HomeAlimentazione & BenessereCereali: una fonte trascurata di proteine

Cereali: una fonte trascurata di proteine

(Cereali-Immagine Credit Public Domain).

Gli alimenti a base di cereali svolgono già un ruolo importante nella dieta nella maggior parte dei paesi del mondo, come principale fonte alimentare di energia, carboidrati, fibre alimentari e proteine ​​vegetali. Tuttavia, attualmente, meno della metà dei cereali viene utilizzata per il consumo umano. “I cambiamenti nel consumo di cereali e le nuove innovazioni alimentari dei cereali, arricchite con proteine, potrebbero svolgere un ruolo importante nella transizione verso un sistema alimentare più sostenibile per diete sane”, dicono i ricercatori in una revisione congiunta pubblicata su Nutrition Reviews.

Sia gli scienziati che il pubblico sembrano non considerare il potenziale ancora non sfruttato che i cereali possono contribuire a un sistema alimentare più sostenibile e a una popolazione più sana. “Anche piccoli cambiamenti nei modelli dietetici potrebbero fare una grande differenza sia per l’ambiente che per la salute e i cereali potrebbero rappresentare una di queste possibilità”, afferma il Professor Rikard Landberg della Chalmers University of Technology in Svezia.

- Advertisement -

Vedi anche:Identificato il meccanismo con cui i cereali aiutano a ridurre il colesterolo

La produzione alimentare è responsabile del 26% delle emissioni globali di gas serra. Un maggiore uso di alimenti di origine vegetale per sostituire alimenti di origine animale come carne e latticini è una delle strategie per raggiungere gli obiettivi di sostenibilità. Ciò include il miglioramento della salute umana, in particolare nel mondo occidentale.

Un consorzio congiunto di ricercatori nel campo dell’alimentazione, della nutrizione, dell’ambiente e della medicina provenienti da università e istituti nordici ha sviluppato uno scenario potenziale per ridurre l’ assunzione di carne in Europa e sostituirla con alimenti a base di cereali integrali più sostenibili e più sani. Quali alimenti devono essere utilizzati e quali sono le conseguenze nutrizionali e le implicazioni per l’ambiente?

“Nel nostro scenario, se il 20 percento dell’attuale apporto giornaliero di proteine ​​animali in Europa dovesse essere sostituito da proteine ​​vegetali, il 50 percento potrebbe provenire dai cereali. Ciò significherebbe meno di 6 grammi in più di proteine ​​dei cereali al giorno, corrispondenti a una porzione di 60 grammi di cereali“, afferma il consulente senior Kaisa Poutanen, Centro di ricerca tecnica VTT della Finlandia. L’attuale apporto proteico dei cereali dovrebbe essere aumentato del 19%. Con un contenuto medio del 10% di proteine ​​nei cereali, ciò significherebbe un fabbisogno aggiuntivo di 15 milioni di tonnellate di cereali, che corrisponde al 5% dell’attuale produzione cerealicola europea.

- Advertisement -

“Poiché solo un terzo dell’attuale produzione di cereali è destinato al consumo umano, esiste la possibilità di passare dalla produzione di mangimi per animali al consumo umano se i consumatori lo accettano. Tale transizione corrisponderebbe a un aumento del consumo di circa 60 grammi al giorno— ad esempio, tre fette di pane di segale integrale o una grande porzione di farina d’avena”, afferma Anna Kårlund, ricercatrice post-dottorato presso l’Università della Finlandia orientale.

I cereali integrali sono benefici per la salute e un’assunzione elevata è stata costantemente associata a un ridotto rischio di sviluppare diabete di tipo 2, malattie coronariche e cancro del colon-retto negli studi osservazionali. I cereali integrali sono ricchi di fibre alimentari, vitamine, minerali e composti bioattivi, ma le proteine ​​dei cereali contengono basse quantità dell’aminoacido essenziale lisina. Pertanto, la composizione nutrizionale della dieta complessiva dovrebbe essere evidenziata per garantire un apporto ottimale di aminoacidi. Questo può essere fatto facilmente aumentando l’assunzione di legumi per integrare le proteine ​​dei cereali.

Inoltre, una forte attenzione futura dell’industria alla lavorazione e alla progettazione del prodotto andrà a beneficio sia della società che dell’industria.

L’aumento della disponibilità e dell’uso di nuovi concetti di alimenti a base di cereali ricchi di proteine, inclusi analoghi di latticini e carne con profili nutrizionali ben bilanciati, insieme a uno spostamento verso alimenti a base di cereali tradizionali più integrali, potrebbe aiutare nella transizione verso una dieta più sana e più sostenibile.

Fonte:Nutrition Reviews 

ULTIMI ARTICOLI

Paradosso biologico offre nuove intuizioni sul mistero del cancro

(Cancro-Immagine: Carlo Maley è ricercatore presso il Biodesign Center for Biocomputing, Security and Society presso l'Arizona State University.Credito: The Biodesign Institute presso l'Arizona State...

Malattie da prioni: come muoiono le cellule cerebrali

(Malattie da prioni-Immagine:neuroni cresciuti in coltura che esprimono una proteina prionica mutante (ciano) che causa malattie da prioni nell'uomo. Questi neuroni mostrano assoni rigonfi che...

Vaccinazione: cosa guida la scelta?

(Vaccinazione-Immagine: modello che collega le variabili di fondo non specifiche del COVID e quelle specifiche del COVID con i cambiamenti nell'intenzione di vaccinazione. Attestazione: PNAS). Nell'esaminare il...

Dolore cronico legato a differenze nella struttura cerebrale

Sapevi che la principale causa di disabilità nel mondo è il dolore cronico? Milioni e milioni di persone vivono la loro quotidianità segnata dal dolore. Non solo causa...

Malattia di von Hippel-Lindau: Belzutifan offre nuova speranza

(Malattia di von Hippel-Lindau-Immagine Credit Public Domain). I pazienti con malattia di von Hippel-Lindau, una condizione genetica causata da una mutazione nel gene VHL che...