HomeSaluteVirus e parassitiCOVID 19: cerotti senza ago per vaccini in arrivo

COVID 19: cerotti senza ago per vaccini in arrivo

(COVID 19-Immagine: un cerotto cutaneo e il suo applicatore testati per vaccinare contro Covid-19).

Vaccini efficaci, senza ago: dall’inizio della pandemia di COVID 19, i ricercatori hanno raddoppiato gli sforzi per creare cerotti che forniscano farmaci salvavita senza dolore, uno sviluppo che potrebbe rivoluzionare la medicina. I cerotti cutanei potrebbero aiutare negli sforzi di distribuzione, perché non hanno requisiti per la catena del freddo e potrebbero persino aumentare l’efficacia del vaccino.

Un nuovo studio sui topi, pubblicato sulla rivista Science Advances, ha mostrato risultati promettenti.

- Advertisement -

Il team australiano-statunitense ha utilizzato cerotti di un centimetro quadrato punteggiati da oltre 5.000 punte microscopiche, “così minuscole che non si possono effettivamente vedere”, spiega all’AFP David Muller, virologo dell’Università del Queensland e coautore dell’articolo. Queste punte sono state rivestite con un vaccino sperimentale e il cerotto viene applicato con un applicatore che ricorda un disco da hockey.

I ricercatori hanno utilizzato un cosiddetto vaccino “subunità” che riproduce i picchi che punteggiano la superficie del coronavirus. I topi sono stati iniettati tramite il cerotto nel corso di due minuti o con una siringa.

Il sistema immunitario di coloro che hanno ricevuto il cerotto ha prodotto alti livelli di anticorpi neutralizzanti dopo due dosi, anche nei polmoni, vitali per fermare COVID 19 e i cerotti hanno superato le siringhe.

I ricercatori hanno anche scoperto che un sottogruppo di topi, a cui è stata somministrata solo una dose di vaccino contenente una sostanza aggiuntiva chiamata adiuvante usata per stimolare la risposta immunitaria, “non si è affatto ammalato”, ha detto Muller.

- Advertisement -

Vedi anche:Vaccini COVID 19 sicuri nei casi di storia di allergie

Cosa rende il cerotto per vaccino COVID 19 più efficace?

“I vaccini vengono normalmente iniettati nei nostri muscoli, ma il tessuto muscolare non contiene molte cellule immunitarie necessarie per reagire al farmaco”, ha spiegato Muller. Per lo scienziato, i vantaggi logistici non potrebbero essere più chiari. Innanzitutto, quando applicato a secco su un cerotto, il vaccino è stabile per almeno 30 giorni a 25 gradi Celsius (77 gradi Fahrenheit) e una settimana a 40 °C (104 °F), rispetto a poche ore a temperatura ambiente per i vaccini Moderna e Pfizer. Questo offre un grande vantaggio soprattutto per i paesi in via di sviluppo. “In secondo luogo, è molto semplice da usare”, ha detto Muller. “Non hai necessariamente bisogno di professionisti medici altamente qualificati per consegnarlo”. Burak Ozdoganlar, Professore di ingegneria alla Carnegie Mellon University nella città statunitense di Pittsburgh, che lavora alla tecnologia dal 2007, vede ancora un altro vantaggio: “Una minore quantità di vaccino somministrata proprio sulla pelle può attivare una risposta immunitaria simile all’iniezione intramuscolare”. È un fattore importante poiché il mondo in via di sviluppo lotta per procurarsi abbastanza vaccino contro COVID.

Ozdoganlar può produrre circa 300-400 cerotti al giorno nel suo laboratorio, ma non è stato in grado di testarli sui vaccini mRNA, che sono venuti alla ribalta durante la pandemia, perché non è stato autorizzato da Pfizer o Moderna.

Spiegano gi autori:

“SARS-CoV-2 ha infettato più di 160 milioni di persone e ha provocato più di 3,3 milioni di morti e, nonostante la disponibilità di più vaccini, il mondo deve ancora affrontare molte sfide con il loro lancio. Qui, utilizziamo il cerotto per microarray ad alta densità (HD-MAP) per fornire un vaccino a subunità spike SARS-CoV-2 direttamente sulla pelle. Mostriamo che il vaccino è termostabile sui cerotti, con la consegna del cerotto che migliora le risposte immunitarie sia cellulari che anticorpali. Gli anticorpi provocati neutralizzano efficacemente gli isolati clinicamente rilevanti, comprese le varianti Alpha e Beta. Infine, una singola dose erogata da HD-MAP ha fornito una protezione completa da un virus letale in un modello murino transgenico ACE2“.

‘Il futuro’

Il cerotto utilizzato nello studio pubblicato venerdì è stato realizzato dalla società australiana Vaxxas, che è la più lontana. La sperimentazione umana è prevista da aprile.

In gara anche altre due aziende americane: Micron Biomedical e Vaxess. Quest’ultima, fondata nel 2013 e con sede in Massachusetts, sta lavorando a un tipo di cerotto leggermente diverso, con microaghi che si dissolvono nella pelle. Questo tipo di approccio ha il vantaggio di richiedere meno picchi per cerotto, solo 121, realizzati con un polimero proteico biocompatibile. “Stiamo lavorando a un prodotto combinato stagionale COVID e influenza che verrà spedito direttamente alle case dei pazienti, per l’autosomministrazione”, ha detto il CEO Michael Schrader all’AFP. Il vaccino COVID che il team della Vaxess sta utilizzando è prodotto dalla società Medigen, già autorizzata a Taiwan. Vaxess ha appena aperto una fabbrica vicino a Boston, con il finanziamento del National Institutes for Health degli Stati Uniti. Mirano a produrre cerotti sufficienti per vaccinare da 2.000 a 3.000 persone negli studi clinici, che verranno lanciati la prossima estate. La sfida principale in questo momento è la produzione, essere in grado di realizzare patch in massa. “Se vuoi lanciare un vaccino devi produrne centinaia di milioni”, ha detto Schrader. “Non abbiamo questi numeri ad oggi. Ma la pandemia ha dato una spinta al settore nascente, che ora sta attirando più investitori”.

“Questo è il futuro, secondo me, è inevitabile”, ha detto Schrader. “Penso che vedrai nei prossimi 10 anni, rimodellare in modo abbastanza drastico il modo in cui otteniamo i vaccini in tutto il mondo”.

Fonte: Science Advances

ULTIMI ARTICOLI

Paradosso biologico offre nuove intuizioni sul mistero del cancro

(Cancro-Immagine: Carlo Maley è ricercatore presso il Biodesign Center for Biocomputing, Security and Society presso l'Arizona State University.Credito: The Biodesign Institute presso l'Arizona State...

Malattie da prioni: come muoiono le cellule cerebrali

(Malattie da prioni-Immagine:neuroni cresciuti in coltura che esprimono una proteina prionica mutante (ciano) che causa malattie da prioni nell'uomo. Questi neuroni mostrano assoni rigonfi che...

Vaccinazione: cosa guida la scelta?

(Vaccinazione-Immagine: modello che collega le variabili di fondo non specifiche del COVID e quelle specifiche del COVID con i cambiamenti nell'intenzione di vaccinazione. Attestazione: PNAS). Nell'esaminare il...

Dolore cronico legato a differenze nella struttura cerebrale

Sapevi che la principale causa di disabilità nel mondo è il dolore cronico? Milioni e milioni di persone vivono la loro quotidianità segnata dal dolore. Non solo causa...

Malattia di von Hippel-Lindau: Belzutifan offre nuova speranza

(Malattia di von Hippel-Lindau-Immagine Credit Public Domain). I pazienti con malattia di von Hippel-Lindau, una condizione genetica causata da una mutazione nel gene VHL che...