HomeSaluteFegatoCataratta: mutazioni genetiche che abbassano il colestrolo, aumentano il rischio

Cataratta: mutazioni genetiche che abbassano il colestrolo, aumentano il rischio

(Cataratta-Immagine Credit Public Domain).

Le statine, un farmaco usato per abbassare il colesterolo LDL (“colesterolo cattivo”), sono assunte da oltre 40 milioni di americani. In effetti, sono la classe di farmaci da prescrizione più comune negli Stati Uniti. Alcune delle statine più comuni includono Atorvastatina, Lovastatina, Pravastatina, Fluvastatina, Rosuvastatina, Simvastatina e Pitavastatina con marchi come Lipitor, Crestor, Lescol XL, Altoprev, Livalo, Pravachol, Ezallor, Zocor e Zypitamag.

Sebbene le statine siano efficace nell’abbassare il colesterolo e ridurre il rischio di infarto o ictus, hanno potenziali effetti collaterali come perdita di memoria, confusione, danni ai reni e danni al fegato, ma fortunatamente sono rari. Un altro effetto collaterale è un rischio maggiore di cataratta.

- Advertisement -

Le cataratte sono regioni torbide dell’occhio che portano a problemi di vista. Queste generalmente si sviluppano lentamente nel tempo, interessando uno o entrambi gli occhi, portando a una visione sempre più sfocata. Per la maggior parte, possono essere trattate con un intervento chirurgico che ripristina la vista.

Punti salienti della ricerca:

  • I ricercatori hanno utilizzato la genotipizzazione su larga scala e il sequenziamento dell’esoma dalla biobanca britannica per ottenere informazioni sugli effetti previsti dell’uso a lungo termine delle statine sul rischio di cataratta.
  • L’analisi ha rilevato che le varianti genetiche comuni in più di 402.000 persone, che non stavano assumendo statine, che imitano gli effetti delle statine che riducono il colesterolo LDL, sono associate a un rischio più elevato di cataratta e chirurgia della cataratta.
  • I ricercatori hanno anche scoperto che rare mutazioni genetiche in 169.172 persone, imitando il trattamento con le statine, aumentavano il rischio di sviluppare la cataratta di quasi cinque volte.

Secondo una nuova ricerca, le persone che hanno variazioni genetiche associate all’abbassamento del colesterolo LDL simile alle statine sembrano avere un rischio maggiore di sviluppare cataratta e subire un intervento chirurgico di cataratta, secondo una nuova ricerca pubblicata oggi (15 giugno 2022) nel Journal of l’American Heart Association  (JAHA). JAHA è una rivista ad accesso aperto e peer-reviewed dell’American Heart Association.

Ricerche precedenti hanno trovato alcune prove che le statine possono aumentare il rischio di cataratta. In questo studio, i ricercatori hanno esplorato se alcuni geni che imitano l’attività delle statine possono anche aumentare in modo indipendente il rischio di sviluppare la cataratta.

- Advertisement -

Le statine riducono i livelli di colesterolo LDL inibendo un enzima chiamato HMG-CoA-reduttasi (HMGCR). Precedenti ricerche hanno confermato che le varianti nella regione del gene HMGCR del genoma umano influenzano il modo in cui le persone metabolizzano il colesterolo.

“Siamo stati in grado di stabilire un legame tra le varianti genetiche che imitano l’inibizione dell’HMGCR e lo sviluppo della cataratta”, ha affermato l’autore principale dello studio Jonas Ghouse, MD, Ph.D., un collega nel gruppo di genetica cardiaca, Laboratory for Molecular Cardiology nel dipartimento di scienze biomediche dell’Università di Copenaghen in Danimarca. “Non siamo stati in grado di trovare alcuna associazione tra i nuovi farmaci non statinici, ipolipemizzanti e il rischio di cataratta, quindi questo effetto è probabilmente specifico delle statine. Tuttavia, è importante sottolineare che i benefici delle statine per l’abbassamento dei livelli di lipoproteine ​​a bassa densità nelle persone che hanno livelli elevati di colesterolo nel sangue, superano completamente il piccolo rischio di cataratta e la chirurgia della cataratta è efficace e sicura”.

Vedi anche:La vitamina C riduce il rischio di cataratta

Utilizzando la biobanca britannica, un ampio database di residenti nel Regno Unito che tiene traccia delle gravi condizioni di salute e mediche di quasi mezzo milione di adulti, i ricercatori hanno analizzato i dati genetici di oltre 402.000 persone. I ricercatori si sono concentrati su cinque varianti genetiche comuni precedentemente identificate che abbassano il livello di colesterolo LDL.

Hanno quindi calcolato i punteggi genetici in base all’impatto precedentemente identificato di ciascuna variante sul colesterolo LDL. I dati di codifica genetica sono stati esaminati per identificare i portatori di una rara mutazione nel gene HMGCR chiamata mutazione con perdita di funzione prevista. 

“Quando portiamo una mutazione con perdita di funzione, è meno probabile che il gene funzioni”, ha detto Ghouse. “Se quel gene non funziona, il corpo non può produrre quella proteina. In poche parole, la mutazione con perdita di funzione nel gene HMGCR equivale all’assunzione di una statina”.

Lo studio ha rilevato:

  • Il punteggio di rischio genetico HMGCR ha identificato le persone con un rischio più elevato di cataratta e chirurgia della cataratta. Ciascuna riduzione di 38,7 mg/dl del colesterolo LDL in base al punteggio genetico era associata a un rischio maggiore del 14% di cataratta e del 25% in più di chirurgia della cataratta.
  • Tra 169.172 con dati di sequenziamento HMGCR, 32 (0,02%) portavano una delle 17 rare mutazioni con perdita di funzione previste per HMGCR. Rispetto ai non portatori, i portatori di queste rare mutazioni avevano più di quattro volte e mezzo più probabilità di sviluppare cataratta e oltre cinque volte più probabilità di subire un intervento chirurgico di cataratta.

Ghouse si è detto sorpreso dalla grandezza dell’associazione.

 “La principale differenza tra le due analisi è che le mutazioni con perdita di funzione sono davvero più dannose delle varianti comuni, il che significa che imitano il cambiamento che è spesso indotto dai farmaci“, ha affermato. “Riteniamo che il vero effetto sia più vicino all’associazione di mutazione con perdita di funzione rispetto all’associazione di varianti comuni. Quando assumi le statine, hai un’inibizione quasi completa di quella proteina e quando hai una mutazione con perdita di funzione hai anche una capacità significativamente ridotta di produrre quella proteina”.

Secondo gli autori, una delle principali limitazioni dello studio è che mentre il trasporto di queste varianti genetiche costituisce un rischio per tutta la vita per lo sviluppo della cataratta, tale rischio non dovrebbe essere valutato allo stesso modo per le persone che iniziano ad assumere statine più tardi nella vita, dato l’impatto positivo delle statine può avere abbassando i livelli di colesterolo nel sangue. È necessaria un’ulteriore valutazione di questa associazione in più studi clinici per confermare questi risultati.

“Le nostre associazioni riflettono il trattamento per tutta la vita, mentre il trattamento con statine si verifica in genere più tardi nella vita”, ha detto Ghouse. “Tuttavia, esiste un gruppo specifico di pazienti a cui viene diagnosticato il colesterolo alto durante l’infanzia e iniziano il trattamento con statine in giovane età, quindi potrebbero essere identificati e seguiti più da vicino per la cataratta”.

Fonte:EurekAlert

 

ULTIMI ARTICOLI

Cancro del polmone: quando la radioterapia fallisce

(Cancro del polmone-Immagine: a sinistra, un adenocarcinoma colorato del polmone. La sezione B ingrandita mostra tessuto polmonare sano, la sezione C ingrandita un adenocarcinoma. La...

Malattia di Krabbe: i neuroni possono provocare la propria distruzione

(Malattia di krabbe-Immagine: il Dottor Daesung Shin (a sinistra) e uno studente laureato Jacob Favret (a destra) discutono della neurodegenerazione riscontrata nel modello della...

Antidolorifici: in che modo bloccano il dolore?

(Antidolorifici-Immagine Credit Public Domain). Sebbene il dolore possa essere orribile, ha uno scopo utile. Senza la capacità di provare dolore, la vita è più pericolosa....

Antichi microbi possono aiutarci a trovare forme di vita extraterrestri

Utilizzando proteine ​​che catturano la luce nei microbi viventi, gli scienziati hanno ricostruito com'era la vita per alcuni dei primi organismi della Terra. Questi sforzi potrebbero...

Alimenti geneticamente modificati: chi si fida?

Attraverso CRISPR e altre tecnologie di modifica genetica, ricercatori e sviluppatori sono pronti a portare dozzine - se non centinaia - di nuovi prodotti nei...