HomeSaluteVirus e parassitiCOVID 19 grave e deterioramento cognitivo

COVID 19 grave e deterioramento cognitivo

(COVID 19-Immagine Credit Public Domain).

Il deterioramento cognitivo a causa di COVID 19 grave è simile a quello sostenuto tra i 50 ei 70 anni ed equivale a perdere 10 punti QI, afferma un team di scienziati dell’Università di Cambridge e dell’Imperial College London.

I risultati, pubblicati sulla rivista eClinicalMedicine, emergono dal NIHR COVID-19 BioResource. I risultati dello studio suggeriscono che gli effetti della COVID 19 grave sono ancora rilevabili più di sei mesi dopo la malattia acuta e che qualsiasi guarigione è nella migliore delle ipotesi graduale.

- Advertisement -

Vi sono prove crescenti che COVID-19 può causare problemi di salute cognitiva e mentale duraturi, con pazienti guariti che riferiscono sintomi tra cui affaticamento, “nebbia del cervello”, problemi nel ricordare le parole, disturbi del sonno, ansia e persino disturbo da stress post-traumatico (PTSD) mesi dopo infezione. Nel Regno Unito, uno studio ha rilevato che circa una persona su sette intervistata ha riferito di avere sintomi che includevano difficoltà cognitive 12 settimane dopo un test COVID-19 positivo.

Mentre anche i casi lievi possono portare a sintomi cognitivi persistenti, tra un terzo e tre quarti dei pazienti ricoverati riferiscono di soffrire ancora di sintomi cognitivi da tre a sei mesi dopo.

Per esplorare questo collegamento in modo più dettagliato, i ricercatori hanno analizzato i dati di 46 persone che hanno ricevuto cure ospedaliere, nel reparto o nell’unità di terapia intensiva, per COVID-19 presso l’Ospedale di Addenbrooke, parte del Cambridge University Hospitals NHS Foundation Trust. 16 pazienti sono stati sottoposti a ventilazione meccanica durante la loro degenza in Ospedale. Tutti i pazienti sono stati ammessi tra marzo e luglio 2020 e sono stati reclutati presso il NIHR COVID-19 BioResource.

Gli individui sono stati sottoposti a test cognitivi computerizzati dettagliati una media di sei mesi dopo la loro malattia acuta utilizzando la piattaforma Cognitron, che misura diversi aspetti delle facoltà mentali come memoria, attenzione e ragionamento. Sono state inoltre valutate scale che misurano l’ansia, la depressione e il disturbo da stress post-traumaticoI loro dati sono stati confrontati con i controlli abbinati.

- Advertisement -

Questa è la prima volta che viene effettuata una valutazione e un confronto così rigorosi in relazione agli effetti collaterali del COVID 19 grave.

I sopravvissuti a COVID-19 erano meno accurati e con tempi di risposta più lenti rispetto alla popolazione di controllo abbinata e questi deficit erano ancora rilevabili sei mesi dopo. Gli effetti sono stati più forti per coloro che hanno richiesto la ventilazione meccanica. Confrontando i pazienti con 66.008 membri del pubblico in generale, i ricercatori stimano che l’entità della perdita cognitiva è in media simile a quella sostenuta con un’età di 20 anni, tra i 50 e i 70 anni e che ciò equivale a perdere 10 punti del QI.

I sopravvissuti hanno ottenuto punteggi particolarmente scarsi in compiti come il ragionamento analogico verbale, una scoperta che supporta il problema comunemente segnalato della difficoltà a trovare le parole. Hanno anche mostrato velocità di elaborazione più lente, che si allineano con le precedenti osservazioni post COVID-19 del ridotto consumo di glucosio nel cervello all’interno della rete frontoparietale del cervello, responsabile dell’attenzione, della complessa risoluzione di problemi e della memoria di lavoro, tra le altre funzioni.

Il Prof. David Menon della Divisione di Anestesia dell’Università di Cambridge, autore senior dello studio, ha dichiarato: “Il deterioramento cognitivo è comune a un’ampia gamma di disturbi neurologici, inclusa la demenza, e persino l’invecchiamento di routine, ma i modelli che abbiamo visto: quelli cognitivi “l’impronta digitale” di COVID-19 era distinta da tutte queste“.

Sebbene sia ormai accertato che le persone che si sono riprese da una grave malattia da COVID-19 possono presentare un ampio spettro di sintomi di cattiva salute mentale: depressione, ansia, stress post-traumatico, scarsa motivazione, affaticamento, umore basso e sonno disturbato, il team ha scoperto che la gravità della malattia acuta era migliore nel predire i deficit cognitivi.

I punteggi dei pazienti e i tempi di reazione hanno iniziato a migliorare nel tempo, ma i ricercatori affermano che qualsiasi recupero delle facoltà cognitive è stato nella migliore delle ipotesi graduale e probabilmente influenzato da una serie di fattori tra cui la gravità della malattia e il suo impatto neurologico o psicologico.

Vedi anche:COVID 19: potenziale trattamento dalla Salvia miltiorrhiza

Il Professor Menon ha aggiunto: “Abbiamo seguito alcuni pazienti fino a dieci mesi dopo la loro infezione acuta, quindi siamo stati in grado di vedere un miglioramento molto lento. Anche se questo miglioramento non era statisticamente significativo, indica che il paziente sta almeno andando nella giusta direzione, ma è molto probabile che alcuni di questi individui non si riprendano mai completamente”.

“Ci sono diversi fattori che potrebbero causare i deficit cognitivi”, affermano i ricercatori. L’infezione virale diretta è possibile, ma è improbabile che sia una delle cause principali; invece, è più probabile che una combinazione di fattori contribuisca, tra cui ossigeno o apporto di sangue inadeguato al cervello, blocco di vasi sanguigni grandi o piccoli a causa della coagulazione e sanguinamenti microscopici. Tuttavia, l’evidenza emergente suggerisce che il meccanismo più importante potrebbe essere il danno causato dalla risposta infiammatoria dell’organismo e dal sistema immunitario.

Mentre questo studio ha esaminato i casi ospedalizzati, il team afferma che anche quei pazienti non abbastanza malati da essere ricoverati possono anche avere segni rivelatori di lieve compromissione.

Il Professor Adam Hampshire del Dipartimento di scienze cerebrali dell’Imperial College London, il primo autore dello studio, ha dichiarato: “Circa 40.000 persone sono state sottoposte a terapia intensiva con COVID-19 nella sola Inghilterra e molte altre saranno state molto malate, ma non ricoverate in Ospedale. Ciò significa che un gran numero di persone là fuori ha ancora problemi cognitivi molti mesi dopo. Abbiamo urgente bisogno di capire cosa si può fare per aiutare queste persone”.

Il Professor Menon e il Professor Ed Bullmore del Dipartimento di Psichiatria di Cambridge sono co-leader di gruppi di lavoro nell’ambito del COVID-19 Clinical Neuroscience Study (COVID-CNS) che mira a identificare i biomarcatori correlati ai disturbi neurologici a seguito di COVID-19 e i cambiamenti di neuroimaging associati.

Fonte:eClinicalMedicine

 

 

ULTIMI ARTICOLI

Neuroblastoma: identificato il tallone di Achille

(Neuroblastoma-Immagine:cellule di neuroblastoma ingrandite. Credito: Baylor College of Medicine). Il neuroblastoma, un cancro infantile che si sviluppa dalle cellule neurali delle ghiandole surrenali, rappresenta il...

Come l’epatite E inganna il sistema immunitario

(Epatite E-Immagine Credit Public Domain). Ogni anno oltre 3 milioni di persone vengono infettate dal virus dell'epatite E. Finora non è disponibile alcun trattamento efficace. Un team...

IBD: integratore di clorofillina e verdure verdi alleviano la malattia intestinale

(Integratore di clorofillina-Immagine Credit Public Domain) L'integratore di clorofillina allevia le malattie infiammatorie intestinali (IBD), tra cui il morbo di Crohn e la colite ulcerosa,...

SARS-CoV-2: come il trattamento antivirale promuove l’emergere di nuove varianti

I pazienti con infezioni prolungate contribuiscono all'emergere di nuove varianti di SARS-CoV-2?  Un gruppo di ricerca del Leibniz Institute of Virology (LIV) e dell'University Medical...

Alzheimer: la Rapamicina induce un aumento delle beta amiloide

(Alzheimer-Immagine Credit Public Domain). La somministrazione orale di Rapamicina a un modello murino di malattia di Alzheimer induce un aumento delle placche proteiche beta (β)-amiloide, secondo...