Home Salute Tumori Come il melanoma inganna il sistema immunitario

Come il melanoma inganna il sistema immunitario

Una questione aperta nei tumori aggressivi come il melanoma è come le cellule maligne possano spostare il sistema immunitario verso funzioni pro-tumorigeniche. 

Il sofisticato sistema immunitario umano si è evoluto fino a diventare un efficace sistema di protezione contro un gran numero di malattie, compreso il cancro. Il sistema immunitario riconosce e distrugge le cellule tumorali utilizzando un processo di monitoraggio chiamato sorveglianza immunologicaTuttavia, come il Dottor Jekyll e il suo alter ego Mr. Hyde, il sistema immunitario a volte assume una personalità alternativa e favorisce lo sviluppo del tumore invece di distruggere le cellule cancerose. Questo duplice comportamento rende difficile rilevare gli indicatori di prognosi e gli obiettivi per lo sviluppo di farmaci. In effetti, una delle grandi sfide in oncologia è lo sviluppo di un’immunoterapia migliore e più efficace.

Un gruppo di ricerca guidato da Marisol Soengas, capo del Melanoma Group presso il Centro nazionale spagnolo di ricerca sul cancro (CNIO), ha compiuto un importante passo avanti, scoprendo cosa fanno le cellule di melanoma per non essere rilevate dal sistema immunitario che non le attacca e si trasforma anche in un loro alleato.

- Advertisement -

Lo studio, pubblicato su Nature Medicine, potrebbe avere interessanti implicazioni cliniche e le sue scoperte possono essere applicate ad altri tipi di cancro.

V edi anche:Nuovo trattamento promettente per il melanoma maligno

Un alleato interno per il melanoma

Nel 2017 i ricercatori del Melanoma Group del CNIO hanno scoperto che la proteina MIDKINE gioca un ruolo essenziale nelle metastasi del melanoma, tanto che la sua attivazione determina il potenziale del tumore di metastatizzare. In realtà, il melanoma ha un potenziale molto alto di metastatizzare presto. I ricercatori CNIO hanno analizzato l’espressione di MIDKINE in un nuovo modello animale e hanno scoperto che una maggiore espressione di questa proteina è correlata a un maggiore potenziale di metastasi, mentre il blocco di MIDKINE inibisce la diffusione delle cellule cancerose. Recentemente, i ricercatori hanno compiuto un importante passo avanti, scoprendo un nuovo ruolo della proteina nel sistema immunitario, che invece di attaccare le cellule del melanoma aumenta l’infiammazione e favorisce la crescita del melanoma.

- Advertisement -

CURARE IL MELANOMA !! - Palermo

“I nostri risultati ci aiutano a capire perché il melanoma metastatico è associato a una prognosi infausta e, soprattutto, perché alcuni pazienti non rispondono all’immunoterapia“, afferma Marisol Soengas. “Abbiamo esaminato i database di sei studi separati e abbiamo trovato un gruppo di geni associati all’espressione di MIDKINE in pazienti che non rispondono o sviluppano resistenza all’immunoterapia”.

Doppia strategia terapeutica

“Le nostre osservazioni sono state testate su modelli animali: “Quando abbiamo bloccato MIDKINE, due importanti tipi di cellule immunitarie (macrofagi e linfociti T) hanno ripreso a funzionare normalmente e hanno attaccato il tumore”, dice Soengas. “Ciò significa che, nel trattamento dei pazienti con melanoma, dovremmo adottare un duplice approccio terapeuticoTogliere i freni a una risposta immunitaria, cioè usare inibitori del checkpoint immunitario, non è sufficiente. Anche MIDKINE dovrebbe essere inibita, in modo che il sistema di difesa possa riprendere le sue normali funzioni”.

“Abbiamo studiato anche altri tumori, come il glioma, cancro ai polmoni e cancro ai reni“, dice David Olmeda, coautore dello studio. “Riteniamo che i nostri risultati avranno un impatto considerevole su una serie di malattie“, aggiunge.

Negli ultimi anni, ricercatori e medici hanno compiuto notevoli sforzi per migliorare le capacità di lotta contro il cancro delle cellule immunitarie. Tuttavia, anche se in alcuni casi le immunoterapie hanno un grande successo, questo approccio deve essere ulteriormente sviluppato. Ad esempio, si è dimostrato inefficace nel trattamento del cancro del pancreas, mentre nel caso del melanoma, circa il 60% dei pazienti risponde al trattamento.

Queste differenze nella risposta del tumore all’immunoterapia hanno portato alla classificazione dei tumori come caldi o freddi. “Alcuni tumori caldi non rispondono pienamente al trattamento, un fatto che prima non potevamo capire”, afferma Daniela Cerezo, prima autrice dello studio. “I nostri risultati contribuiscono a spiegare le ragioni per cui è così, e aiuteranno ad aumentare l’efficacia dell’immunoterapia per questi tumori”.

ULTIMI ARTICOLI

Mieloma multiplo: una famiglia di tumori simili

Mieloma multiplo-Immagine:Credito: Sandro Rybak per Nature. Negli ultimi anni è diventato sempre più chiaro che il mieloma multiplo non è una condizione, ma una famiglia...

Influenza: nuovo studio spiega perchè può diventare fatale

Influenza-Immagine: Public Domain. L'influenza è causata da un virus, ma la causa più comune di morte causata dall'inflluenza è la polmonite batterica secondaria piuttosto che...

Dalla cannabis estratti che proteggono da COVID 19

Cannabis-Immagine: Public Domain. Nuovi estratti dalla cannabis sativa possono ridurre i livelli del recettore della cellula ospite che il coronavirus SARS-CoV-2 utilizza per ottenere l'ingresso virale...

Alzheimer: “fuoco amico” nel cervello provoca la malattia?

Immagine: le microglia si raggruppano attorno alle placche in un modello murino di malattia di Alzheimer. Credito: Neher Lab / DZNE / HIH. Gli scienziati vogliono...

Un nuovo approccio radicale alla depressione

Depressione-Immagine:scansioni di imaging a risonanza magnetica del cervello umano. Credito: Simon Fraser / SPL / Getty. La depressione colpisce una persona su quattro in un momento...