HomePrimo pianoAlzheimer: dalla plasmaferesi nuova speranza di trattamento

Alzheimer: dalla plasmaferesi nuova speranza di trattamento

(Alzheimer-Immagine Credit Public Domain).

Secondo un nuovo studio dell’UTHealth Houston, una nuova terapia per l’Alzheimer che comporta l’intero scambio di sangue, ha effettivamente ridotto la formazione di placca amiloide nel cervello dei topi.

Un gruppo di ricerca guidato dall’autore senior Claudio Soto, Ph.D., Professore presso il Dipartimento di Neurologia  McGovern Medical School della UTHealth Houston, in collaborazione con il primo autore Akihiko Urayama, Ph.D., Professore associato nel dipartimento, ha eseguito un serie di trattamenti di scambio del sangue intero per sostituire parzialmente il sangue di topi che esibiscono proteine ​​precursori dell’amiloide che causano il morbo di Alzheimer con sangue completo di topi sani dello stesso background genetico.

- Advertisement -

I risultati dello studio sono stati pubblicati oggi su Molecular Psychiatry.

“Questo articolo fornisce una prova di concetto per l’utilizzo di tecnologie comunemente utilizzate nella pratica medica, come la plasmaferesi o la dialisi del sangue, per ‘pulire’ il sangue dai pazienti di Alzheimer, riducendo l’accumulo di sostanze tossiche nel cervello”, ha affermato Soto, Direttore del George and Cynthia Mitchell Center for Alzheimer’s Disease and Related Brain Disorders e della Huffington Foundation Distinguished Chair in Neurology presso la McGovern Medical School. “Questo approccio ha il vantaggio che la malattia può essere curata nella circolazione invece che nel cervello“.

Precedenti studi di Soto e di altri ricercatori dell’UTHealth Houston hanno dimostrato che il ripiegamento errato, l’aggregazione e l’accumulo di proteine ​​beta amiloidi nel cervello svolgono un ruolo centrale nell’Alzheimer. Pertanto, prevenire e rimuovere gli aggregati proteici mal ripiegati è considerato un trattamento promettente per la malattia.

Tuttavia, il trattamento del morbo di Alzheimer è stato a lungo complicato, a causa della difficoltà di somministrare agenti terapeutici attraverso la barriera ematoencefalica. Attraverso le loro ultime ricerche, Urayama, Soto e altri hanno scoperto che la manipolazione dei componenti circolanti nell’Alzheimer potrebbe essere la chiave per risolvere questo problema.

- Advertisement -

“I vasi sanguigni nel cervello sono classicamente considerati la barriera più impermeabile nel corpo“, ha detto Urayama. “Siamo consapevoli che la barriera è allo stesso tempo un’interfaccia molto specializzata tra il cervello e la circolazione sistemica”.

Dopo molteplici trasfusioni di sangue, i ricercatori hanno scoperto che lo sviluppo di placche amiloidi cerebrali in un modello di topo transgenico della malattia di Alzheimer è stato ridotto dal 40% all’80%. Questa riduzione ha anche comportato un miglioramento delle prestazioni della memoria spaziale nei topi anziani con patologia amiloide e ha ridotto i tassi di crescita della placca nel tempo.

Vedi anche:Alzheimer: prove di origini alternative delle placche

Mentre l’esatto meccanismo con cui questo scambio di sangue riduce la patologia amiloide e migliora la memoria è attualmente sconosciuto, ci sono molteplici possibilità. Una possibile spiegazione è che l’abbassamento delle proteine ​​beta amiloidi nel flusso sanguigno può aiutare a facilitare la ridistribuzione del peptide dal cervello alla periferia. Un’altra teoria è che lo scambio di sangue prevenga in qualche modo l’afflusso di beta amiloide, o inibisca la ricaptazione della beta amiloide eliminata, tra le altre potenziali spiegazioni.

Tuttavia, indipendentemente dai meccanismi d’azione associati al trattamento del sangue scambiato, lo studio mostra che un obiettivo per la terapia del morbo di Alzheimer può trovarsi in periferia.

Fonte: Molecular Psychiatry

ULTIMI ARTICOLI

Infezioni batteriche e ferite della pelle: nuovo approccio per il trattamento

(Infezioni batteriche-Immagine: ferita vascolarizzata al microscopio. Credito: Rachel Kratofil). I ricercatori dell'Università di Calgary hanno identificato un nuovo approccio promettente per il trattamento delle infezioni batteriche...

Januvia farmaco per il diabete può contenere tracce di cancerogeno

(Januvia-Immagine Credit Medicalxpress). "Il popolare farmaco per il diabete Januvia può contenere tracce di un probabile cancerogeno, ma i pazienti dovrebbero continuare a usare il...

Cuffia dei rotatori: potenziale trattamento rivoluzionario per la rigenerazione

(Cuffia dei rotatori/Studio-Immagine:Dr. Cato T. Laurencin-Credito UCNN). Un nuovo modo per rigenerare i muscoli potrebbe aiutare a riparare la cuffia dei rotatori nelle spalle danneggiate...

Acufene: svolta nella ricerca di una cura

(Acufene-Immagine Credito: Pixabay/CC0 di dominio pubblico). Dopo 20 anni alla ricerca di una cura per l'acufene, i ricercatori dell'UDniversità di Auckland sono entusiasti dei "risultati...

Alimenti fermentati: 4 motivi per cui dovresti mangiarli

(Alimenti fermentati-Immagine Credit Public Domain). Gli alimenti fermentati hanno subito il processo naturale di essere fermentati da batteri, funghi o lieviti benefici. In questo processo,...