HomeSaluteOssa e muscoliArtrite reumatoide: nuovi bloccanti dell'infiammazione

Artrite reumatoide: nuovi bloccanti dell’infiammazione

(Artrite reumatoide-Immagine Credit Public Domain).

I ricercatori della Mayo Clinic hanno collegato la disfunzione delle cellule T osservata nell’artrite reumatoide ad una carenza metabolica, riportata in una nuova pubblicazione di Nature Immunology.

Nelle cellule T “soccorritori” di pazienti con artrite reumatoide, bassi livelli di un amminoacido specifico portano a problemi di comunicazione cellulare, ma fornirlo potrebbe essere una nuova strategia terapeutica per le malattie autoimmuni. L’artrite reumatoide è una malattia autoimmune caratterizzata da infiammazione cronica, inclusi alti livelli di una citochina chiamata fattore di necrosi tumorale o TNF. Questa proteina viene utilizzata per reclutare risorse del sistema immunitario e può causare la morte cellulare (necrosi).

- Advertisement -

“Negli ultimi 25 anni, il fattore di necrosi tumorale è stato un importante obiettivo terapeutico per il trattamento delle malattie autoimmuni e dell’infiammazione dei tessuti”, afferma Cornelia Weyand, MD, Ph.D., immunologa e reumatologo della Mayo Clinic. “L’introduzione di inibitori del fattore di necrosi tumorale è stato un cambiamento di paradigma per la gestione della malattia infiammatoria. Ma mentre bloccano l’azione del TNF nel sito del tessuto infiammato, non possono impedire la produzione della citochina. Pertanto, non possono trattare alla radice la causa della malattia indotta da TNF”, dice la Dr.ssa Weyand che è l’autore senior della nuova pubblicazione.

Vedi anche:Ridurre l’uso di corticosteroidi nell’artrite reumatoide

Sulla base dei dati raccolti in oltre 20 anni di lavoro, il team dela Dr.ssa Weyand ha iniziato a studiare le cellule T helper. Coordinano la risposta immunitaria, ma possono anche rimanere nel corpo dopo l’infezione per aiutare il sistema immunitario a rispondere più rapidamente in caso di ritorno dell’invasore. Ma non sono solo i precedenti incontri con agenti patogeni che queste cellule ricordano.

“Sfortunatamente, queste cellule T possono anche memorizzare i propri errori e, nei pazienti con artrite reumatoide, guidano l’attacco contro le articolazioni“, afferma Weyand.

- Advertisement -

Trascinare la disfunzione delle cellule T alla sua fonte

In collaborazione con i pazienti della Mayo Clinic, così come con  i loro reumatologi e con le équipe chirurgiche, i ricercatori hanno scoperto che le cellule T sono una fonte significativa di fattore di necrosi tumorale. Si sono rivolti a modelli cellulari e murini per determinare il motivo e alla fine hanno scoperto che le cellule T avevano un difetto nei loro mitocondri .

“Abbiamo osservato che le cellule T di pazienti con artrite reumatoide hanno mitocondri a basse prestazioni e, esaminando le cellule per i loro prodotti mitocondriali, abbiamo scoperto che le cellule T dell’artrite reumatoide mancano dell’aspartato di aminoacidi“, spiega la Dr.ssa Weyand.

Attraverso una serie di esperimenti, i ricercatori hanno scoperto che l’aspartato agisce come messaggero tra i mitocondri e il reticolo endoplasmatico. Quando i mitocondri diminuiscono la comunicazione dell’aspartato con il reticolo endoplasmatico, quell’organello assume che i mitocondri siano sotto stress. Il reticolo endoplasmatico inizia ad espandersi e a produrre proteine ​​in eccesso in risposta, una delle quali è il fattore di necrosi tumorale.

In sostanza, l’iperproduzione di TNF è il risultato di un difetto metabolico”, spiega Weyand. “Le cellule T malnutrite si dedicano alla produzione di TNF e diventano cellule effettrici pro-infiammatorie altamente efficienti”.

Trattare le malattie autoimmuni alla radice

Dotata di questa conoscenza, la Dr.ssa Weyand spera che i ricercatori svilupperanno nuove strategie terapeutiche per combattere l’eccesso di TNF.

“Questo studio sarà di grande importanza per i nostri pazienti perché molti diventano resistenti ai bloccanti del TNF standard. Di uguale importanza è il riconoscimento che i difetti metabolici all’interno delle cellule possono portare alla malattia”, afferma Weyand. “Vogliamo sviluppare strategie in grado di riparare il difetto mitocondriale, reintegrare l’ aspartato e sopprimere con successo l’infiammazione dei tessuti“.

Oltre alla Dr.ssa Weyand, altri autori, tutti della Mayo Clinic, sono Bowen Wu, Ph.D.; Tuantuan Zhao, Ph.D.; Ke Jin, Ph.D.; Zhaolan Hu, Ph.D.; Matteo Abdel, medico; Kenneth Warrington, medico e Jörg Goronzy, MD.

Fonte:Nature

 

ULTIMI ARTICOLI

Paradosso biologico offre nuove intuizioni sul mistero del cancro

(Cancro-Immagine: Carlo Maley è ricercatore presso il Biodesign Center for Biocomputing, Security and Society presso l'Arizona State University.Credito: The Biodesign Institute presso l'Arizona State...

Malattie da prioni: come muoiono le cellule cerebrali

(Malattie da prioni-Immagine:neuroni cresciuti in coltura che esprimono una proteina prionica mutante (ciano) che causa malattie da prioni nell'uomo. Questi neuroni mostrano assoni rigonfi che...

Vaccinazione: cosa guida la scelta?

(Vaccinazione-Immagine: modello che collega le variabili di fondo non specifiche del COVID e quelle specifiche del COVID con i cambiamenti nell'intenzione di vaccinazione. Attestazione: PNAS). Nell'esaminare il...

Dolore cronico legato a differenze nella struttura cerebrale

Sapevi che la principale causa di disabilità nel mondo è il dolore cronico? Milioni e milioni di persone vivono la loro quotidianità segnata dal dolore. Non solo causa...

Malattia di von Hippel-Lindau: Belzutifan offre nuova speranza

(Malattia di von Hippel-Lindau-Immagine Credit Public Domain). I pazienti con malattia di von Hippel-Lindau, una condizione genetica causata da una mutazione nel gene VHL che...