Alzheimer: vengono prima le placche amiloidi o i problemi di memoria?

0
45

La comunità scientifica ha creduto a lungo che la beta-amiloide, una proteina che può aggregarsi e formare placche appiccicose nel cervello, è il primo segno della malattia di Alzheimer. La beta-amiloide porta quindi ad altri cambiamenti cerebrali tra cui la neurodegenerazione e infine a problemi di pensiero e memoria.

Ma un nuovo studio sfida questa teoria.

Lo studio, che suggerisce che sottili differenze di pensiero e di memoria possono venire prima o a fianco dello sviluppo di placche amiloidi che possono essere rilevate nel cervello, è stato pubblicato nel numero del 30 dicembre 2019 online di Neurology, la rivista medica dell’American Academy of Neurology.

“La nostra ricerca è stata in grado di rilevare sottili differenze nel pensiero e nella memoria dei partecipanti allo studio e questi partecipanti hanno avuto un accumulo più veloce di amiloide nelle scansioni cerebrali nel tempo, suggerendo che l’accumulo di amiloide potrebbe non necessariamente venire prima nel processo della malattia di Alzheimer“, ha detto l’autore dello studio Kelsey R. Thomas , Ph.D., del VA San Diego Healthcare System a San Diego. “Gran parte della ricerca che ha esplorato possibili trattamenti per la malattia di Alzheimer si è concentrata sul target dell’amiloide. Ma sulla base dei nostri risultati, forse tale attenzione deve spostarsi su altri possibili obiettivi“.

Lo studio ha coinvolto 747 persone con un’età media di 72 anni. I ricercatori hanno sottoposto i partecipanti a test neuropsicologici all’inizio dello studio e hanno misurato i loro punteggi totali e punteggio di processo, per determinare se avessero problemi di pensiero e memoria. Che cos’è un punteggio di processo? I punteggi di processo riflettono come quella persona risolve i problemi, misurando gli errori nel suo approccio al completamento delle attività.

Guardando sia i punteggi totali che i punteggi di processo, i ricercatori hanno diviso i partecipanti in tre gruppi: 305 persone con capacità di pensiero e memoria normali; 153 con differenze sottili di pensiero e differenze di memoria e 289 persone con lieve deficit cognitivo.

I partecipanti erano stati sottoposti a scansioni cerebrali all’inizio dello studio per determinare i livelli di placche amiloidi nel cervello, quindi scansioni annuali per quattro anni.

Dopo l’ adattamento per età, istruzione, sesso, rischio genetico per la malattia di Alzheimer e livello di amiloide all’inizio dello studio, i ricercatori hanno scoperto che le persone con differenze sottili di capacità cognitive e differenze di memoria avevano un accumulo più rapido di amiloide rispetto alle persone con capacità di pensiero e memoria normali. Le persone con sottili differenze avevano anche un assottigliamento più rapido della corteccia entorinale, una regione del cervello che è influenzata molto presto nella malattia di Alzheimer.

Vedi anche, Studio sull’ Alzheimer mostra nuovi risultati promettenti

I ricercatori hanno anche scoperto che, mentre le persone con lieve deficit cognitivo avevano più amiloide nel cervello all’inizio dello studio, non avevano un accumulo più rapido di amiloide rispetto a quelle persone con normali capacità di pensiero e memoria. Tuttavia, queste persone con lieve deficit cognitivo, hanno avuto un assottigliamento più rapido della corteccia entorinale e un restringimento dell’ippocampo.

“Da ricerche precedenti, sappiamo che un altro biomarcatore della malattia di Alzheimer, una proteina chiamata Tau, mostra una relazione coerente con  deficit cognitivo e i sintomi della memoria. Pertanto, sono necessarie ulteriori ricerche per determinare se Tau è già presente nel cervello quando deficit di pensiero e della memoria cominciano ad apparire “, ha detto Thomas.

“Infine, il nostro studio ha realizzato un metodo per rilevare con successo sottili differenze nel pensiero e nella memoria prima o durante la fase della malattia in cui l’amiloide si sta accumulando a un ritmo più veloce“, ha detto Thomas. “Questo potrebbe metodo portare a screening non invasivi che potrebbero essere in grado di rilevare molto presto chi è a rischio di sviluppare il morbo di Alzheimer.”

Una limitazione dello studio è che potrebbe non essere possibile rilevare le prime fasi della formazione di placche amiloidi nel cervello con scansioni cerebrali.

Fonte, Medicalxpress