Come l’età ostacola lo sviluppo del cancro

cancro

Un nuovo studio, pubblicato su Aging Cell, ha scoperto che i processi di invecchiamento umano possono ostacolare lo sviluppo del cancro.
L’invecchiamento è uno dei maggiori fattori di rischio per il cancro.
Tuttavia, i meccanismi biologici alla base di questo collegamento non sono ancora chiari. Ogni cellula del corpo umano è specializzata per svolgere determinati compiti e dovrà solo esprimere determinati geni.
L’espressione genica è il processo mediante il quale vengono attivati ​​geni specifici per produrre una proteina richiesta.
Le analisi dell’espressione genica sono state utilizzate per studiare il cancro e l’invecchiamento, ma solo pochi studi hanno indagato la relazione tra i cambiamenti dell’espressione genica in questi due processi.
Nel tentativo di comprendere meglio i meccanismi biologici, i ricercatori del gruppo Integrative Genomics of Aging Group dell’Università di Liverpool, guidato dal Dr. Joao Pedro De Magalhaes, hanno confrontato
il modo in cui l’espressione dei geni si differenzia con l’età ed il modo in cui i geni espressi nel cancro si differenziano, in nove tessuti umani.
Normalmente, una cellula sana può dividersi in modo controllato. Al contrario, le cellule senescenti o “dormienti” hanno perso la capacità di dividersi. Con l’avanzare dell’età, aumenta il numero di cellule senescenti nei nostri corpi, che guidano molti processi e malattie legati all’età. Le mutazioni genetiche innescate da cose come l’esposizione ai raggi UV possono talvolta causare la replicazione incontrollata delle cellule e la crescita cellulare incontrollata è il cancro. Le cellule sono spesso in grado di rilevare queste mutazioni e in risposta diventano dormienti  per impedire la divisione.
I ricercatori hanno scoperto che nella maggior parte dei tessuti esaminati, l’espressione genica del cancro e dell’invecchiamento è “sorprendentemente” cambiata nella direzione opposta.
Questi insiemi di geni sovrapposti erano correlati a diversi processi, principalmente il ciclo cellulare e il sistema immunitario. Inoltre, la senescenza cellulare è cambiata nella stessa direzione dell’invecchiamento e nella direzione opposta rispetto alle firme del cancro con una diminuzione della proliferazione cellulare, mentre i cambiamenti del cancro si spostano verso un aumento della divisione cellulare.
Il Dott. De Magalhaes, ha dichiarato: “Uno dei motivi per cui i nostri corpi si sono evoluti per avere cellule senescenti è quello di sopprimere i tumori. Ma poi sembra che le cellule senescenti si accumulino nei tessuti umani anziani e possano contribuire all’invecchiamento e alla degenerazione.
È importante sottolineare che il nostro lavoro sfida l’opinione tradizionale relativa al rapporto tra cancro e invecchiamento e suggerisce che i processi di invecchiamento possono ostacolare lo sviluppo del cancro.
Mentre le mutazioni si accumulano con l’età e sono il principale motore del cancro, i tessuti che invecchiano possono ostacolare la proliferazione cellulare e di conseguenza il cancro.
Quindi avete queste due forze opposte, le mutazioni che guidano il cancro e la degenerazione dei tessuti lo ostacolano. Ciò potrebbe spiegare perché a età molto avanzate i livelli di incidenza del cancro si abbassano e possono persino diminuire.
Tuttavia, una spiegazione alternativa viene dalla biologia evolutiva. Il primo autore dello studio Kasit Chatsirisupachai spiega: “E il tessuto invecchiato potrebbe effettivamente essere un ambiente migliore per la proliferazione di una cellula cancerosa perché la cellula cancerosa avrà un vantaggio evolutivo”. Il Dr. De Magalhaes aggiunge: “I nostri risultati evidenziano la complessa relazione tra invecchiamento, cancro e senescenza cellulare e suggeriscono che nella maggior parte dei tessuti umani i processi di invecchiamento e senescenza agiscono in tandem mentre sono dannosi per il cancro. Ma ora sono necessari ulteriori studi meccanicistici”.
Fonte, Aging Cell

Altri articoli su cancro