HomeSaluteTumoriCancro al fegato: indizi sul rischio nell'intestino

Cancro al fegato: indizi sul rischio nell’intestino

Le persone con cancro al fegato non correlato all’alcol hanno un profilo di microbioma intestinale unico che potrebbe aiutare a prevedere il rischio della malattia, secondo uno studio della UNSW di Sydney.

“Il profilo distintivo del microbioma intestinale di una persona con cancro al fegato legato alla steatosi epatica non alcolica (NAFLD) potrebbe essere la chiave per prevedere il rischio di qualcuno di sviluppare il cancro”, affermano i ricercatori della UNSW Microbiome Research Center (MRC).

Il loro nuovo studio, pubblicato di recente su Nature Communications, ha scoperto che il microbioma intestinale – il regno dei microrganismi che vivono nel nostro tratto digerente – può modulare la risposta immunitaria nei pazienti affetti da cancro al fegato con NAFLD, in un modo che promuove la sopravvivenza del cancro.

- Advertisement -

Sebbene la ricerca sia ancora nelle sue fasi iniziali, questa scoperta potrebbe portare a trattamenti preventivi e terapeutici più efficaci per le persone a rischio di sviluppare un cancro al fegato correlato alla NAFLD.

Le persone sviluppano NAFLD nel contesto dell’obesità e di fattori di rischio metabolici come diabete, ipertensione e colesterolo alto.

L’autrice senior Professore associato Amany Zekry, Professore associato alla UNSW Medicine & Health e autrice senior dello studio, ha esaminato il carcinoma epatocellulare o HCC che è la terza causa di decessi correlati al cancro in tutto il mondo. L’infiammazione epatica cronica e la cirrosi epatica – o cicatrici – sono la chiave per un paziente che sviluppa questo tipo di cancro, con NAFLD che è un fattore di rischio comune”, spiega Zekry. “Quindi, a causa della pandemia globale di obesità e diabete di tipo 2, la NAFLD sta emergendo come la ragione principale per le malattie del fegato e il cancro al fegato, in particolare nei paesi occidentali. Il cancro al fegato ha generalmente un esito negativo perché di solito viene rilevato nelle fasi avanzate della malattia a causa della resilienza del fegato – la cirrosi epatica può non essere diagnosticata per molti anni fino allo sviluppo del cancro”.

In Australia, le persone hanno il 20% di possibilità di sopravvivere per almeno cinque anni dopo la diagnosi di cancro al fegato.

- Advertisement -

Lo studio condotto dalla UNSW includeva ricercatori medici della St George and Sutherland Clinical School dell’UNSW e dei principali Ospedali del NSW. Zekry, che è anche il capo di gastroenterologia ed epatologia presso il St George Hospital, ha affermato che questa  ricerca è stata la prima ad indagare in modo completo sul microbioma nel contesto del cancro al fegato correlato alla NAFLD. “Un’altra caratteristica unica della nostra ricerca è il modo in cui abbiamo utilizzato un modello di coltura cellulare umana per esaminare l’effetto del microbioma intestinale sulla risposta immunitaria nei pazienti con questo cancro”, ha detto. “Questo studio fa parte di un progetto di ricerca più ampio che sta coinvolgendo circa 200 pazienti, con l’obiettivo finale di identificare biomarcatori o indicatori del microbioma intestinale, per prevedere il rischio di qualcuno di sviluppare un cancro. Il microbioma intestinale svolge un ruolo importante nelle malattie in generale e nella salute generale di una persona, quindi il nostro stile di vita e il cibo e le bevande che consumiamo possono influenzare questo regno di microrganismi che vivono in tutti noi”.

Pazienti con cancro al fegato allo stadio iniziale 

I ricercatori hanno reclutato 90 pazienti adulti da diversi Ospedali di Sydney, a due terzi dei quali era stato appena diagnosticato un cancro al fegato correlato alla NAFLD o una cirrosi Il restante terzo dei pazienti era un gruppo di controllo senza malattia epatica. I pazienti con cancro al fegato, di età compresa tra i 50 ei 70 anni, sono stati selezionati perché il loro cancro era stato rilevato precocemente. Zekry ha detto che questa era la migliore coorte da esaminare perché i ricercatori volevano capire cosa si fosse verificato nella fase iniziale della malattia. Tutti i pazienti hanno fornito campioni di sangue e feci, che i ricercatori hanno utilizzato per creare modelli di colture cellulari per l’analisi. “Se sappiamo cosa succede nella fase iniziale, allora possiamo intervenire per impedire al cancro di progredire nella fase avanzata. Quindi, se le persone possono essere diagnosticate precocemente con un cancro al fegato, c’è il potenziale per curarle con una terapia definitiva. I risultati del nostro studio aprono anche la porta agli interventi sull’intestino, per manipolare il microbioma come strategia preventiva contro lo sviluppo del cancro al fegato”.

Scoperta una “firma” di cancro al fegato

I ricercatori hanno scoperto che i pazienti con cancro al fegato correlato a NAFLD avevano un profilo del microbioma intestinale distintivo e caratteristico che era diverso dal microbioma di persone con malattia del fegato in generale.

Il primo autore dello studio, il Dr. Jason Behary, Conjoint Associate Lecturer presso la UNSW Medicine & Health, ha detto che è stata una scoperta entusiasmante perché nessuno studio precedente aveva riportato una “firma” di cancro al fegato correlato alla NAFLD.

“Ciò significa che in futuro saremo in grado di sfruttare il microbioma intestinale per prevedere l’insorgenza della malattia che è molto rilevante per il cancro al fegato perché è quasi sempre rilevato nelle fasi avanzate”, ha detto Jason Behary.

Vedi anche:Cancro al fegato: scoperto un trattamento che lo sopprime

“Abbiamo anche scoperto che i geni e la funzione del microbioma intestinale nei pazienti con cancro del fegato correlato alla NAFLD hanno promosso una maggiore produzione di acidi grassi a catena corta, vale a dire butirrato, che derivano dalla fermentazione microbica intestinale di cibi indigeribili, come fagioli e cereali.

“L’eccesso di butirrato nel contesto del cancro al fegato è pericoloso, perché abbiamo scoperto che ostacola il funzionamento del sistema immunitario. Inoltre, abbiamo trovato alcune specie di batteri correlate a questa risposta immunitaria sfavorevole”, ha aggiunto il ricercatore.

Behary, gastroenterologo ed epatologo e Ph.D. candidato, ha riferito che gli studi sulle colture cellulari hanno confermato che il microbioma intestinale dei pazienti con cancro del fegato correlato a NAFLD ha modulato la risposta immunitaria in un modo che ha favorito la sopravvivenza del cancro, piuttosto che la sua eliminazione.

“Quindi, poiché abbiamo dimostrato che il microbioma intestinale può influenzare la risposta immunitaria in una fase precoce per tollerare il cancro al fegato, questo apre la porta all’intervento”, ha detto Behary. “E, dato il crescente interesse per i nuovi trattamenti contro il cancro al fegato come l’immunoterapia, farmaci che modificano la risposta immunitaria per combattere il cancro, le nostre scoperte apriranno la strada a studi futuri per esaminare come possiamo cambiare il microbioma per aumentare le possibilità di successo dell’immunoterapia”.

Prevedere il rischio di cancro

“Quello che abbiamo da questo studio è una prova di concetto, quindi ora dobbiamo definire uno studio pilota per dimostrare quel concetto e fornire risposte più definitive. Ad esempio, dobbiamo trovare un gruppo di controllo con diabete, ma non con malattie del fegato, al fine di esaminare l’effetto del diabete sul microbioma intestinale senza la presenza di NAFLD. Ma è difficile reclutare un tale gruppo nella pratica clinica perché la malattia del fegato è presente in quasi l’80 per cento dei pazienti con diabete”, ha aggiunto il ricercatore.

Il team ha in corso una nuova ricerca presso l’MRC sotto la guida del coautore dello studio, il Professor Emad El-Omar, Professore di medicina presso la St George and Sutherland Clinical School. Il nuovo lavoro include studi sugli animali per comprendere i meccanismi di come il microbioma intestinale influenza la risposta immunitaria.

Spiega il Prof. Zekry: “Abbiamo progetti entusiasmanti in corso: stiamo cercando di capire come il microbioma influenza la risposta immunitaria per causare il cancro al fegato, oltre a scoprire come spegnere un microbioma “cattivo” e attivare quello “buono” per prevenire il cancro al fegato. Stiamo anche studiando biomarcatori basati sul microbioma per prevedere il rischio di cancro al fegato. La nostra visione è che le persone potranno sottoporsi a un test, tramite un tampone orale, un campione di sangue o di feci, per determinare se portano una” firma “che mostra che sono a rischio di sviluppare un cancro al fegato

Fonte:Nature

.

ULTIMI ARTICOLI

Cancro del polmone: quando la radioterapia fallisce

(Cancro del polmone-Immagine: a sinistra, un adenocarcinoma colorato del polmone. La sezione B ingrandita mostra tessuto polmonare sano, la sezione C ingrandita un adenocarcinoma. La...

Malattia di Krabbe: i neuroni possono provocare la propria distruzione

(Malattia di krabbe-Immagine: il Dottor Daesung Shin (a sinistra) e uno studente laureato Jacob Favret (a destra) discutono della neurodegenerazione riscontrata nel modello della...

Antidolorifici: in che modo bloccano il dolore?

(Antidolorifici-Immagine Credit Public Domain). Sebbene il dolore possa essere orribile, ha uno scopo utile. Senza la capacità di provare dolore, la vita è più pericolosa....

Antichi microbi possono aiutarci a trovare forme di vita extraterrestri

Utilizzando proteine ​​che catturano la luce nei microbi viventi, gli scienziati hanno ricostruito com'era la vita per alcuni dei primi organismi della Terra. Questi sforzi potrebbero...

Alimenti geneticamente modificati: chi si fida?

Attraverso CRISPR e altre tecnologie di modifica genetica, ricercatori e sviluppatori sono pronti a portare dozzine - se non centinaia - di nuovi prodotti nei...