Cancro alla prostata: 4 cose che gli uomini devono sapere su pomodori, olio di pesce,integratori e testosterone

cancro alla prostata,integratori,olio di pesce,pomodoro,testosterone

Rispetto al  cancro alla prostata, ci sono 4 cose che gli uomini devono sapere su pomodori, olio di pesce, integratori e testosterone. C’è infatti molta confusione su come prevenire questa patologia. Qui di seguito, sono presi in esame 4 miti sul cancro alla prostatai e informazioni basate sulle ricerche di scienziati del Hutchinson Cancer Research Center.

Mito1- Mangiare prodotti a base di pomodoro previene il cancro alla prostata.  “La stragrande maggioranza degli studi, non mostra alcuna associazione. ” ha dichiarato Alan Kristal del Centro Hutchinson di Prevenzione che lo scorso anno ha pubblicato il più grande studio fatto fino ad oggi, per determinare se il licopene contenuto nel pomodoro, in realtà protegge dal cancro alla prostata. Dopo aver osservato i livelli ematici di 3500 uomini, gli scienziati non hanno trovato alcuna associazione tra consumo di pomodoro e cancro alla prostata. I primi studi, sostengono i ricercatori, a sostegno di tale associazione, non sono stati replicati in studi che utilizzano biomarcatori sierici di assunzione di licopene.

Mito 2- Olio di pesce (omega 3 acidi grassi) diminuisce il rischio di cancro alla prostata. ” Sembra ragionevole sulla base di un’associazione di infiammazione e cancro alla prostata e anti infiammatori omega 3. Tuttavia, ” ha affermato Kristal ” due grandi studi ben disegnati, di cui uno da me condotto e pubblicato lo scorso anno, hanno dimostrato che alti livelli ematici di omega3 aumentano la probabilità di rischio di cancro alla prostata.”

Mito 3- Gli integratori alimentari possono prevenire il rischio di cancro alla prostata. Diversi studi randomizzati che hanno esaminato l’impatto degli integratori alimentari sul cancro alla prostata, non hanno rilevato alcun effetto al contrario, un rischio significativamente aumentato. Ad esempio, Selenio e Vitamina E Prevention Trial (SELECT), il più grande studio sul cancro alla prostata, non ha confermato nè Selenio, nè Vitamina E, da soli o in combinazione, per ridotto rischio di cancro alla prostata. Lo studio ha invece evidenziato che la vitamina E aumenta il rischio di cancro alla prostata in uomini sani. Lo studio ha coinvolto circa 35.000 uomini.

Mito4- Alti livelli di testosterone aumentano il rischio di cancro alla prostata. ” Questa è una bella ipotesi basata su una comprensione  molto semplicistica del metabolismo del testosterone e del suo effetto sul rischio di cancro alla prostata. E’ semplicemente sbagliato” ha affermato Kristal ” a differenza degli estrogeni e cancro al seno il cui rapporto è molto forte, i livelli di testosterone  non hanno alcuna incidenza sul cancro alla prostata. Uno studio pubblicato nel 2008 sulla rivista Journal of National Cancer, che ha unito i dati provenienti da 18 studi di grandi dimensioni, non ha trovato alcuna associazione tra concentrazione di testosterone  nel sangue e rischio di cancro alla prostata e gli studi più recenti confermano questa conclusione.

 

 

Altri articoli su cancro alla prostata, integratori, olio di pesce, pomodoro, testosterone