HomeSaluteOssa e muscoliArtrite reumatoide: identificata la proteina che guida il danno

Artrite reumatoide: identificata la proteina che guida il danno

(Artrite reumatoide-Immagine Credit Public Domain).

Gli scienziati hanno identificato una proteina nota come sulfatasi-2 che svolge un ruolo fondamentale nel danno causato dall’artrite reumatoide. Una malattia cronica in cui il sistema immunitario attacca i tessuti articolari del corpo, l’artrite reumatoide colpisce circa 1,5 milioni di americani.

Pubblicata sulla rivista Cellular & Molecular Immunology, la scoperta getta nuova luce sui processi molecolari che guidano l’infiammazione osservata nell’artrite reumatoide. Un giorno potrebbe anche portare a un migliore trattamento della malattia, che attualmente non ha cura.

- Advertisement -

Il fattore di necrosi tumorale-alfa, o TNF-alfa in breve, è una delle principali proteine ​​infiammatorie che guidano l’artrite reumatoide ed è presa di mira da molte terapie attualmente disponibili”, ha affermato l’autore senior dello studio Salah-Uddin Ahmed, Professore al College della Washington State University di Farmacia e Scienze Farmaceutiche. “Tuttavia, nel tempo i pazienti possono sviluppare una resistenza a questi farmaci, il che significa che non funzionano più per loro. Ecco perché stavamo cercando bersagli farmacologici precedentemente sconosciuti nella segnalazione del TNF-alfa, quindi fondamentalmente proteine ​​​​con cui interagisce che potrebbero svolgere un ruolo ruolo“.

Vedi anche:Artrite reumatoide: nuova opportunità di trattamento

Sebbene le sulfatasi come la sulfatasi-2 siano state ampiamente studiate per i loro ruoli in diversi tipi di cancro, Ahmed ha riferito che nessuno ha esaminato il modo in cui potrebbero essere coinvolte in malattie infiammatorie o autoimmuni come l’artrite reumatoide.

Il team di ricerca ha prima esplorato questa idea utilizzando cellule chiamate fibroblasti sinoviali, che rivestono le articolazioni e le mantengono lubrificate per garantire un movimento fluido.

- Advertisement -

“Nell’artrite reumatoide, queste cellule normalmente quiescenti vengono attivate dal TNF-alfa e da altre molecole infiammatorie e assumono questo carattere aggressivo”, ha detto il primo autore Ruby J. Siegel, un Ph.D. laureato al WSU College of Pharmacy and Pharmaceutical Sciences. “Non muoiono quando dovrebbero e proliferano in un modo quasi simile a un tumore, formando questo enorme tessuto sinoviale che non dovrebbe essere neanche lontanamente vicino a quelle dimensioni e allo stesso tempo attivando proteine ​​​​che distruggono la cartilagine e l’osso”.

Usando le cellule del rivestimento articolare dei pazienti con artrite reumatoide, i ricercatori hanno rimosso la sulfatasi-2 da un gruppo di cellule prima di stimolare tutte le cellule con TNF-alfa infiammatorio. Quello che hanno scoperto è che le cellule prive di sulfatasi-2 non hanno mostrato la stessa risposta infiammatoria esagerata al TNF-alfa delle cellule che sono state lasciate intatte.

“Esaminare le sulfatasi per il loro potenziale ruolo nell’infiammazione era un’ipotesi plausibile, ma una volta che l’abbiamo fatto abbiamo visto un modello molto coerente di aumento dell’espressione della sulfatasi-2 in diversi tessuti e campioni che abbiamo studiato”, ha detto Ahmed. “Questo ci dice che TNF-alfa si basa sulla sulfatasi-2 per guidare l’infiammazione, perché non appena abbiamo rimosso la sulfatasi-2 gli effetti infiammatori del TNF-alfa sono stati notevolmente ridotti“.

I risultati dello studio, derivati da una serie di esperimenti nell’arco di quattro anni, aprono la porta a futuri studi sugli animali per testare l’efficacia dell’inibizione della sulfatasi-2 per alleviare i sintomi dell’artrite reumatoide. Ciò potrebbe un giorno portare allo sviluppo di nuove terapie combinate che, insieme ad altre proteine ​​infiammatorie, colpirebbero anche la sulfatasi-2 per prevenire la perdita ossea, danni alla cartilagine e articolazioni deformate. Tali terapie potrebbero aiutare ad affrontare le carenze dei farmaci per l’artrite reumatoide attualmente disponibili, molti dei quali hanno effetti collaterali significativi.

“Questi farmaci interrompono TNF-alfa in tutto il corpo, ma ha importanti funzioni immunitarie”, ha detto Siegel, aggiungendo che i pazienti che assumono questi tipi di farmaci sono più suscettibili alle infezioni e hanno un rischio maggiore di sviluppare il cancro a lungo termine. Inoltre, gli inibitori del TNF-alfa non sono efficaci in tutte le persone e non sono raccomandati per i pazienti con determinate altre condizioni di salute.

Fonte:Cellular&Molecular Immunology

ULTIMI ARTICOLI

La vitamina K previene la morte cellulare

(Vitamina k-Immagine: le cellule “-” muoiono per ferroptosi “+” La vitamina K previene efficacemente la ferroptosi. Credito: Mishima et al., Nature) Una nuova scoperta suggerisce anche...

L’Alzheimer: bassi livelli di beta amiloide la causa?

Una nuova ricerca dell'Università di Cincinnati rafforza l'ipotesi che il morbo di Alzheimer sia causato da un calo dei livelli di una specifica proteina,...

SLA: verso lo sviluppo di una terapia a base di proteine

(SLA-Immagine: effetto di ApoE sulla vitalità di mBEC dopo esposizione al plasma di topo SLA in vitro. A, sono stati osservati numerosi mBEC vitali...

L’ossitocina ha proprietà curative del cuore

(Ossitocina-Immagine Credit Public Doimain). I ricercatori hanno scoperto che l'ossitocina, spesso definita "l'ormone dell'amore", un giorno potrebbe aiutare a guarire i cuori dopo un infarto. Il...

Trombosi: nuova strategia per prevenire i coaguli di sangue

(Trombosi-Immagine Credit Public Domain). Una terapia con nanoparticelle sviluppata dai ricercatori degli University Hospitals (UH) e della Case Western Reserve University prende di mira i...