HomeSaluteCervello e sistema nervosoAntistaminico ripristina la funzione del sistema nervoso nei pazienti con sclerosi multipla...

Antistaminico ripristina la funzione del sistema nervoso nei pazienti con sclerosi multipla cronica

Gli scienziati della UC San Francisco hanno completato con successo un trial clinico di Fase II che dimostra che un antistaminico approvato dalla FDA ripristina la funzione del sistema nervoso nei pazienti con sclerosi multipla cronica (SM).

Alla luce di precedenti studi di laboratorio sul composto antistaminico, i ricercatori hanno affermato che il farmaco ha probabilmente esercitato il suo effetto riparando i danni che la SM aveva inflitto alla mielina, la membrana isolante che accelera la trasmissione di segnali elettrici nel sistema nervoso.

( Vedi anche:La terapia genica inverte la sclerosi multipla in modello animale).

- Advertisement -

Il farmaco testato, la Clemastina fumarato, è stato identificato per la prima volta come un trattamento candidato per la sclerosi multipla nel 2013 da Jonah R. Chan e Andy Rachleff, Professore ordinario di Neurologia, Vice capo della Divisione di Neuroinfusione e Biologia Gliale e autore senior del nuovo studio. Approvato dalla FDA nel 1977 per le allergie, il farmaco è disponibile in forma generica dal 1993.

I ricercatori affermano che i risultati della Fase II, pubblicati online il 10 ottobre 2017 in The Lancet, sono i primi ia dimostrare che un farmaco ripristina in modo affidabile qualsiasi funzione cerebrale danneggiata da una malattia neurologica nei pazienti umani.

“Secondo le nostre conoscenze, questa è la prima volta che una terapia è riuscita a invertire i deficit causati dalla SM. Non è una cura, ma è un primo passo verso il ripristino della funzione cerebrale in milioni di persone colpite da questa malattia cronica e debilitante “, ha detto l’autore principale della ricerca Ari Green.

” I nuovi risultati sono particolarmente notevoli, ha detto Chan. ” Molti ricercatori pensavano che fosse assolutamente folle avviare questa sperimentazione perché secondo loro, solo in casi di nuova diagnosi il farmaco avrebbe potuto essere potenzialmente efficace “.

- Advertisement -

La SM è un disturbo neurodegenerativo autoimmune che colpisce quasi 2,5 milioni di persone in tutto il mondo. La malattia colpisce quando il sistema immunitario attacca la mielina, strati di membrana isolante grassa che circondano le fibre nervose. La mielina aiuta i segnali elettrici nei neuroni a muoversi più velocemente e in modo più efficiente. Mentre il danno mielinico continua nel corso della malattia, i neuroni perdono progressivamente la loro capacità di trasmettere in modo affidabile segnali elettrici con conseguente perdita progressiva della visione, debolezza, difficoltà di camminare e problemi di coordinamento e di equilibrio.

I trattamenti correnti per la SM tendono a prevenire il danno causato dal sistema immunitario, ma nessun trattamento ha ad oggi dimostrato di riparare la mielina danneggiata. In entrambi i suoi studi del 2013 e negli studi successivi con un modello di topi di sclerosi multipla, tuttavia, Chan e colleghi hanno dimostrato che il farmaco Clemastina Fumarato promuove la rigenerazione del mielina e ripristina la funzione neurale, promettendo risultati preclinici che hanno ispirato il nuovo studio, noto come il  ReBUILD.

Poiché il sistema visivo è spesso una delle prime e più importanti parti del cervello influenzate  dalla SM e poichè esistono strumenti consolidati per misurare la velocità della trasmissione neurale nelle aree del cervello dedicate alla visione, i ricercatori hanno usato un metodo noto come potenziali evocati visivi o VEP per valutare gli effetti terapeutici della Clemastina nella sperimentazione.

Il trial a cinque mesi di fase II ha arruolato 50 pazienti con SM recidivante i cui VEP riflettevano deficit preesistenti nella trasmissione neurale.

I ricercatori hanno utilizzato un design “crossover”: Hanno diviso la popolazione in due gruppi: un gruppo trattato con il farmaco ed un gruppo con il placebo, per 90 giorni. In seguito il trattamento è stato invertito per i prossimi 60 giorni. “Questa tecnica ha permesso ai ricercatori di confrontare i pazienti “con se stessi” – una forma di controllo che ha aumentato la potenza statistica dello studio”, ha dichiarato Green.

Durante i periodi in cui ogni gruppo stava assumendo il farmaco, il segnale neurale dall’occhio alla parte posteriore del cervello è stato notevolmente accelerato rispetto alle misurazioni di base, prima che i pazienti iniziassero lo studio. L’effetto persisteva nel gruppo che era passato al placebo, suggerendo che la riparazione durevole della mielina era stata indotta dal farmaco.

“Primo passo di un lungo processo”

Poichè il gruppo di ricerca non ha potuto osservare direttamente la prova della ricostruzione della mielina nei partecipanti alla sperimentazione utilizzando la risonanza magnetica (MRI), Chan e Green hanno affermato che ciò riflette una debolezza delle attuali tecniche di RM come strumento per questo scopo. “Non abbiamo ancora metodi di imaging in grado di rilevare la rimielinizzazione negli esseri umani”, ha detto Chan.

L’ipotesi che la mielina aumenta la velocità della trasmissione neurale è uno dei concetti meglio consolidati nella neurobiologia e combinata con la chiara evidenza della ricerca preclinica di Chan, dimostra che il farmaco Clemastina Fumarato favorisce la produzione e la rigenerazione della mielina, l’unica spiegazione plausibile per i risultati dei VEP, secondo gli autori.

“Questo è il primo passo di un lungo processo, anche se in nessun modo vogliamo suggerire che si tratta già di una cura. Dobbiamo prima progettare la strategia che renderà evidente la rigenerazione della mielina grazie al trattamento con in farmaco  Clemastina Fumarato”, ha aggiunto Green.

Fonte:University of California

ULTIMI ARTICOLI

Il multivitaminico quotidiano può essere un’abitudine non necessaria

(Multivitaminico-Immagine Credit Public Domain). Una persona su tre ingurgita un multivitaminico ogni mattina, probabilmente con un sorso d'acqua. La verità su questa abitudine popolare può...

Alzheimer: come l’intestino contribuisce allo sviluppo

(Alzheimer-Immagine Credit Public Domain). La ricerca guidata dai Dott. Yuhai Zhao e Walter J Lukiw del LSU Health New Orleans Neuroscience Center e dei Dipartimenti...

COVID 19: terapia inalatoria blocca la replicazione virale

(COVID 19-Immagine Credit Public Domain). I ricercatori dell'Università della California, a Berkeley, hanno creato un nuovo terapeutico COVID-19 che potrebbe un giorno rendere il trattamento...

Asma: trovato un potenziale trattamento a lungo termine

(Asma-Immagine Credit Public Domain). Un possibile modo per affrontare una delle cause alla base dell'asma è stato sviluppato dai ricercatori dell'Aston University e dell'Imperial College...

Cancro al seno: un nuovo farmaco riduce le metastasi cerebrali

(Cancro al seno-Immagine:grafico a cascata delle risposte nei pazienti valutabili per la risposta in base ai criteri RANO-BM nello studio TUXEDO-1. Le barre blu illustrano...