Cancro ovarico: le origini nelle tube di Fallopio

cancro ovarico

Alcuni scienziati hanno sospettato che la forma più comune di cancro ovarico possa provenire dalle tube di fallopio, dei sottili tunnel fibrosi che collegano le ovaie all’utero. Ora, i risultati di uno studio condotto su nove donne suggeriscono che le radici genomiche di molti tumori ovarici possono davvero emergere dalle tube di fallopio e potenzialmente fornire approfondimenti sull’origine del cancro ovarico e suggerire nuovi modi per la prevenzione e il trattamento di questa malattia.

La quinta causa più grande di morte tumorale nelle donne, il cancro ovarico è generalmente diagnosticato troppo tardi nella maggior parte delle pazienti e meno del 30% delle donne con la malattia sopravvivono oltre 10 anni.

“I trattamenti del cancro ovarico non sono cambiati in molti decenni e questo può essere in parte, perché stiamo studiando il tessuto sbagliato di origine di questi tumori”, dice il Dr. Victor Velculescu, Professore di oncologia presso il Johns Hopkins Kimmel Cancer Center. “Se gli studi in più gruppi di donne confermeranno la nostra constatazione che le tube di fallopio sono il luogo di origine della maggior parte dei tumori ovarici, il nostro modo di gestire questa malattia potrebbe essere significativamente modificato”.

( Vedi anche:Piccoli peptidi riducono significativamente il tumore ovarico).

Per il nuovo studio, descritto nel numero del 23 ottobre di Nature Communications, scienziati del Johns Hopkins Kimmel Cancer Center e Dana Farber Cancer Institute di Boston hanno raccolto campioni di tessuto contenenti cellule normali, cellule da tumori ovarici, metastasi diffuse altrove e piccoli tumori riscontrati nelle tube di fallopio, che comprendevano strati singoli di cancro chiamati “firme p53” e carcinoma intraepiteliale tubolare serico o lesioni STIC. Tutti i campioni provenivano da cinque donne che avevano ricevuto diagnosi di tumori ovarici sierosi di alto grado, il tipo di tumore che rappresenta tre quarti delle stime su 22.000 donne diagnosticate con tumori ovarici ogni anno negli Stati Uniti.

Gli scienziati hanno inoltre raccolto campioni di lesioni STIC (  tumore che origina da una lesione precancerosa (STIC) localizzata nella tuba) e di cellule normali da quattro donne che erano state sottoposte alla profilattica rimozione delle loro ovaie e tubi di fallopio a causa di mutazioni genetiche ereditarie nel gene BRCA del cancro ovarico e del seno o, in un caso, in presenza di una massa pelvica.

Perché alcuni dei tumori erano estremamente piccoli – alcune lesioni erano solo uno strato di cellule spesse . I ricercatori post-dottorando Eniko Papp della John Hopkins e S. Intidhar Labidi-Galy del Dana Farber insieme a Velculescu e co-autore Ronny Drapkin, ex dell’istituto Dana Farber e ora all’Università della Pennsylvania, hanno sviluppato un modo per isolare le relativamente poche cellule tumorali dalla massa più grande delle cellule normali adiacenti.

I ricercatori hanno colorato i piccoli tumori per evidenziare le cellule contenenti errori nel gene p53, che sono stati a lungo collegati all’insorgenza di molti tipi di cancro. Quindi, hanno utilizzato un laser a raggi infrarossi per rilevare l’area evidenziata delle cellule tumorali. Successivamente, gli scienziati hanno eseguito ciò che è conosciuto come sequenziato l’ intero esoma, sequenziando tutti i geni noti su tutti i campioni per creare un catalogo del progetto genetico dei geni di codifica delle proteine ​​nel DNA delle cellule. Senza questo approccio, i risultati del sequenziamento genomico sarebbero stati inondati dal DNA delle cellule normali, rendendo difficile rilevare gli errori del DNA legati al cancro, secondo Papp.

I team di ricerca della Johns Hopkins e Dana Farber hanno poi cercato degli errori nelle sequenze di DNA.

I risultati hanno mostrato che tutti e nove le pazienti hanno perso identiche regioni del cromosoma 17, dove è localizzato il gene p53, in ciascuno dei campioni di cancro, incluse le lesioni STIC in fase iniziale, suggerendo che il gene p53 difettoso è un primo passo nello sviluppo del cancro ovarico.

Tutti e nove le pazienti hanno anche perso porzioni di cromosomi contenenti uno o entrambi i geni BRCA1 e BRCA2, che sono stati a lungo collegati a tumori ereditari e sporadici dei tumori del seno e ovarici. Quattro pazienti hanno avuto delezioni nel cromosoma 10 dove si trova un altro gene associato al cancro, chiamato PTEN.

Utilizzando i risultati degli studi genomici, il team ha stimato la frazione delle cellule tumorali in cui si sarebbe verificata una mutazione. Spiegando che ci sarebbero probabilmente meno mutazioni nelle cellule cancerose originali che nei loro successori, gli scienziati hanno creato un albero evolutivo tra i tumori ovarici nelle cinque donne. I risultati hanno condotto alla conclusione che ciascuno dei tumori delle donne inizia con errori nello STIC o nelle lesioni precedenti situate nei tube di fallopio. Altri errori del DNA sono stati trovati nelle cellule tumorali depositate nell’ovaio vicino alle tube di fallopio e nei siti metastatici. “Nel complesso”, dicono i ricercatori, “queste analisi suggeriscono che lo sviluppo del cancro nelle ovaie è il risultato di un evento di semina del tumore iniziale nelle tube di fallopio che già contenevano i cambiamenti chiave del DNA necessari per questa malattia”.

Per determinare il tempo necessario per la formazione dei tumori, gli scienziati hanno utilizzato diversi modelli statistici che hanno tenuto conto dell’età della paziente, del periodo della diagnosi,  e del numero totale di mutazioni, nel cancro di ciascuna paziente. I  risultati indicano che i tumori ovarici sviluppati da lesioni STIC hanno impiegato una media di 6,5 anni tra le pazienti analizzate.

Tuttavia, quando i tumori hanno raggiunto le ovai delle pazienti, la progressione alla malattia metastatica è stata stimata in media, in due anni. “C’è un allineamento con quello che vediamo nella clinica, ossia che le pazienti con tumore ovarico di nuova diagnosi più spesso hanno già la diffusa malattia”, dice Velculescu.

Velculescu avverte che la pratica medica non potrà cambiare molto finché ulteriori studi non verificheranno i loro risultati. Sperimentazioni cliniche sono in corso per verificare la validità della  rimozione delle tube di fallopio anziché delle ovaie, in donne con mutazioni BRCA1 e BRCA2 ereditarie del cancro.

Dice Velculescu: ” La rimozione delle ovaie porta alla perdita di ormoni, causando un aumento del rischio di malattie cardiache e di altre malattie. La finestra del tempo che esiste tra lo sviluppo di una lesione STIC e la malattia metastatica evidenzia l’importanza di nuovi approcci di screening come metodi di biopsia liquida per la diagnosi precoce del cancro ovarico”.

Fonte: EurekAlert


Altri articoli su cancro ovarico