Cosa succede dopo aver smesso di fumare

smettere di fumare
Il fumo di sigaretta è una delle principali cause di morte prevenibile nel mondo. Nonostante questo, alcuni fumatori non riescono a smettere di fumare e sono convinti che solo dopo molto tempo si potranno osservare miglioramenti per la salute.

In realtà, dopo aver smesso di fumare, i benefici sono quasi immediati: cominciano appena un’ora dopo l’ultima sigaretta.

I benefici sono quasi istantanei; non appena una persona smette di fumare il suo corpo comincia a recuperare nei seguenti modi:

Dopo 1 ora

In appena 20 minuti dopo l’ultima sigaretta, la frequenza cardiaca torna alla normalità.La pressione sanguigna inizia a scendere e la circolazione può iniziare a migliorare.

Dopo 12 ore

Le sigarette contengono molte tossine tra cui il monossido di carbonio, un gas presente nel fumo di sigaretta.

Questo gas può essere dannoso o fatale in dosi elevate e impedisce all’ossigeno di entrare nei polmoni e sangue. Quando inalato in grandi dosi in breve tempo, può causare asfissia per mancanza di ossigeno.

Dopo soli 12 ore senza una sigaretta, il corpo stesso si purifica dal monossido di carbonio in eccesso. Il livello di monossido di carbonio ritorna normale e aumentano i livelli di ossigeno nel corpo.

Dopo 1 giorno

Il giorno dopo aver smesso di fumare, il rischio di attacco di cuore comincia a diminuire.

Il fumo aumenta il rischio di sviluppare la malattia coronarica riducendo i livelli di colesterolo buono. Fumare aumenta anche la pressione sanguigna e aumenta il rischio di coaguli di sangue, aumentando il rischio diictus.

In meno di 1 giorno,  dopo aver smesso di fumare, la pressione del sangue di una persona inizia a diminuire, così come il rischio di malattie cardiache indotte dal fumo.  In questo breve periodo di tempo, i livelli di ossigeno di una persona sono già aumentati.

Dopo 2 giorni

Il fumo danneggia le terminazioni nervose responsabili dei sensi dell’olfatto e del gusto. Dopo soli due giorni dopo aver smesso di fumare, una persona può notare un elevato senso dell’olfatto e gusti più vividi.

Dopo 3 giorni

Circa 3 giorni dopo aver smesso di fumare, i livelli di nicotina nel corpo di una persona sono esauriti. Anche se è sano non avere nicotina nel corpo, questo svuotamento iniziale può causare problemi.Tre giorni dopo aver smesso, la maggior parte delle persone sperimenteranno sbalzi d’umore, irritabilità e forti mal di testa.

Dopo 1 mese

In non più di 1 mese, la funzione polmonare di una persona comincia a migliorare. Gli ex fumatori possono notare meno tosse e meno mancanza di respiro, una rinnovata capacità di svolgere attività fisica come correre e saltare.

Dopo 1-3 mesi

Nei prossimi mesi dopo aver smesso di fumare, la circolazione continua a migliorare.

Dopo 9 mesi

Nove mesi dopo aver smesso di fumare, i polmoni sono significativamente guariti. Le delicate,  cilia all’interno dei polmoni hanno recuperato la loro funzione e aiutano a spingere il muco fuori  dai polmoni e a combattere le infezioni.

In questo periodo, molti ex-fumatori notano una diminuzione della frequenza delle infezioni polmonari, perché le ciglia guarite possono fare più facilmente il loro lavoro.

Dopo 1 anno

Il rischio di malattie cardiache diminuirà della metà dopo aver smesso di fumare per 1 anno e le arterie e vasi sanguigni cominceranno ad allargarsi dopo 5 anni.

Un anno dopo aver smesso di fumare, il rischio di una persona di malattia coronarica si riduce della metà. Questo rischio continuerà a ridursi dopo un anno.

Dopo 5 anni

Le sigarette contengono molte tossine che portano le arterie e vasi sanguigni a restringersi. Queste stesse tossine possono anche aumentare la probabilità di sviluppare coaguli di sangue.

Dopo 5 anni senza fumo, il corpo è guarito e arterie e vasi sanguigni possono iniziare ad allargarsi. Questo ampliamento significa che il sangue ha meno probabilità di coagularsi e che si  riduce il rischio di ictus.

Il rischio di ictus continuerà a ridurre nel corso dei prossimi 10 anni, man mano che il corpo guarisce sempre di più.

Dopo 10 anni, le probabilità di una persona di sviluppare il cancro ai polmoni e morire a causa di esso, sono dimezzate rispetto a chi continua a fumare. La probabilità di sviluppare il cancro della bocca, della gola o il cancro del pancreas, sono notevolmente ridotte.

Dopo 15 anni

Quindici anni dopo aver smesso di fumare, la probabilità di sviluppare la malattia coronarica è la stessa di un non fumatore. Allo stesso modo, il rischio di sviluppare il cancro al pancreas è ridotto allo stesso livello di un non fumatore.

Dopo 20 anni

Dopo 20 anni, il rischio di morte per cause legate al fumo, tra cui malattie polmonari e cancro, si riduce al livello di una persona che non ha mai fumato nella sua vita. Inoltre, il rischio di sviluppare il cancro al pancreas è simile a quello di chi non ha mai fumato.

Prospettive

Il fumo è un’abitudine dannosa che può portare a complicazioni di salute gravi e alla morte. Quando una persona smette di fumare, il corpo inizia a guarire naturalmente e ritrovare la vitalità di un non-fumatore nel corso del tempo.

Alcuni effetti, come la pressione sanguigna ridotta, si vedono quasi subito. Altri effetti, come il rischio di sviluppare il cancro ai polmoni, malattie cardiache e malattie polmonari, impiegheranno anni per raggiungere i livelli di un non fumatore.

Ogni anno senza fumo, riduce i rischi e migliora la salute generale.

Fonte: Medicalnews

Altri articoli su smettere di fumare