Come l’enzima lipossigenasi guida l’insufficienza cardiaca dopo l’ infarto

insufficienza cardiaca


L‘insufficienza cardiaca dopo un infarto è un’epidemia globale che porta a una patologia cronica da insufficienza cardiaca. Circa 6 milioni di persone negli Stati Uniti e 23 milioni in tutto il mondo soffrono di questa malattia allo stadio terminale che comporta la disfunzione del cuore, un cambiamento che i medici chiamano rimodellamento cardiaco. Nonostante i progressi della medicina, dal 2 al 17 per cento dei pazienti muoiono entro un anno dopo un attacco cardiaco a causa della mancata risoluzione dell’infiammazione. 

Ganesh Halade, sta cercando modi per ritardare o invertire questo insufficienza cardiaca che deriva dall’infiammazione cronica non risolta. I leucociti sovra-attivati ​​dalla milza che si sono precipitati nel muscolo cardiaco per rimuovere il tessuto morto e iniziare le riparazioni non sono adeguatamente calmati e non ricevono un segnale di “uscita”.

Vedi anche: Farmaco per il diabete può invertire l’insufficienza cardiaca.

Quindi, l’apprendimento dei dettagli della segnalazione metabolica che controlla le risposte immunitarie – sia durante l’infiammazione acuta dopo la lesione che la risoluzione successiva – è importante. Halade, dell’ University of Alabama a Birmingham e Professore associato presso il Dipartimento di Medicina UAB Divisione di malattie cardiovascolari, è al lavoro per scoprire quali firme metaboliche sono biomarcatori per la fisiologia sana e quali firme metaboliche sono biomarcatori per la patologia del cuore.

Ciò potrebbe consentire lo sviluppo di un piano di prevenzione e misure precise, prognostiche e personalizzate per ritardare l’insufficienza cardiaca.

Questo lavoro segue la sua scoperta del 2017 secondo cui l’eliminazione di 12,35 lipossigenasi, o 12 / 15LOX, un enzima che modifica i lipidi e che compete con altri due enzimi che modificano i lipidi, porta ad un aumento della sopravvivenza in un modello murino di insufficienza cardiaca dopo un infarto.

In uno studio pubblicato online prima della stampa sulla rivista Metabolism: Clinical and Experimental, Halade e colleghi illustrano le profonde segnature lipidomiche e metaboliche e il profilo leucocitario modificato che ritardano la progressione dell’insufficienza cardiaca e forniscono una migliore sopravvivenza in topi con deficit di 12 / 15LOX. Solo il 6% dei topi con deficit di 12/15LOX è deceduto nella progressione dell’insufficienza cardiaca cronica, 56 giorni dopo l’infarto, mentre il 38% dei topi con 12 / 15LOX normale ha avuto una mortalità dovuta a scompenso cardiaco.

Nello specifico, i ricercatori hanno quantificato i cambiamenti nel metaboloma, nel lipidoma e nei profili immunitari durante l’insufficienza cardiaca acuta, un giorno dopo l’infarto e durante l’insufficienza cardiaca cronica, otto settimane dopo l’infarto.

Hanno scoperto che i topi 12 / 15LOX-carenti hanno biosintetizzato le molecole di segnalazione degli acidi epossiesicosatrienoici, noti anche come EET o cypoxins, nel tessuto cardiaco del ventricolo sinistro dopo l’ infarto per facilitare la guarigione cardiaca. I topi con carenza di lipossigenasi avevano anche una ridotta quantità di acido biomarker 2-aminoadipico con rischio di diabete e presentavano profonde alterazioni della segnalazione metabolica plasmatica di esosi, amminoacidi, ammine biogeniche, acilcarnitine, glicerofosfolipidi e sfingolipidi durante l’insufficienza cardiaca acuta. Questi cambiamenti sono accompagnati da ritardo cardiaco e miglioramento della sopravvivenza.

“Studi futuri sono giustificati per definire la rete molecolare del lipidoma e del metaboloma nei pazienti con insufficienza cardiaca acuta e cronica”, ha detto Halade. “Collettivamente, i nostri studi hanno scoperto un nuovo collegamento del segnale LOX tra le firme lipidomiche e metaboliche nella sindrome da insufficienza cardiaca acuta e cronica”.

Fonte, Metabolism


Altri articoli su insufficienza cardiaca