HomeSaluteTumoriCancro al seno: bloccare l'autofagia migliora l'esito

Cancro al seno: bloccare l’autofagia migliora l’esito

(Cancro al seno-Immagine Credit Public Domain).

I ricercatori dell’Università di Cincinnati hanno dimostrato in un nuovo studio sul cancro al seno che bloccare l’utofagia migliora l’esito della malattia.

Il riciclaggio di lattine e bottiglie è una buona pratica. Aiuta a mantenere pulito il pianeta.

- Advertisement -

Lo stesso vale per il riciclaggio all’interno delle cellule del corpo. Ogni cellula ha un modo per ripulire i rifiuti al fine di rigenerare cellule nuove e più sane. Questo “riciclaggio delle cellule” è chiamato autofagia.

Mirare e modificare questo processo è stato collegato al controllo o alla riduzione  di alcuni tipi di cancro. Ora, i ricercatori dell’Università di Cincinnati hanno dimostrato che arrestare completamente questo processo in una forma molto aggressiva di cancro al seno può migliorare i risultati delle pazienti.

Questo studio è stato pubblicato nell’edizione cartacea dell’8 febbraio della rivista Developmental Cell.

L’autofagia è una specie di cannibalismo cellulare. Le cellule mangiano i componenti cattivi di se stessie e ne escono forti e non danneggiate; tuttavia, non vogliamo che le cellule tumorali utilizzino l’autofagia per creare versioni più forti e più sane di se stesse. Studi precedenti hanno scoperto che disabilitare questo processo ha rallentato la crescita di un particolare tipo di cancro al seno, ma non era noto se il blocco dell’autofagia potesse essere utile per un tipo particolarmente aggressivo di cancro al seno, noto come carcinoma mammario HER2-positivo“, spiegano Jun-Lin Guan, Ph.D., autore corrispondente, Francis Brunning Professor e Presidente del Dipartimento di Biologia del Cancro della UC.

- Advertisement -

Questo tipo di cancro al seno cresce rapidamente e, sebbene esistano trattamenti efficaci, purtroppo queste particolari cellule tumorali trovano un modo per diventare resistenti alla terapia, portando a ricadute e ad un più alto tasso di mortalità nelle pazienti.

I ricercatori che hanno realizzato questo studio hanno utilizzato modelli animali per dimostrare che il blocco dell’autofagia ha eliminato lo sviluppo e la crescita di questo tipo di cancro al seno “anche in misura maggiore rispetto ai nostri precedenti studi su altri tipi di cancro al seno“, afferma Guan, anche lui membro dell’ UC Cancer Center.

Guan aggiunge che i ricercatori hanno anche scoperto che bloccando questa attività, erano in grado di influenzare completamente le altre attività e meccanismi all’interno delle cellule tumorali, cambiando i loro ruoli e reazioni.

Il ricercatore afferma che questi risultati sono particolarmente importanti in quanto mostrano un modo completamente diverso di trattare potenzialmente questo tipo di cancro al seno che può funzionare come terapia di combinazione con i trattamenti attuali per prevenire la resistenza e le ricadute.

Vedi anche:Digiuno intermittente riduce il rischio di cancro al seno

“Sarebbe più difficile per le cellule tumorali eludere due modi diversi di essere bloccate”, aggiunge. “Saranno necessari futuri studi clinici per convalidare il trattamento nelle pazienti. Inoltre, la proteina HER2 svolge un ruolo in molti altri tumori tra cui i tumori del polmone, dello stomaco e della prostata, quindi studi futuri dovranno esaminare se questo nuovo meccanismo può essere utile anche nel trattamento di questi tumori. Questo studio mostra davvero il valore della ricerca di base per sconfiggere il cancro in futuro. Le scoperte, come questa, a volte sono fatte da ricerche guidate dalla curiosità che si traducono in scoperte sorprendenti che potrebbero un giorno aiutare le persone“.

L’autore principale dello studio Mingang Hao, PhD, che è un borsista post-dottorato nel laboratorio di Guan, dice che stava gestendo due distinti progetti di ricerca sul cancro allo stesso tempo, ma questo studio ha ispirato i risultati per l’altro studio che coinvolgeva anche vescicole o “bolle” nella diffusione del cancro.

“La ricerca sul cancro ha così tanti intricati colpi di scena, ma gran parte di essa può essere interconnessa, anche in piccoli modi”, dice Hao.

 

ULTIMI ARTICOLI

Il multivitaminico quotidiano può essere un’abitudine non necessaria

(Multivitaminico-Immagine Credit Public Domain). Una persona su tre ingurgita un multivitaminico ogni mattina, probabilmente con un sorso d'acqua. La verità su questa abitudine popolare può...

Alzheimer: come l’intestino contribuisce allo sviluppo

(Alzheimer-Immagine Credit Public Domain). La ricerca guidata dai Dott. Yuhai Zhao e Walter J Lukiw del LSU Health New Orleans Neuroscience Center e dei Dipartimenti...

COVID 19: terapia inalatoria blocca la replicazione virale

(COVID 19-Immagine Credit Public Domain). I ricercatori dell'Università della California, a Berkeley, hanno creato un nuovo terapeutico COVID-19 che potrebbe un giorno rendere il trattamento...

Asma: trovato un potenziale trattamento a lungo termine

(Asma-Immagine Credit Public Domain). Un possibile modo per affrontare una delle cause alla base dell'asma è stato sviluppato dai ricercatori dell'Aston University e dell'Imperial College...

Cancro al seno: un nuovo farmaco riduce le metastasi cerebrali

(Cancro al seno-Immagine:grafico a cascata delle risposte nei pazienti valutabili per la risposta in base ai criteri RANO-BM nello studio TUXEDO-1. Le barre blu illustrano...