primi mesi della pandemia negli Stati Uniti.

I ricercatori hanno scoperto che una percentuale notevolmente elevata (49,7%) di questi pazienti presentava iperglicemia o la sviluppava durante le degenze ospedaliere.

- Advertisement -

Anche l’iperglicemia in questi pazienti è stata sorprendentemente associata a esiti peggiori della malagttia. Rispetto ai pazienti con normali livelli di zucchero nel sangue, i pazienti con iperglicemia avevano nove volte più probabilità di sviluppare una grave disfunzione polmonare (sindrome da distress respiratorio acuto, o ARDS), 15 volte più probabilità di ricevere ventilazione meccanica e tre volte più probabilità di morire.

Sorprendentemente, i ricercatori hanno scoperto che l’iperglicemia e i gravi rischi che comporta si verificano anche in altre forme di grave disfunzione polmonare non COVID-19: l’hanno trovata nella stessa proporzione nei casi di ARDS associati alla condizione e nei casi di ARDS da cause non COVID-19 come una grave influenza o una polmonite batterica.

Tuttavia, l’iperglicemia in questi ultimi casi sembrava essere causata principalmente dalla morte o dalla disfunzione delle cellule beta che producono insulina, il principale ormone che regola i livelli di zucchero nel sangue.

Al contrario, l’iperglicemia in COVID-19 è principalmente causata dall’insulino-resistenza, in cui l’insulina è presente, ma i tessuti su cui agisce normalmente non sono più sensibili ad essa”, ha affermato il primo autore Dr. Moritz Reiterer, un borsista post-dottorato nel laboratorio di Lo.

Ulteriori test hanno rivelato che i pazienti affetti da COVID-19 ARDS avevano gravi diminuzioni dei livelli ematici di adiponectina, un ormone prodotto dalle cellule adipose che normalmente ha un effetto protettivo contro il diabete aumentando la sensibilità all’insulina.

Non è ancora chiaro come SARS-CoV-2 interrompa la produzione di adiponectina da parte delle cellule adipose. Può farlo indirettamente, aumentando il livello generale di infiammazione, che a sua volta distrugge le cellule adipose. Ma i ricercatori hanno dimostrato che SARS-CoV-2 può infettare le cellule adipose umane e di topo, suggerendo la possibilità che il virus interrompa la produzione di adiponectina in questo modo diretto nei pazienti COVID-19.

Vedi anche:COVID 19: dieta antinfiammatoria previene l’infezione

I risultati aprono una nuova prospettiva offrendo, tra le altre cose, una nuova spiegazione del perché alcune persone hanno esiti peggiori dalla malattia.

“I pazienti con obesità, ad esempio, potrebbero essere più vulnerabili a COVID-19 perché potrebbero già avere un certo grado di resistenza all’insulina e disfunzione delle cellule adipose, e forse le loro cellule adipose sono più suscettibili alle infezioni“, ha affermato Lo.

I risultati suggeriscono anche che una classe di farmaci per il diabete chiamati Tiazolidinedioni, che aumentano la produzione di adiponectina, può essere utile nel trattamento della condizione quando include l’iperglicemia. Sono necessarie ulteriori ricerche prima che questa strategia diventi clinicamente attuabile.

KIl ricercatore Lo sta ora studiando se l’iperglicemia indotta da COVID-19 persiste e si trasforma in diabete anche dopo il recupero.

Fonte: Cornell University

ULTIMI ARTICOLI

Paradosso biologico offre nuove intuizioni sul mistero del cancro

(Cancro-Immagine: Carlo Maley è ricercatore presso il Biodesign Center for Biocomputing, Security and Society presso l'Arizona State University.Credito: The Biodesign Institute presso l'Arizona State...

Malattie da prioni: come muoiono le cellule cerebrali

(Malattie da prioni-Immagine:neuroni cresciuti in coltura che esprimono una proteina prionica mutante (ciano) che causa malattie da prioni nell'uomo. Questi neuroni mostrano assoni rigonfi che...

Vaccinazione: cosa guida la scelta?

(Vaccinazione-Immagine: modello che collega le variabili di fondo non specifiche del COVID e quelle specifiche del COVID con i cambiamenti nell'intenzione di vaccinazione. Attestazione: PNAS). Nell'esaminare il...

Dolore cronico legato a differenze nella struttura cerebrale

Sapevi che la principale causa di disabilità nel mondo è il dolore cronico? Milioni e milioni di persone vivono la loro quotidianità segnata dal dolore. Non solo causa...

Malattia di von Hippel-Lindau: Belzutifan offre nuova speranza

(Malattia di von Hippel-Lindau-Immagine Credit Public Domain). I pazienti con malattia di von Hippel-Lindau, una condizione genetica causata da una mutazione nel gene VHL che...