HomeSaluteCome uccide COVID-19? Gli steroidi potrebbero peggiorare l'esito della malattia?

Come uccide COVID-19? Gli steroidi potrebbero peggiorare l’esito della malattia?

Immagine: COVID-19 ravages the lungs of patients.Credit: Sergei Krasnoukhov/TASS/Getty

Come uccide COVID-19? L’incertezza sta ostacolando la capacità dei medici di scegliere i trattamenti per la condizione: i medici stanno cercando farmaci che smorzano la risposta immunitaria, ma questi farmaci compromettono anche la lotta del corpo contro il coronavirus SARS-CoV-2.

L’incertezza sul fatto che sia il virus stesso – o la risposta del sistema immunitario di una persona – che alla fine travolge gli organi di un paziente, sta rendendo difficile per i medici determinare il modo migliore per curare i pazienti che sono gravemente malati a causa del coronavirus. I dati clinici suggeriscono che il sistema immunitario ha un ruolo nel declino e nella morte delle persone infette dal nuovo coronavirus SARS-CoV-2 e questo ha portato alla scelta di trattamenti come gli steroidi che frenano quella risposta immunitaria. Ma alcuni di questi trattamenti agiscono ampiamente per sopprimere il sistema immunitario, alimentando i timori che potrebbero effettivamente ostacolare la capacità del corpo di tenere sotto controllo l’infezione virale.
Afferma Daniel Chen, un immunologo e Direttore medico presso IGM Biosciences a Mountain View, California: “Non puoi abbattere il sistema immunitario in un momento in cui sta combattendo un’infezione”.
Dato che i pazienti affetti da coronavirus inondano gli Ospedali di tutto il mondo, i medici passano in rassegna flussi di dati incompleti e prestampe che non sono stati sottoposti a revisione paritaria, faticando a trovare modi per aiutare i loro pazienti e condividere esperienze sui social media. Alcuni medici stanno provando cocktail di terapie non dimostrate nel tentativo disperato di salvare vite umane.
” I medici osservano i pazienti spegnersi davanti ai loro occhi e c’è una motivazione molto forte per adottare qualsiasi terapia che ritieni possa essere efficace”, afferma Kenneth Baillie, un anestesista di terapia intensiva presso l’Università di Edimburgo, Regno Unito. Alcune delle prime analisi sui pazienti con coronavirus in Cina hanno suggerito che potrebbe non essere solo il virus che devasta i polmoni e uccide; piuttosto, una risposta immunitaria iperattiva potrebbe anche far ammalare gravemente le persone o causare la morte. Alcune persone che erano gravemente malate di COVID-19 avevano alti livelli ematici di proteine ​​chiamate citochine, alcune delle quali possono aumentare le risposte immunitarie. Queste risposte immunitarie  includono una piccola, ma potente proteina di segnalazione chiamata interleuchina-6 (IL-6) che è un richiamo alle armi per alcuni componenti del sistema immunitario, comprese le cellule chiamate macrofagi.
I macrofagi alimentano l‘infiammazione e possono anche danneggiare le normali cellule polmonari. Il rilascio di queste citochine, noto come tempesta di citochine, può verificarsi anche con altri virus, come l’HIV.
Il farmaco ideale, quindi, sarebbe un farmaco che blocca l’attività dell’IL-6 e riduce il flusso di macrofagi nei polmoni. Tali farmaci, noti come inibitori dell’IL-6, esistono già per il trattamento dell’artrite reumatoide e di altri disturbi. Uno di questi, chiamato Actemra (Tocilizumab), prodotto dalla ditta farmaceutica svizzera Roche, è stato approvato in Cina per curare i pazienti affetti da coronavirus SARS-CoV-2 e ricercatori di tutto il mondo stanno lavorando incessantemente per testarlo insieme ad altri farmaci di questo tipo.
Sfide immuni
“Ma a livello globale non ci sono abbastanza farmaci e molti medici si stanno rivolgendo agli steroidi, che in generale riducono l’attività del sistema immunitario”, afferma James Gulley, un immuno-oncologo del National Cancer Institute di Bethesda, nel Maryland. Gli inibitori dell’IL-6 possono sopprimere solo quelle risposte immunitarie regolate dall’IL-6, consentendo ad altre risposte immunitarie che potrebbero aiutare il corpo a combattere COVID-19 di continuare la loro attività. Ma gli steroidi e alcune altre terapie che agiscono più in generale potrebbero ridurre significativamente la capacità del corpo di combattere le infezioni in generale. Questi farmaci non solo sopprimono i macrofagi, ma anche le cellule immunitarie chiamate cellule T CD4, che sono cruciali per iniziare le risposte immunitarie e anche le cellule T CD8, che sono gli assassini antivirali del corpo, in grado di distruggere le cellule infette con maggiore precisione rispetto ai macrofagi. “Quando le cose peggiorano, si utilizzano steroidi”, afferma Gulley. “Sono un po’ preoccupato per questo”. Chen osserva che sebbene i livelli di IL-6 siano elevati in alcuni pazienti acuti, anche le cariche virali sono elevate, suggerendo che il corpo sta ancora combattendo un’infezione virale attiva.Devi presumere che ci sia una risposta immunitaria antivirale in corso che è importante per questi pazienti”, afferma. In tal caso, ridurre le cellule T CD4 e CD8 potrebbe compromettere tale risposta.
Steroidi e altri immunosoppressori sono già in fase di test contro il coronavirus negli studi clinici. A marzo, i ricercatori britannici hanno lanciato lo studio RECOVERY, uno studio clinico randomizzato che valuterà il Desametasone steroideo e altri potenziali trattamenti per COVID-19. Ciò preoccupa la reumatologa Jessica Manson all’University College Hospital di Londra. “Le prove di epidemie precedenti causate da coronavirus correlati suggeriscono che gli steroidi hanno pochi benefici e potrebbero persino ritardare il tempo necessario ai pazienti per liberarsi del virus“, afferma. “E lo studio RECOVERY richiede di somministrare i trattamenti prima che i pazienti si ammalino gravemente e non abbiano altra possibilità”. Ma Peter Horby, che studia malattie infettive all’Università di Oxford nel Regno Unito e leader dello studio RECOVERY, osserva che lo studio utilizzerà dosi relativamente basse di steroidi.Le dosi più alte non sono raccomandate di routine“, dice. “E molte autorità, compresa l’Organizzazione Mondiale della Sanità, raccomandano una sperimentazione”.
 
Terapia di combinazione
Una combinazione di danni sia da un virus che dalla risposta immunitaria ad esso non è rara“, afferma Rafi Ahmed, un immunologo virale della Emory University di Atlanta, in Georgia. “Gli effetti dei virus come il norovirus, che fanno ammalare le persone quasi immediatamente dopo l’infezione, sono probabilmente dovuti al virus stesso. Al contrario, le persone infette da virus come il coronavirusSARS-CoV-2 non mostrano sintomi fino a diversi giorni dopo l’infezione. A quel punto, il danno collaterale della risposta immunitaria spesso contribuisce alla malattia. E’ molto difficile sezionare ciò che è dovuto al virus stesso e ciò che è dovuto alla risposta immunitaria”, afferma Ahmed. “Ma è quasi sempre una combinazione dei due”.
In assenza di una risposta, Ahmed spera che i ricercatori arrivino a una terapia di combinazione, come un inibitore dell’IL-6 che non sopprime completamente il sistema immunitario, combinato con un farmaco antivirale che colpisce direttamente il virus. “Altri farmaci che prendono di mira il sistema immunitario sono anche in fase di test, tra cui uno chiamato Anakinra, che prende di mira una proteina di segnalazione chiamata IL-1 e può fornire un modo per ridurre le risposte immunitarie specifiche senza ostacolare le cellule T CD4 e CD8″, afferma Chen. Ma Baillie afferma che, dato l’uso diffuso di steroidi per trattare già le persone con coronavirus, è importante raccogliere dati su questa pratica. E sebbene sia anche preoccupato di sopprimere le risposte immunitarie nei pazienti con coronavirus, osserva che è ancora possibile che la pratica possa avere qualche beneficio. “L’unica cosa responsabile da fare è usarle gli steroidi nel contesto di uno studio clinico randomizzato“, afferma. “Non esiste altro modo per sapere se un trattamento funziona”.
Fonte: Nature

 

ULTIMI ARTICOLI

Infezioni batteriche e ferite della pelle: nuovo approccio per il trattamento

(Infezioni batteriche-Immagine: ferita vascolarizzata al microscopio. Credito: Rachel Kratofil). I ricercatori dell'Università di Calgary hanno identificato un nuovo approccio promettente per il trattamento delle infezioni batteriche...

Januvia farmaco per il diabete può contenere tracce di cancerogeno

(Januvia-Immagine Credit Medicalxpress). "Il popolare farmaco per il diabete Januvia può contenere tracce di un probabile cancerogeno, ma i pazienti dovrebbero continuare a usare il...

Cuffia dei rotatori: potenziale trattamento rivoluzionario per la rigenerazione

(Cuffia dei rotatori/Studio-Immagine:Dr. Cato T. Laurencin-Credito UCNN). Un nuovo modo per rigenerare i muscoli potrebbe aiutare a riparare la cuffia dei rotatori nelle spalle danneggiate...

Acufene: svolta nella ricerca di una cura

(Acufene-Immagine Credito: Pixabay/CC0 di dominio pubblico). Dopo 20 anni alla ricerca di una cura per l'acufene, i ricercatori dell'UDniversità di Auckland sono entusiasti dei "risultati...

Alimenti fermentati: 4 motivi per cui dovresti mangiarli

(Alimenti fermentati-Immagine Credit Public Domain). Gli alimenti fermentati hanno subito il processo naturale di essere fermentati da batteri, funghi o lieviti benefici. In questo processo,...