Cancro: la terapia protonica riduce il rischio di effetti collaterali

0
17

La terapia protonica porta a un rischio significativamente più basso di effetti collaterali abbastanza gravi da portare a ricoveri non pianificati i malati di cancro, rispetto alle radiazioni tradizionali, mentre i tassi di guarigione tra i due gruppi sono quasi identici.

I risultati di questo studio provengono da un’analisi ampliata della più grande rassegna del suo genere, eseguita da ricercatori della Perelman School of Medicine dell’Università della Pennsylvania, per valutare se i pazienti sottoposti a radioterapia contemporaneamente o meno alla chemioterapia manifestano gravi eventi avversi entro 90 giorni.

I ricercatori hanno scoperto che la terapia protonica riduce di due terzi il rischio relativo di questi effetti collaterali.

JAMA Oncology ha pubblicato i risultati dello studio, oggi 27 dicembre 2019.

Questo studio dimostra che la terapia con protoni ci offre un modo per ridurre i gravi effetti collaterali della chemioterapia e migliorare la salute e il benessere dei pazienti senza sacrificare l’efficacia della terapia “, ha affermato l’autore principale dello studio Brian Baumann, MD,  Professore di Radioterapia oncologica presso la Penn e assistente Professore di Radioterapia oncologica presso la Washington University School of Medicine di St. Louis.

La terapia con protoni presenta alcune differenze chiave rispetto alle tradizionali radiazioni fotoniche. Le radiazioni fotoniche in genere utilizzano più raggi X per inviare radiazioni al bersaglio tumorale, ma inevitabilmente depositano radiazioni nei tessuti normali oltre il bersaglio, danneggiandoli potenzialmente quando il raggio esce dal corpo. La terapia protonica è un trattamento di radiazione alternativo approvato dalla FDA che dirige protoni caricati positivamente sul tumore. Il trattamento deposita la maggior parte della dose di radiazioni sul bersaglio senza quasi nessuna radiazione residua erogata oltre il bersaglio, riducendo i danni ai tessuti sani circostanti e potenzialmente riducendo gli effetti collaterali.

Per questo studio, i ricercatori hanno valutato gli effetti collaterali tra cui dolore o difficoltà a deglutire, difficoltà respiratorie, nausea o diarrea, tra gli altri. Si sono concentrati sugli effetti di grado 3 o superiore, definiti come effetti collaterali abbastanza gravi da portare a ricoveri in Ospedale. Hanno valutato i dati da 1.483 pazienti affetti da cancro sottoposti a radioterapia e chemioterapia contemporaneamente. Di questi, 391 pazienti hanno ricevuto terapia con protoni, mentre 1.092 sono stati sottoposti a trattamento con fotoni. Tutti i pazienti presentavano un carcinoma non metastatico e venivano sottoposti a trattamento inteso a essere curativo. Sono stati inclusi pazienti con carcinoma cerebrale, carcinoma della testa e del collo, carcinoma polmonare, carcinoma gastrointestinale e carcinoma ginecologico trattati con radioterapia concomitante.

L’outcome primario era se i pazienti manifestavano o meno effetti collaterali di grado tre o superiore entro 90 giorni dal trattamento. Nel gruppo dei protoni, solo l’11,5 percento dei pazienti (45) ha manifestato effetti collaterali di grado tre o superiore entro 90 giorni dal trattamento, rispetto al 27,6 percento dei pazienti (301) nel gruppo dei fotoni. Un’analisi ponderata di entrambi i gruppi di pazienti, che ha controllato altri fattori che potrebbero aver portato a differenze tra i gruppi di pazienti, ha rilevato che il rischio relativo di una grave tossicità era inferiore di due terzi per i pazienti trattati con protoni rispetto ai pazienti trattati con fotoni.

Vedi anche, Tutto quello che c’è da sapere sulla terapia protonica

“Sappiamo dalla nostra esperienza clinica che la terapia protonica può avere questo vantaggio, ma non ci aspettavamo che l’effetto fosse così considerevole”, ha affermato l’autore senior James Metz, MD, Presidente di Radiation Oncology, leader del Roberts Proton Therapy Center presso Penn e membro del Penn’s Abramson Cancer Center.

È importante sottolineare che la sopravvivenza globale e la sopravvivenza libera da malattia erano simili tra i due gruppi, suggerendo che la riduzione della tossicità osservata con la terapia con protoni non è venuta a scapito della ridotta efficacia.

I ricercatori affermano che questi risultati suggeriscono la terapia protonica come un modo per fornire una terapia sistemica intensificata e / o una radioterapia a dosi più elevate in modo più sicuro, il che potrebbe migliorare gli esiti di sopravvivenza. In effetti, i dati hanno mostrato che i pazienti più anziani con più comorbidità che avevano ricevuto la terapia con protoni, avevano mostrato meno effetti collaterali.

“Questo ci dice che la terapia protonica può consentire ai pazienti più anziani di ricevere i trattamenti combinati più efficaci e che i pazienti più anziani e malati possono essere inclusi in modo più sicuro negli studi clinici che utilizzano la terapia protonica”, ha detto Baumann.

Mentre i ricercatori affermano che sono necessarie ulteriori ricerche, sottolineano che questo studio è la migliore informazione che abbiamo fino a quando gli studi controllati randomizzati continueranno a rivelarsi difficili da completare.

Fonte, Science Daily