HomeSalutePolmoniBPCO: acido ialuronico migliora la funzione polmonare

BPCO: acido ialuronico migliora la funzione polmonare

(BPCO-Immagine Credit Public Domain).

I ricercatori deu National Institutes of Health e i loro collaboratori hanno scoperto che l’inalazione di acido ialuronico non frammentato migliora la funzione polmonare nei pazienti che soffrono di grave esacerbazione della broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO). 

Lo ialuronano, uno zucchero secreto dal tessuto vivente che funge da impalcatura per le cellule, è anche usato nei cosmetici come idratante per la pelle e come spray nasale per idratare le vie respiratorie polmonari. Utilizzato come trattamento, l’acido ialuronico ha ridotto il tempo in cui i pazienti con BPCO in terapia intensiva avevano bisogno di supporto respiratorio e ridotto la degenza ospedaliera.

- Advertisement -

Lo studio, pubblicato online su Respiratory Research, è un buon esempio di come l’esame degli impatti dell’inquinamento ambientale sui polmoni possa portare a trattamenti praticabili. Diversi anni fa, il co-autore senior dello studio Stavros Garantziotis, MD, Direttore medico dell’Unità di ricerca clinica presso l’Istituto Nzionale di Scienze della Salute ambientale (NIEHS), parte del NIH, ha dimostrato che l’esposizione all’inquinamento causa la degradazione dello ialuronano in frammenti più piccoli nei polmoni.

Questi frammenti irritano il tessuto polmonare e attivano il sistema immunitario, provocando costrizione e infiammazione delle vie aeree. I ricercatori hanno stabilito che l’inalazione di ialuronano non frammentato riduce l’infiammazione superando i frammenti di ialuronano più piccoli.

Vedi anche:Effetti del fumo e della BPCO sull’infezione SARS-CoV-2

Garantziotis ha spiegato che lo ialuronano circonda le cellule, ma l’ inquinamento provoca crepe rompendolo in pezzi più piccoli. “Questi pezzi più piccoli irritano il corpo e attivano il sistema immunitario, portando all’infiammazione. Reintrodurre lo ialuronano a tutta lunghezza, come un nuovo strato di malta, significa ridurre la quantità di infiammazione”, dice Stavros Garantziotis, MD, Direttore medico dell’Unità di ricerca clinica, Istituto Nazionale di Scienze della Salute ambientale.

- Advertisement -

Poiché lo ialuronano è stato approvato in Italia per l’idratazione delle vie aeree, Garantziotis ha lavorato con i colleghi a Roma per vedere se l’inalazione di ialuronano a grandezza naturale potesse migliorare la funzione polmonare nei pazienti con BPCO in condizioni critiche. Il ricercatore ha spiegato che i pazienti stavano usando un apparato respiratorio simile a una macchina a pressione positiva continua (CPAP) per trattare la loro esacerbazione acuta della BPCO. Questo apparecchio ha fornito supporto respiratorio soffiando aria nelle vie aeree attraverso una maschera.

“Lo ialuronano inalato si qualifica come un aiuto stimolante per i pazienti con BPCO esacerbata, in quanto è sicuro e facile da somministrare”, ha detto il co-autore senior Raffaele Incalzi, MD, Dipartimento di Medicina, Università Campus Bio-Medico e Ospedale Didattico, Roma. “Inoltre, agisce localmente, solo nell’albero bronchiale e, quindi, non può interferire con alcun farmaco sistemico“.

Garantziotis voleva anche sapere cosa produceva la costrizione delle vie aeree nei polmoni dei pazienti con BPCO. Ha teorizzato che potrebbe essere coinvolto nella costrizione polmonre il muco denso. Collaborando con scienziati dell’Università dell’Alabama a Birmingham (UAB), i ricercatori hanno coltivato cellule delle vie aeree da pazienti con enfisema e hanno esaminato il modo in cui il muco si muoveva nelle cellule. Hanno visto che il muco scorreva più facilmente dopo la somministrazione di acido ialuronico.

Il coautore dello studio Steven Rowe, MD, Direttore del Gregory Fleming James Cystic Fibrosis Research Center presso l’UAB, ha affermato che se i pazienti con BPCO grave assumessero ialuronano, il trattamento migliorerebbe il trasporto del muco e aiuterebbe il loro recupero.

Gli attuali trattamenti per la malattia polmonare includono steroidi per via inalatoria, antibiotici e broncodilatatori, quindi l’utilizzo di una molecola che si trova già nel corpo è una nuova opzione. L’obiettivo ora per Garantziotis è studiare questo trattamento in più pazienti negli Stati Uniti, in modo che possa comprendere le condizioni ottimali e il dosaggio che produrranno il massimo beneficio.

ULTIMI ARTICOLI

Melanomi uveali: non sempre sono innocui

(Melanomi uveali- Immagine Credit Public Domain). Un nuovo articolo dei ricercatori della Liverpool University dimostra che i piccoli melanomi uveali (intraoculari) non sono sempre innocui,...

Melanoma: individuato nuovo obiettivo farmacologico

(Melanoma-immagine Credit Public Domain). Nonostante rappresenti solo l'1% circa dei tumori della pelle, il melanoma causa la maggior parte dei decessi correlati al cancro della...

Glaucoma: vitamina B3 possibile trattamento

(Glaucoma-Immagine Credit Public Domain). Il glaucoma comporta un alto rischio di perdere la vista. I ricercatori del Karolinska Institutet e del St. Erik Eye Hospital, tra...

Disturbo bipolare: 64 regioni del genoma aumentano il rischio

(Disturbo Bipolare-Immagine Credit Public Domain). Nel più grande studio genetico sul disturbo bipolare fino ad oggi, i ricercatori hanno identificato 64 regioni del genoma contenenti...

Cancro al seno: come diventa aggressivo

(Cancro al seno-Immagine Credit dominio pubblico Unsplash / CC0). I ricercatori del Baylor College of Medicine hanno seguito la progressione del cancro al seno in...