I batteri che fermentano le fibre migliorano la salute dei pazienti con diabete di tipo 2

diabete di tipo 2
Immagine: batteri intestinali in coltura. Credit: Tao Liu e Xiaoyan Pang / Shanghai Jiao Tong University.
La lotta contro il diabete di tipo 2 potrebbe presto migliorare grazie a uno studio pioneristico sulla dieta ricca di fibre condotto da un Professore della Rutgers University-New Brunswick.

La promozione di un gruppo selezionato di batteri intestinali con una dieta ricca di fibre diverse ha portato a un migliore controllo della glicemia, a una maggiore perdita di peso e a migliori livelli di lipidi nelle persone con diabete di tipo 2, secondo una ricerca pubblicata oggi su Science.

Lo studio, in corso da sei anni, dimostra che mangiare più fibre alimentari giuste può riequilibrare il microbiota intestinale o l’ecosistema di batteri nel tratto gastrointestinale che aiutano a digerire il cibo e sono importanti per la salute umana generale.

( Vdedi anche: Scoperto un legame genetico tra insonnia, depressione e diabete di tipo 2).

Liping Zhao è autore principale dello studio e Professore nel Dipartimento di Biochimica e Microbiologia, Scuola di scienze ambientali e biologiche presso la Rutgers University-New Brunswick.

Il diabete di tipo 2, una delle più comuni malattie debilitanti, si sviluppa quando il pancreas produce una quantità insufficiente di insulina – un ormone che aiuta il glucosio a entrare nelle cellule per l’uso come energia – o il corpo non usa bene l’insulina.

Nell’intestino, molti batteri scompongono i carboidrati, come le fibre alimentari e producono acidi grassi a catena corta che nutrono le nostre cellule di rivestimento dell’intestino, riducono l’infiammazione e aiutano a controllare l’appetito. Una carenza di acidi grassi a catena corta è stata associata al diabete di tipo 2 e ad altre malattie. Molti studi clinici mostrano anche che l’ aumento dell’ assunzione di fibre alimentari potrebbe alleviare il diabete di tipo 2, ma l’efficacia di questa strategia può variare a causa della mancanza di comprensione dei meccanismi, secondo Zhao che lavora presso il New Jersey Institute for Food, Nutrition, and Health al Rutgers-New Brunswick.

Nella ricerca condotta in Cina, Zhao e gli scienziati della Shanghai Jiao Tong University e Yan Lam, un ricercatore nel laboratorio di Zhao a Rutgers, hanno randomizzato pazienti con diabete di tipo 2 in due gruppi. Il gruppo di controllo ha ricevuto raccomandazioni educative e dietetiche standard, mentre al gruppo trattato è stata somministrata una grande quantità di molti tipi di fibre alimentari. Entrambi i gruppi hanno assunto il farmaco acarbose per aiutare a controllare il glucosio nel sangue.

La dieta ricca di fibre comprendeva cereali integrali, cibi medicinali tradizionali cinesi ricchi di fibre alimentari e prebiotici, che promuovono la crescita di batteri intestinali a catena corta che producono acidi grassi. Dopo 12 settimane, i pazienti con una dieta ricca di fibre hanno avuto una riduzione maggiore della media a tre mesi, dei livelli di glucosio nel sangue. Anche i loro livelli di glicemia a digiuno sono diminuiti più rapidamente e hanno perso più peso.

Sorprendentemente, dei 141 ceppi di batteri intestinali che producono acidi grassi a catena corta identificati dal sequenziamento di prossima generazione, solo 15 sono stati promossi dal consumo di più fibre e quindi sono probabilmente i fattori chiave per una salute migliore. Sostenuti dalla dieta ricca di fibre, sono diventati i ceppi dominanti nell’intestino dopo aver potenziato i livelli degli acidi grassi a catena corta, butirrato e acetato. Questi acidi hanno creato un ambiente intestinale moderatamente acido che ha ridotto la popolazione di batteri dannosi e ha portato ad un aumento della produzione di insulina e ad un migliore controllo della glicemia.

Lo studio supporta la creazione di un microbiota intestinale sano come nuovo approccio nutrizionale per prevenire e gestire il diabete di tipo 2.

Fonte: Science

Altri articoli su diabete di tipo 2