‘Barcoding cellulare’ rivela come si diffonde il cancro al seno

cancro al seno

Immagine, da sinistra a destra Dr. Shalin Naik, Professoressa Jane Visvader, Dr. Tom Weber e Dr. Delphine Merino. Credito: Walter and Eliza Hall Institute of Medical Research.

Una tecnica all’avanguardia chiamata cellular barcoding è stata utilizzata per etichettare, tracciare e individuare le cellule responsabili della diffusione del cancro al seno dal tumore principale nel sangue e in altri organi.

La tecnica ha anche rivelato come la chemioterapia riduce temporaneamente il numero di cellule nocive, piuttosto che eliminarle, spiegando come il cancro potrebbe eventualmente recidivare.

Le informazioni ricavate dallo studio, pubblicate oggi su Nature Communications, potrebbero portare a nuovi trattamenti mirati per il cancro al seno, il  più comune tipo di cancro che colpisce le donne.

La Dott.ssa Delphine Merino, il Dottor Tom Weber, la Professoressa Jane Visvader, la Professoressa Geoffrey Lindeman e la Dott.ssa Shalin Naik hanno condotto la ricerca collaborativa che ha coinvolto biologi, scienziati clinici, biotecnologi e esperti computazionali presso l’Istituto di ricerca medica Walter ed Eliza Hall.

Individuazione dei “diffusori” della malattia

La maggior parte delle morti per cancro al seno sono causate dalle metastasi o diffusione di cellule cancerose dal sito principale del tumore verso altri organi.

I tumori al seno sono costituiti da migliaia di varianti cellulari diverse con caratteristiche diverse che possono o meno giocare un ruolo nella metastasi del cancro. Ciò rende la terapia una sfida perché è difficile sapere quali cellule sono responsabili della diffusione del cancro.

Il Dott. Merino ha affermato che la capacità di individuare i “cloni” – sottopopolazioni di cellule derivanti da un tumore originario del paziente – responsabile della diffusione del cancro è stata fondamentale per migliorare i trattamenti.

“Il nostro studio ha rivelato che solo pochi cloni selezionati erano effettivamente responsabili delle metastasi. La tecnica del codice a barre ci ha permesso di identificare i cloni che erano in grado di entrare nel flusso sanguigno e farsi strada in altri organi dove avrebbero ” seminato ” una nuova crescita tumorale”, ha detto il Dott. Merino.

Il Professor Visvader ha spiegato che la tecnica ha anche permesso ai ricercatori di vedere cosa stava succedendo ai cloni dopo il trattamento con  la chemioterapia.

Vedi anche L’irrigidimento del tessuto mammario favorisce lo sviluppo del cancro al seno.

“Abbiamo usato l’agente chemioterapico Cisplatin per trattare i modelli di laboratorio sviluppati utilizzando tessuto tumorale al seno donato. Il trattamento è stato in grado di ridurre i tumori e le dimensioni dei singoli cloni, ma non ha  eliminato tutti i cloni, inclusi i cattivi seminatori. Questi risultati entusiasmanti non sarebbero stati possibili senza la capacità di tracciare migliaia di cloni singoli e osservare il loro comportamento nel tempo”, ha detto Il Professor Visvader.

La tecnica di codice a barre cellulare utilizzata per lo studio è stata sviluppata nel 2013 dal Dr. Naik e dal Professor Ton Schumacher del Netherlands Cancer Institute.

Grazie a questa nuova tecnica i ricercatori possono passare dallo studio di migliaia di cloni alla ricerca di alcune varianti responsabili della diffusione del cancro.

Ora che sappiamo quali cloni sono coinvolti nella diffusione del tumore al seno, abbiamo il potere di concentrare veramente la nostra ricerca per bloccare la loro attività.  Ad esempio, siamo curiosi di capire che cosa è unico in questi cloni particolari che consente loro di avere successo nel diffondere, seminare e far crescere il cancro “, ha detto il Dottor Naik.

Abilitazione di un approccio mirato al trattamento

La precisione dell’approccio potrebbe aprire la strada alla soluzione di importanti misteri nel campo della ricerca sul cancro al seno e fornire agli scienziati le informazioni necessarie per progettare strategie di trattamento altamente mirate.

“Un obiettivo importante è capire le basi molecolari e cellulari di come si diffonde il cancro al seno e, lavorando con scienziati clinici come la Prof.ssa Lindeman, tradurre questa conoscenza dal laboratorio in clinica”, ha detto il Dottor Naik..

Fonte, Nature Communication


Altri articoli su cancro al seno