Home Salute Virus e parassiti COVID 19 e gravidanza: sono maggiori i rischi?

COVID 19 e gravidanza: sono maggiori i rischi?

COVID 19 e gravidanza: sono maggiori i rischi? La gravidanza a volte può essere un periodo incerto e stressante nella migliore delle circostanze. Ma durante una pandemia, quell’ansia può moltiplicarsi rapidamente. I ricercatori stanno lavorando intensamente per saperne di più su ciò che il nuovo coronavirus – nonché sul suo impatto sulla nostra vita quotidiana – significa in questo momento per le persone in gravidanza. E gli operatori sanitari stanno pianificando con le madri, il modo migliore per come gestire al meglio le cure alla luce dei crescenti limiti sui contatti pubblici.

Sono più a rischio se sono incinta ?? Ecco cosa sappiamo finora:

La buona notizia è che finora non vi è stata alcuna indicazione che le donne in gravidanza siano più gravemente colpite dal nuovo virus“, afferma la Dott.ssa Denise Jamieson, Presidente del dipartimento di ginecologia e ostetricia di Emory Healthcare e autore senior di un documento di revisione in prestampa previsto per la pubblicazione sull’American Journal of Obstetrics & Gynecology.

- Advertisement -

Questa è una gradita sorpresa, poiché il coronavirus simile che ha causato la SARS ha avuto un tasso di mortalità molto più elevato per le donne in gravidanza (circa il 25%, secondo i dati limitati disponibili dall’epidemia del 2003) rispetto alla popolazione generale (circa il 10%).

Le valutazioni attuali e promettenti del nuovo coronavirus si basano in gran parte su uno studio pubblicato online il mese scorso su The Lancet , condotto su nove donne in gravidanza nel loro terzo trimestre a Wuhan, in Cina, che avevano polmonite causata da COVID-19. Nessuna delle donne ha sviluppato una grave malattia e tutti i loro bambini sono nati sani.

Secondo le attuali prove in Cina, le prestazioni cliniche delle donne in gravidanza con COVID-19 sono coerenti con quelle degli adulti normali“, afferma Jie Qiao, Direttore del Centro nazionale di ricerca clinica di ostetricia e ginecologia in Cina, che non era coinvolto in quello studio, ma autore di un commento al riguardo nello stesso numero di The Lancet.

Jamieson nota, tuttavia, che “non abbiamo molte prove da questo coronavirus”. E sebbene i dati delle gravidanze del terzo trimestre siano apparsi rassicuranti, non sappiamo ancora molto sul primo o sul secondo trimestre durante la malattia COVID-19. Quindi Jamieson, Qiao e altri esperti stanno seguendo da vicino i dati in evoluzione.

- Advertisement -

Vedi anche: SARS-CoV-2: cosa è vero e cosa è falso? Craig Martin cerca di fare chiarezza

Quali precauzioni extra dovrei prendere durante la gravidanza?

L’efficacia del sistema immunitario diminuisce durante la gravidanza, il che pone le donne in gravidanza a maggior rischio di contrarre molte malattie trasmissibili, sia di origine alimentare che respiratoria. “Le donne in gravidanza dovrebbero essere considerate un gruppo a rischio”, afferma Jamieson. Le raccomandazioni ufficiali durante la gravidanza sono attualmente più o meno le stesse della popolazione generale, incluso evitare la folla, stare lontano dai malati, lavarsi le mani frequentemente e non toccare il viso. Qiao porta avanti questi suggerimenti, aggiungendo che raccomanda di evitare le aree pubbliche, se possibile e di indossare una maschera quando si è fuori casa.  “Tranne importanti controlli della gravidanza”, dice, “si consiglia di consultare i medici online”.

Se mi ammalo, come posso proteggere il mio neonato?

Se ti ammali vicino alla data el parto con COVID-19 confermato o addirittura sospettato, ci sono precauzioni speciali da tenere presente. Anche se le nuove madri potrebbero non essere a rischio più elevato, è importante evitare di trasmettere il virus al neonato.  Le prime ricerche non hanno dimostrato che il virus può essere trasmesso in utero, durante il parto o attraverso il latte materno. Ma la trasmissione può avvenire dopo la nascita quando i bambini sono in stretto contatto con qualcuno che ha la malattia. Questo problema solleva decisioni difficili per le famiglie e gli operatori sanitari. La pratica di tenere un neonato nella stessa stanza d’Ospedale della madre dopo la nascita (nota come “rooming-in”) è diventata popolare in molti Ospedali statunitensi. Ma i Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie attualmente raccomandano di evitare il ricovero per le neomamme con infezioni COVID-19 diagnosticate o sospette.
Le linee guida (al momento della pubblicazione) affermano che questi neonati dovrebbero essere messi in isolamento e loro stessi trattati come presunti casi di coronavirus. “Lo scopo principale è quello di evitare il contatto ravvicinato con le madri, evitando la possibile infezione”, afferma Qiao. Pilliod fa notare che nella pratica, le linee guida del CDC saranno discusse con le famiglie in modo che comprendano i rischi delle loro decisioni di cura. I familiari sani possono scegliere di trascorrere del tempo in isolamento con i neonati.
Se un bambino viene portato in isolamento direttamente dopo la nascita, il CDC raccomanda alle donne malate che vorrebbero fornire latte materno per il loro bambino di usare un tiralatte, assicurandosi di praticare una buona igiene. L’allattamento al seno diretto potrebbe anche essere possibile se la madre infetta indossa una maschera, ma attualmente non è la prima scelta del CDC. “È una decisione difficile e penso che la madre debba essere coinvolta nella discussione sui rischi”, afferma Jamieson.
Cos’altro devo sapere se mi ammalo durante la gravidanza?
Sono in corso ricerche, ma al momento non esiste un trattamento o un vaccino definitivo per COVID-19. Tuttavia, quando ci sarà un vaccino o emergeranno delle cure specifiche, c’è una chiara possibilità che non vengano inizialmente approvati per l’uso durante la gravidanza e l’allattamento. “Questa è una delle maggiori preoccupazioni“, afferma Jamieson. Qiao osserva che gli individui dovrebbero anche fare attenzione quando scelgono farmaci da banco per il trattamento dei sintomi, poiché molti rimedi standard dovrebbero essere evitati durante la gravidanza. Con il grande aumento del numero di casi del nuovo virus, i ricercatori stanno raccogliendo più dati sull’impatto della malattia su donne in gravidanza, feti e neonati. La sintesi di tutte queste informazioni richiederà probabilmente del tempo aggiuntivo, ma alla fine aiuterà a guidare meglio la salute pubblica e le raccomandazioni per l’assistenza sanitaria. Nel frattempo, l’attacco migliore rimane una buona difesa. Ciò significa che le persone in gravidanza – e le persone che le circondano – dovrebbero seguire le migliori raccomandazioni attuali in materia di igiene personale e sociale.

ULTIMI ARTICOLI

Glaucoma: nuova terapia antifibrotica

(Glaucoma-Immagine Credit Public Domain). Scienziati dell'Università di Birmingham, Regno Unito, hanno dimostrato che un nuovo destrano-solfato a basso peso molecolare, ILB, potrebbe svolgere un ruolo...

Microbo intestinale può promuovere il cancro al seno

(Cancro al seno-Immagine: coltura tridimensionale di cellule di cancro al seno umano, con DNA colorato in blu e una proteina nella membrana della superficie...

Virus letali:prodotti naturali che bloccano la diffusione

(Virus letali-Immagine Credit Public Domain). I ricercatori della Scripps Institution of Oceanography e della Skaggs School of Pharmacy and Pharmaceutical Sciences dell'Università della California di...

COVID 19: identificata nuova causa di coaguli di sangue

(COVID 19-Immagine Credit Public Domain). I coaguli di sangue continuano a devastare i pazienti con grave infezione da COVID-19 e un nuovo studio spiega cosa...

Lo zenzero contrasta alcume malattie autoimmuni

(Zenzero-Immagine Credit Public Domain). Lo zenzero è noto per avere effetti anti-infiammatori e antiossidanti che lo rendono un popolare rimedio naturale per il trattamento delle...