HomeSaluteCervello e sistema nervosoAlzheimer: perdita di motivazione e progressione della malattia

Alzheimer: perdita di motivazione e progressione della malattia

I ricercatori dell’Indiana University School of Medicine stanno studiando perché i sintomi neuropsichiatrici, come l’apatia e l’irritabilità, compaiono nella maggior parte dei pazienti con malattia di Alzheimer prima dell’inizio della perdita di memoria.

Lo studio, guidato da Yao-Ying Ma, MD, Ph.D., assistente Prof. di farmacologia e tossicologia, è stato recentemente presentato nella pubblicazione Molecular Psychiatry. Il team di ricercatori ha identificato un recettore nel cervello che porta a una perdita di neuroni e struttura sinaptica se utilizzato in un modello di malattia di Alzheimer.

L’indagine si è concentrata sul nucleus accumbens, una regione critica per l’elaborazione. “Situata nello striato ventrale, questa regione non è molto studiata dai ricercatori sul morbo di Alzheimer”, ha detto Ma; “è principalmente indagata per comprendere i processi motivazionali ed emotivi. Studi precedenti,  hanno dimostrato che il volume del nucleus accumbens, come nelle regioni corticali e ippocampali, è ridotto negli adulti con malattia di Alzheimer.

- Advertisement -

“Anche prima dell’inizio dei deficit cognitivi, un numero significativo di malati di Alzheimer inizia a mostrare sbalzi d’umore e hanno maggiori possibilità di avere sintomi di depressione”, ha detto Ma.

Vedi anche:Alzheimer: ricercatore della USC scopre potenziali nuovi modi per prevenire il declino cognitivo

“Questi sintomi neuropsichiatrici, tuttavia, tendono a manifestarsi prima della perdita di memoria, ma non sono disponibili trattamenti efficaci”, ha detto Ma. Ha sottolineato che c’è un urgente bisogno di capire perché esistono quei sintomi e come sono correlati ai deficit cognitivi. Il Prof. Ma ha riferito che questo studio ha identificato i recettori sinaptici permeabili al calcio (CP-AMPAR) nel nucleo accumbens in un modello di malattia di Alzheimer. Il recettore, che normalmente è assente in quella parte del cervello, consente al calcio di entrare nei neuroni. Ciò porta a un sovraccarico di calcio, che porta a una rottura della sua struttura sinaptica. A sua volta, l’accumulo di calcio innesca una cascata di cambiamenti intracellulari che possono essere letali per il neurone amplificando il sovraccarico di calcio attraverso un meccanismo di feedback positivo.

Questa perdita sinaptica nel cervello provoca deficit di motivazione. Sapendo questo, Ma ha affermato che prendere di mira questi recettori nel cervello e bloccarli potrebbe prevenire o ritardare l’insorgenza dei sintomi neuropsichiatrici associati al morbo di Alzheimer e, in definitiva, dei deficit cognitivi.

- Advertisement -

“Se riusciamo a posticipare la progressione patologica in una delle aree colpite, come il nucleus accumbens”, ha detto Ma, “questo potrebbe ritardare i cambiamenti patologici in altre regioni”.

Fonte:Molecular Psychiatry 

ULTIMI ARTICOLI

Il multivitaminico quotidiano può essere un’abitudine non necessaria

(Multivitaminico-Immagine Credit Public Domain). Una persona su tre ingurgita un multivitaminico ogni mattina, probabilmente con un sorso d'acqua. La verità su questa abitudine popolare può...

Alzheimer: come l’intestino contribuisce allo sviluppo

(Alzheimer-Immagine Credit Public Domain). La ricerca guidata dai Dott. Yuhai Zhao e Walter J Lukiw del LSU Health New Orleans Neuroscience Center e dei Dipartimenti...

COVID 19: terapia inalatoria blocca la replicazione virale

(COVID 19-Immagine Credit Public Domain). I ricercatori dell'Università della California, a Berkeley, hanno creato un nuovo terapeutico COVID-19 che potrebbe un giorno rendere il trattamento...

Asma: trovato un potenziale trattamento a lungo termine

(Asma-Immagine Credit Public Domain). Un possibile modo per affrontare una delle cause alla base dell'asma è stato sviluppato dai ricercatori dell'Aston University e dell'Imperial College...

Cancro al seno: un nuovo farmaco riduce le metastasi cerebrali

(Cancro al seno-Immagine:grafico a cascata delle risposte nei pazienti valutabili per la risposta in base ai criteri RANO-BM nello studio TUXEDO-1. Le barre blu illustrano...