HomeAlimentazione & BenessereConsumo di latte: nessun legame con il colesterolo

Consumo di latte: nessun legame con il colesterolo

(Latte-Immagine Credit Public Domain).

Il consumo regolare di latte non è associato ad un aumento dei livelli di colesterolo, secondo una nuova ricerca.

Uno studio pubblicato sull’International Journal of Obesity ha esaminato tre ampi studi sulla popolazione e ha scoperto che le persone che bevevano regolarmente quantità elevate di latte avevano livelli più bassi di colesterolo buono e cattivo, sebbene i loro livelli di BMI fossero più alti rispetto ai non bevitori di latte. Ulteriori analisi di altri studi di grandi dimensioni suggerisce anche che coloro che hanno consumato regolarmente il latte avevano un rischio inferiore del 14% di malattia coronarica.

- Advertisement -

Vedi anche:Bere latte intero riduce il rischio di obesità nei bambini

Il team di ricercatori ha adottato un approccio genetico al consumo di latte osservando una variazione nel gene della lattasi associato alla digestione degli zuccheri del latte noti come lattosio. Lo studio ha identificato che avere la variazione genetica che consente di digerire il lattosio era un buon modo per identificare le persone che consumavano livelli più elevati di latte. Il Prof Vimal Karani, Professore di nutrigenetica e nutrigenomica presso l’Università di Reading, ha dichiarato: “Abbiamo scoperto che tra i partecipanti con una variazione genetica che abbiamo associato a una maggiore assunzione di latte, avevano un BMI più alto, grasso corporeo, ma soprattutto avevano livelli più bassi di colesterolo buono e cattivo. Abbiamo anche scoperto che le persone con la variazione genetica avevano significativamente più basso rischio di cardiopatia coronarica. Tutto ciò suggerisce che la riduzione dell’assunzione di latte potrebbe non essere necessaria per prevenire le malattie cardiovascolari“.

La nuova ricerca è stata condotta a seguito di diversi studi contraddittori che in precedenza avevano indagato il nesso causale tra una maggiore assunzione di latticini e malattie cardiometaboliche come obesità e diabete. Per tenere conto delle incongruenze nella dimensione del campionamento, etnia e altri fattori, il team ha condotto una meta-analisi dei dati in un massimo di 1,9 milioni di persone e ha utilizzato l’approccio genetico per evitare confusione. Anche se i dati della biobanca del Regno Unito hanno mostrato che le persone con la variazione genetica della lattasi avevano un rischio inferiore dell’11% di diabete di tipo 2, lo studio non ha suggerito che vi sia alcuna forte evidenza di un legame tra una maggiore assunzione di latte e una maggiore probabilità di diabete o dei suoi correlati tratti quali glucosio e biomarcatori infiammatori.

Il professor Karani ha detto: “Lo studio mostra certamente che il consumo di latte non è un problema significativo per il rischio di malattie cardiovascolari anche se c’è stato un piccolo aumento dell’IMC e del grasso corporeo tra i bevitori di latte. Ciò che notiamo nello studio è che non è chiaro se sia il grasso contenuto nei prodotti lattiero-caseari che contribuisce all’abbassamento dei livelli di colesterolo o è dovuto a un ” fattore latte ” sconosciuto”.

- Advertisement -

Fonte: International Journal of Obesity

 

ULTIMI ARTICOLI

Aritmie cardiache mortali: scoperta la causa principale

(Aritmie-Immagine: panoramica dello studio che illustra lo studio combinato del cuore computazionale prospettico clinico e meccanicistico. Credito: Nature). Gli attacchi di cuore "sfregiano" il cuore, lasciando i...

Declino cognitivo: fattori sorprendenti che possono proteggerti

(Declino cognitivo-Immagine Credit Public Domain). L'istruzione, il lavoro e la vita sociale possono aiutare a proteggere il cervello dal declino cognitivo. Perché alcuni individui con placche...

Cancro del polmone: scoperto nuovo target genetico

(Cancro del polmonde-Immagine:Credito: Pixabay/CC0 di dominio pubblico). Gli scienziati della Northwestern Medicine hanno identificato e descritto un nuovo gene responsabile dell'attivazione di un sottotipo aggressivo...

RNA: nuovo tipo inibisce un’ampia gamma di infezioni virali

(RNA-Immagine: astratto grafico. Credito: Terapia Molecolare - Acidi Nucleici (2022). DOI: 10.1016/j.omtn.2022.08.031). L'RNA è spesso descritto come il cugino a filamento singolo del DNA, la molecola a doppio filamento...

Morbo di Crohn: risolto il mistero dell’insorgenza?

(Morbo di Crohn-Immagine: micrografia ad alto ingrandimento del morbo di Crohn. Biopsia dell'esofago. Macchia H&E. Credito: Nephron/Wikipedia). Un nuovo studio potrebbe aver risolto un mistero che circonda il...