HomeSaluteTumoriCancro del colon: un batterio aiuta a combatterlo

Cancro del colon: un batterio aiuta a combatterlo

(Cancro del colon-Immagine Credit Public Domain).

Un batterio comune nel microbioma intestinale dei topi può caricare il sistema immunitario per combattere il cancro del colon, secondo quanto riportato oggi sulla rivista Immunity dai ricercatori della School of Medicine dell’Università di Pittsburgh.

Lo studio ha dimostrato che il batterio Helicobacter hepaticus ha potenziato la risposta immunitaria adattativa e ha indotto l’attivazione selettiva delle cellule T helper e delle cellule B che producono anticorpi, causando la riduzione dei tumori del colon e allungando la sopravvivenza nei topi. La ricerca pionieristica fornisce una forte evidenza a favore dello sfruttamento del microbiota intestinale per trattare il cancro del colon avanzato resistente ai farmaci convenzionali e alle terapie immunitarie. “Alterare il microbioma intestinale non deve fare affidamento sulla serendipità per ottenere un vantaggio terapeutico. Invece di utilizzare trapianti fecali e sperare di ottenere la giusta composizione microbica, ora siamo molto meglio posizionati per sviluppare farmaci efficaci progettati sulla base di molecole prodotte da batteri benefici“, dice Timothy Hand, Ph.D., assistente Professore di immunologia alla Pitt University e autore corrispondente dello studio.

- Advertisement -

Il cancro del colon-retto è una malattia comune e mortale che non risponde prontamente alle immunoterapie a causa della capacità del tumore di modificare il proprio microambiente e sfuggire al riconoscimento da parte del sistema immunitario. Per aiutare questi pazienti, gli oncologi devono fare affidamento su trattamenti come la chirurgia, la chemioterapia e la radioterapia, che hanno tutti una serie di effetti collaterali debilitanti. Trovare un modo per rendere i tumori non responsivi sensibili alle terapie immunitarie potrebbe cambiare le regole del gioco.

È interessante notare che alcuni pazienti hanno risultati migliori dal trattamento del cancro del colon-retto rispetto ad altri e il microbioma intestinale potrebbe essere la chiave per risolvere il mistero.

Vedi anche:Cancro del colon: i batteri intestinali rivelano il rischio

Per verificare se l’immunità antitumorale potesse essere potenziata modulando la composizione delle popolazioni batteriche nel colon, i ricercatori di Pitt hanno colonizzato l’intestino di topi con cancro del colon con H. hepaticus-;un batterio che abita il muco denso nel rivestimento intestinale e induce un forte risposta immunitaria.

- Advertisement -

L’aggiunta di H. hepaticus ha ridotto significativamente il numero e le dimensioni del cancro del colon e ha allungato la durata della vita degli animali. Gli scienziati hanno osservato una maggiore infiltrazione di cellule T helper, cellule B e cellule natural killer (NK) nel sito del cancro del colon e la formazione di strutture altamente organizzate che creano un ambiente favorevole per la maturazione delle cellule immunitarie e indicano che i trattamenti contro il cancro hanno maggiori probabilità di avere successo.

Astratto grafico

Figura miniatura fx1

Immagine Credito Università di Pittsburgh

I ricercatori non hanno rilevato una maggiore attivazione delle cellule T citotossiche, che spesso sono prese di mira dalle terapie immunitarie, suggerendo che la strategia deve essere riconsiderata per il cancro del colon-retto per favorire invece le cellule T helper.

“Ignorare l’influenza dei batteri intestinali sul successo delle terapie contro il cancro sembra un’enorme svista”, ha affermato l’autore principale Abigail Overacre-Delgoffe, Ph.D., borsista post-dottorato presso il Dipartimento di Pediatria di Pitt e Damon Runyon Fellow. “Dobbiamo pensare a tutte le cose che i pazienti affrontano giorno dopo giorno che possono causare il successo o il fallimento dei trattamenti. Non possiamo più ignorare i batteri: influenzano tutto”.

Fonte:Immunity

ULTIMI ARTICOLI

Paradosso biologico offre nuove intuizioni sul mistero del cancro

(Cancro-Immagine: Carlo Maley è ricercatore presso il Biodesign Center for Biocomputing, Security and Society presso l'Arizona State University.Credito: The Biodesign Institute presso l'Arizona State...

Malattie da prioni: come muoiono le cellule cerebrali

(Malattie da prioni-Immagine:neuroni cresciuti in coltura che esprimono una proteina prionica mutante (ciano) che causa malattie da prioni nell'uomo. Questi neuroni mostrano assoni rigonfi che...

Vaccinazione: cosa guida la scelta?

(Vaccinazione-Immagine: modello che collega le variabili di fondo non specifiche del COVID e quelle specifiche del COVID con i cambiamenti nell'intenzione di vaccinazione. Attestazione: PNAS). Nell'esaminare il...

Dolore cronico legato a differenze nella struttura cerebrale

Sapevi che la principale causa di disabilità nel mondo è il dolore cronico? Milioni e milioni di persone vivono la loro quotidianità segnata dal dolore. Non solo causa...

Malattia di von Hippel-Lindau: Belzutifan offre nuova speranza

(Malattia di von Hippel-Lindau-Immagine Credit Public Domain). I pazienti con malattia di von Hippel-Lindau, una condizione genetica causata da una mutazione nel gene VHL che...