Home Salute Apnea notturna e morbo di Alzheimer: segni identici di danno cerebrale

Apnea notturna e morbo di Alzheimer: segni identici di danno cerebrale

Immagine:Public Domain.

Una nuova ricerca ha confermato i collegamenti sospetti da tempo tra l’apnea notturna e il morbo di Alzheimer, trovando segni identici di danno cerebrale in entrambe le condizioni.

Mentre la causa della malattia di Alzheimer rimane un mistero, le placche amiloidi che sono tossiche per le cellule cerebrali sono noti indicatori della malattia.

- Advertisement -

La nuova ricerca ha mostrato che queste placche iniziano nello stesso punto e si diffondono nello stesso modo nel cervello delle persone con apnea ostruttiva del sonno, come in quelle con Alzheimer.

Lo studio clinico dei ricercatori australiani e islandesi, guidato dalla RMIT University, è stato pubblicato sulla rivista Sleep.

Il ricercatore capo, il Professor Stephen Robinson, ha spiegato che gli scienziati sanno che le due malattie sono correlate, ma ciò che guida la connessione non è ancora chiaro.

“Sappiamo che se soffri di apnea notturna in mezza età, hai maggiori probabilità di sviluppare l’Alzheimer quando sei più grande e se hai l’Alzheimer hai maggiori probabilità di avere apnea notturna rispetto ad altre persone della tua età”, dice il ricercatore.

- Advertisement -

La connessione c’è, ma districare le cause ed i meccanismi biologici rimane una sfida enorme.

Il nostro studio è il primo a trovare placche amiloidi simili all’Alzheimer nel cervello di persone con apnea ostruttiva del sonno clinicamente verificata”, aggiunge. “È un progresso importante nella nostra comprensione dei collegamenti tra queste condizioni e apre nuove direzioni per i ricercatori che si sforzano di sviluppare terapie per il trattamento e, si spera, la prevenzione del morbo di Alzheimer “. dice il Professor Stephen Robinson, RMIT University.

Significativamente, la gravità dell’apnea notturna era collegata a un corrispondente accumulo di placche amiloidi.

Lo studio ha rilevato che il trattamento con pressione positiva continua delle vie aeree (CPAP) – l’approccio standard per l’apnea notturna da moderata a grave – non ha fatto differenza per la quantità di placche trovate nel cervello.

Collegamento di danno cerebrale

L’apnea ostruttiva del sonno (OSA) è una condizione grave che si verifica quando la respirazione di una persona viene ripetutamente interrotta durante il sonno.

L’OSA è sempre più comune e colpisce più di 936 milioni di persone in tutto il mondo e fino al 30% degli anziani.

L’Alzheimer è la forma più comune di demenza, che colpisce fino al 70% di tutte le persone con demenza, con l’età che è il più grande fattore di rischio per lo sviluppo della malattia.

Il nuovo studio ha indagato l’entità degli indicatori simili all’Alzheimer nel tessuto autoptico dall’ippocampo di 34 persone e nel tronco cerebrale di 24 persone con OSA.

I ricercatori hanno cercato sia le placche amiloidi che i grovigli neurofibrillari, un altro noto indicatore della malattia di Alzheimer.

L’ippocampo è la parte del cervello associata alla memoria.

Nella malattia di Alzheimer, placche e grovigli compaiono prima in un’area corticale vicina e poi si spostano nell’ippocampo, prima di diffondersi al resto della corteccia.

Mentre lo studio ha trovato sia placche che grovigli nel cervello di persone con apnea notturna, le placche hanno mostrato un’associazione più forte con l’apnea notturna grave.

“Nei casi di apnea notturna lieve, abbiamo potuto trovare placche e grovigli solo nell’area corticale vicino all’ippocampo, precisamente dove si trovano per la prima volta nell’Alzheimer”, ha detto Robinson, ricercatore della School of Health and Biomedical Sciences di RMIT e di Austin Health Istituto per la respirazione e il sonno (IBAS).

I soggetti della ricerca non hanno mostrato sintomi clinici di demenza prima di morire, suggerendo che potrebbero essere stati in uno stadio precoce di pre-demenza.

“Mentre alcune persone possono aver avuto un lieve deterioramento cognitivo o una demenza non diagnosticata, nessuna ha avuto sintomi abbastanza forti per una diagnosi ufficiale, anche se alcuni avevano una densità di placche e grovigli che erano sufficientemente alta da qualificarsi come malattia di Alzheimer”, ha detto Robinson.

“La fase successiva della nostra ricerca sarà continuare ad analizzare questi campioni per ottenere una piena comprensione della neuropatologia, compresi i segni di infiammazione e le modifiche ai vasi sanguigni che forniscono sostanze nutritive al cervello.

“La dimensione del campione per questo studio era limitata, quindi vorremmo anche lavorare per stabilire uno studio clinico con una coorte più ampia”.

ULTIMI ARTICOLI

Influenza: nuovo studio spiega perchè può diventare fatale

Influenza-Immagine: Public Domain. L'influenza è causata da un virus, ma la causa più comune di morte causata dall'inflluenza è la polmonite batterica secondaria piuttosto che...

Dalla cannabis estratti che proteggono da COVID 19

Cannabis-Immagine: Public Domain. Nuovi estratti dalla cannabis sativa possono ridurre i livelli del recettore della cellula ospite che il coronavirus SARS-CoV-2 utilizza per ottenere l'ingresso virale...

Alzheimer: “fuoco amico” nel cervello provoca la malattia?

Immagine: le microglia si raggruppano attorno alle placche in un modello murino di malattia di Alzheimer. Credito: Neher Lab / DZNE / HIH. Gli scienziati vogliono...

Un nuovo approccio radicale alla depressione

Depressione-Immagine:scansioni di imaging a risonanza magnetica del cervello umano. Credito: Simon Fraser / SPL / Getty. La depressione colpisce una persona su quattro in un momento...

Vaccini COVID 19: le sfide che ci attendono

Vaccini COVID 19-Immagine Credito: Oxford Univ./John Cairns / EPA-EFE / Shutterstock. Quando finalmente emergono risultati positivi sui vaccini COVID 19, i ricercatori devono aiutare il...