Composto bioattivo della pianta Rodiola migliora la memoria

memoria

In una società che invecchia, sempre più persone soffrono di disturbi della memoria. La progressiva perdita di memoria compromette gravemente la qualità della vita delle persone colpite. Finora, non sono noti farmaci per prevenire il declino cognitivo legato all’età.

Per la prima volta, uno studio condotto da scienziati degli Istituti di Leibniz per la Neurobiologia (LIN) e per la biochimica delle piante (IPB) e pubblicato sulla rivista Science Advances, dimostra l’effetto di miglioramento della memoria di un estere vegetale come principio attivo della pianta medicinale Rhodiola rosea.

Oltre all’attività fisica, non esistono strategie efficaci per prevenire la perdita di memoria legata all’età. Nella medicina tradizionale, i composti vegetali sono ampiamente utilizzati per migliorare le prestazioni della memoria. Tuttavia, a causa delle fluttuanti concentrazioni, questi farmaci possono essere inattivi o avere dosaggi errati.

( Vedi anche:Il glucosio migliora la memoria negli anziani).

La Rhodiola rosea, la pianta del rosewort, è nota da molto tempo per esercitare un effetto benefico sulla performance mentale. Il primo autore dello studio, il Dott. Birgit Michels LIN, afferma: “Per rendere questa conoscenza utile per la medicina, volevamo scoprire quali sostanze specifiche della Rodiola migliorassero la memoria. Dopo tutto, senza un ingrediente attivo identificato, nessun obiettivo come ad esempio il dosaggio o il controllo di qualità è possibile e quindi nessuno sviluppo di farmaci”.

** Il composto bioattivo della pianta Rhodiola migliora la memoria
Costituente Rhodiola migliora le prestazioni della memoria nella vecchiaia. Credito: Christina Nath; © Leibniz Institute for Neurobiology, Magdeburgo, Germania

Estesi biotest alla LIN di Magdeburgo, inizialmente su larve dei mosceri ni della frutta, sono stati combinati con analisi fitochimiche da parte degli scienziati dell’IPB di Halle. Ciò ha permesso di isolare la sostanza acido eicosilestere dell’acido ferulico (FAE-20), che promuove le prestazioni della memoria e determinare senza ambiguità il suo effetto di miglioramento della memoria.

“Sebbene sia una molecola chimicamente semplice, identificarla come un componente efficace dell’estratto vegetale non è stata semplice: è più complicato correlare le prestazioni cognitive, come la capacità di apprendere, alle centinaia di sostanze naturali presenti nella pianta che non, per esempio, alla ricerca di nuovi antibiotici “, spiega il Prof. Dr. Ludger Wessjohann dell’IPB. 

È importante sottolineare che la sostanza pura sintetizzata nel suo laboratorio ha fornito anche una chiara dimostrazione dell’effetto di FAE-20.

“Successivamente, eravamo interessati a scoprire se fosse possibile migliorare la memoria delle mosche in età avanzata”, afferma il Prof. Dr. Bertram Gerber del LIN. I ricercatori di Magdeburgo sono stati in grado di dimostrare che la somministrazione di FAE-20 con il cibo, ha migliorato di un terzo la memoria dei moscerini della frutta invecchiati, rispetto alle loro controparti non trattate.

Questi esperimenti di apprendimento erano basati sul cosiddetto condizionamento classico. Ciò significa che gli animali imparano ad associare un profumo con una ricompensa, ad esempio lo zucchero. In un test successivo, è quindi possibile vedere se hanno ricordato questa associazione e ora trovare l’odore più attraente di prima.

Gli scienziati sono stati anche in grado di dimostrare che FAE-20 previene l’accumulo eccessivo di proteine ​​legate all’età nelle sinapsi, le connessioni tra le cellule nervose nel cervello della mosca. Come spiega Michels: “Nelle mosche,”vecchio” significa solo circa 14 giorni, pertanto è stato particolarmente incoraggiante per noi, insieme con i colleghi dell’Università Otto-von-Guericke di Magdeburgo e il Centro tedesco per le malattie neurodegenerative, essere in grado di confermare gli effetti positivi sulle prestazioni della memoria nei topi anche oltre i 2 anni, del composto vegetale”.

Sulla base dell’effetto positivo della pianta di Rodiola, i ricercatori sono stati in grado di identificare FAE-20 come una sostanza naturale concreta che migliora le prestazioni della memoria nella vecchiaia, almeno nei modelli animali. Ora i ricercatori sperano che la loro scoperta possa essere utilizzata per la ricerca sulla demenza: “Siamo piuttosto ottimisti riguardo a questo, dopotutto, la pianta è già utilizzata dagli esseri umani. Riteniamo che i nostri risultati con FAE-20 negli animali siano quindi trasferibili all’uomo “, afferma Gerber. Una domanda di brevetto per la nuova applicazione di FAE-20 è già stata depositata.

Fonte:


Altri articoli su memoria