Artrite reumatoide, nuovi trattamenti per l’infiammazione delle articolazioni

artrite reumatoide

I ricercatori della School of Medicine dell’Università della Virginia hanno identificato un gene che contribuisce all’artrite reumatoide e che può aiutare a spiegare le riacutizzazioni dolorose associate alla malattia. La scoperta indica un potenziale nuovo trattamento per questo disturbo autoimmune e può anche consentire l’uso di un semplice esame del sangue per rilevare le persone a rischio elevato di sviluppare la condizione.

La promettente scoperta è tra le prime ad emergere dalla nuova affiliazione della School of Medicine con Inova Health.

Comprendere l’artrite reumatoide

Le nuove scoperte sull’artrite reumatoide sono arrivate in modo inaspettato. Sanja Arandjelovic, una ricercatrice del gruppo di Ravichandran, stava cercando di capire meglio che cosa causa l’infiammazione associata all’artrite infiammatoria quando ha notato che eliminare un gene chiamato ELMO1 alleviava i sintomi dell’artrite nei topi. Ciò è stato particolarmente sorprendente perché inizialmente Arandjelovic e il gruppo di ricerca di Ravichandran pensavano che la perdita di ELMO1 avrebbe comportato un aumento dell’infiammazione.

Vedi anche, Artrite reumatoide: fino a un anno senza dolore con baricitinib.

“Questa è stata una sorpresa totale per noi inizialmente”, ha ricordato Ravichandran, Presidente del Dipartimento di Microbiologia, Immunologia e Biologia del Cancro della UVA. “Adoro questo tipo di risultati, perché ci dicono che, in primo luogo, non abbiamo compreso appieno il problema scientifico quando abbiamo iniziato ad esplorarlo e, in secondo luogo, tali risultati inaspettati ci sfidano a pensare in un modo diverso”.

Scavando più a fondo nel risultato insolito, i ricercatori hanno determinato che ELMO1 promuove l’infiammazione attraverso la sua funzione nei globuli bianchi denominati neutrofili. Ravichandran ha descritto i neutrofili come “prima linea di difesa” del corpo perché percepiscono e rispondono a potenziali minacce. “Normalmente i neutrofili combattono contro molte infezioni batteriche”, ha detto. “Ma ci sono anche molte volte in cui producono infiammazione dannosa per i tessuti – quando rimangono in giro troppo a lungo o ci sono troppi neutrofili – in questo caso, infiltrandosi nelle articolazioni nel caso dell’artrite“.

I ricercatori hanno anche scoperto che esiste una variazione naturale nel gene ELMO1 che può indurre i neutrofili a diventare più mobili e potenzialmente in grado di invadere le articolazioni in numero maggiore e indurre l’infiammazione. (Un potenziale esame del sangue potrebbe rilevare questa variazione).

Normalmente i medici sono riluttanti a bloccare l’effetto di geni come ELMO1 nelle persone, perché tali geni possono svolgere diversi ruoli nel corpo. Ma Ravichandran ritiene che ELMO1 sia diverso. “ELMO1 collabora con set di proteine ​​molto specifico solo nei neutrofili, ma non in altri tipi di cellule che abbiamo testato“, ha affermato il ricercatore. “Quest’ultimo risultato è il risultato di uno studio collaborativo in cui il gruppo di Conrads in Inova ha effettuato analisi sofisticate dei partner proteomici ELMO1 nei neutrofili, molti dei quali hanno anche collegamenti precedentemente noti con l’artrite umana. Ciò ha fornito ulteriore convalida per il ruolo di ELMO1 nell’artrite reumatoide”.

” Incoraggiante, il blocco di ELMO1 nei topi di laboratorio ha alleviato l’infiammazione da artrite senza causare altri problemi” , ha osservato Ravichandran. Il suo laboratorio sta ora cercando di identificare i farmaci che potrebbero inibire la funzione di ELMO1 e sta anche progettando un test per la variazione (chiamato anche polimorfismo) nel gene ELMO1.

“Questo è un altro esempio di come la fondamentale ricerca di base possa portare a nuove scoperte su problemi clinicamente rilevanti che interessano un gran numero di persone”, ha detto Ravichandran.

I ricercatori hanno pubblicato le loro scoperte sulla rivista scientifica Nature Immunology.

Fonte, Nature Immunology


Altri articoli su artrite reumatoide