HomeSaluteCervello e sistema nervosoAlzheimer: perchè danneggia alcune parti del cervello

Alzheimer: perchè danneggia alcune parti del cervello

(Alzheimer-Immagine Credit Public Domain).

La perdita di memoria è spesso il primo segno della malattia di Alzheimer, seguita da confusione e difficoltà di pensiero. Questi sintomi riflettono il modello tipico di peggioramento del danno ai tessuti cerebrali. Gli ammassi tossici di proteine ​​si concentrano prima nei lobi temporali del cervello, l’area della memoria, prima di diffondersi in parti del cervello importanti per il pensiero e la pianificazione.

Uno studio condotto da ricercatori della Washington University School of Medicine di St. Louis fornisce indizi sul motivo per cui alcune parti del cervello sono particolarmente vulnerabili ai danni dell’Alzheimer. Tutto dipende dal gene APOE, il più grande fattore di rischio genetico per la malattia di Alzheimer. I ricercatori hanno scoperto che le parti del cervello in cui l’APOE è più attivo sono le aree che subiscono il maggior danno.

- Advertisement -

I risultati dello sgtudio, pubblicati il ​​16 novembre su Science Translational Medicine, aiutano a spiegare perché i sintomi dell’Alzheimer a volte variano e sottolineano un aspetto poco studiato dell’Alzheimer che suggerisce che meccanismi biologici ancora da scoprire potrebbero svolgere un ruolo importante nella malattia.

“Ci sono alcune forme rare e atipiche di Alzheimer in cui le persone sviluppano prima problemi di linguaggio o di vista piuttosto che problemi di memoria“, ha detto l’autore senior Brian A. Gordon, Ph.D., assistente Professore di radiologia presso il Mallinckrodt Institute della School of Medicine. di Radiologia.

“Quando si scansiona il loro cervello, si vedono danni alle aree del linguaggio o alle aree visive e non tanto alle aree della memoria. Le persone con Alzheimer atipico sono spesso escluse dagli studi di ricerca perché è più facile studiare un gruppo in cui tutti hanno lo stesso insieme di sintomi. Ma questa eterogeneità ci dice che ci sono cose che ancora non capiamo su come e perché l’Alzheimer si sviluppa in quel modo. C’è un motivo per cui alcune aree del cervello si danneggiano e altre no e non sappiamo che ragione ancora. Ogni mistero che scopriamo in questa malattia ci spinge più vicino a ciò di cui abbiamo bisogno per affrontarla”, aggiunge il ricercatore.

La malattia di Alzheimer inizia con una proteina del cervello nota come amiloide-beta. La proteina inizia a formarsi in placche due decenni o più prima che le persone mostrino i primi segni di problemi neurologici. Dopo anni di accumulo di amiloide, iniziano a formarsi grovigli di tau, un’altra proteina del cervello. Subito dopo, i tessuti nelle aree colpite iniziano ad appassire e morire, e inizia il declino cognitivo.

- Advertisement -

Per capire perché il danno cerebrale dell’Alzheimer “si verifica dove si verifica”, Gordon e colleghi, tra cui il primo autore Aylin Dincer, un tecnico del laboratorio di Gordon, hanno studiato 350 persone che si sono offerte volontarie per studi sulla memoria e sull’invecchiamento attraverso la malattia di Alzheimer pressoi il Centro di Ricerca di Charles F. e Joanne Knight School of Medicine. I partecipanti sono stati sottoposti a scansioni cerebrali in modo che i ricercatori potessero misurare la quantità e la posizione delle placche amiloidi e dei grovigli di tau e i volumi di varie aree cerebrali.

I ricercatori hanno confrontato i pattern dei gruppi proteici e del danno tissutale nei volontari con i pattern di espressione genica dell’APOE e di altri geni associati al morbo di Alzheimer, come descritto nell’Allen Human Brain Atlas, una mappa dettagliata dell’espressione genica nel cervello umano compilata dall’Allen Human Brain Atlas. Istituto Allen per le scienze del cervello.

Vedi anche:Alzheimer, dieta e obesità: esiste un legame?

“C’era una stretta corrispondenza tra dove si vede un’elevata espressione di APOE e dove si vedono grovigli di tau e danni ai tessuti “, ha detto Gordon, anche assistente Professore di scienze psicologiche e cerebrali. “E non solo l’APOE. Se guardi, diciamo, i primi 20 geni associati all’Alzheimer, sono tutti espressi nei lobi temporali in schemi simili. C’è qualcosa di fondamentalmente diverso in queste regioni che le rende vulnerabili al danno cerebrale dell’Alzheimer e quella differenza è probabilmente insita dalla nascita e influenzata dalla genetica di una persona.

Lo studio fornisce indizi sul perché la malattia di Alzheimer danneggia alcune parti del cervello

Immagine:le aree rosse e arancioni su queste mappe di calore del cervello umano mostrano dove il gene APOE è più attivo (le due immagini cerebrali in alto) e dove i grovigli della proteina tau sono più concentrati (le due immagini cerebrali in basso). L’APOE è il più grande fattore di rischio genetico per l’Alzheimer e i grovigli di tau provocano danni cerebrali nella malattia. Le somiglianze nelle due serie di mappe hanno suggerito ai ricercatori della Washington University School of Medicine di St. Louis che l’APOE svolge un ruolo nel rendere alcune aree del cervello particolarmente vulnerabili ai danni dell’Alzheimer. Credito: Diana Hobbs/Università di Washington

Tutti sono portatori di una versione del gene APOE, ma le persone che portano la variante APOE4 hanno una probabilità fino a 12 volte maggiore di sviluppare il morbo di Alzheimer rispetto alla popolazione generale e in giovane età. I ricercatori dell’Alzheimer sanno da tempo che l’APOE4 aumenta l’accumulo di amiloide-beta nel cervello delle persone. Studiando i topi che sviluppano grovigli di tau, ma non placche amiloidi, David Holtzman, MD, Barbara Burton e Reuben M. Morriss III Distinguished Professor of Neurology, e colleghi hanno dimostrato che l’APOE4 aumenta anche il danno dovuto alla tau, anche senza la presenza di amiloide.

Per valutare l’effetto della variante ad alto rischio di APOE sul danno cerebrale correlato alla tau nelle persone, i ricercatori hanno classificato ogni partecipante come portatore o meno della variante ad alto rischio e hanno analizzato i cluster proteici e l’atrofia nel loro cervello.

“I portatori di APOE4 hanno maggiori probabilità di iniziare ad accumulare amiloide, il che li mette sulla strada dell’Alzheimer”, ha detto Gordon. “Quindi, per la stessa quantità di amiloide ottengono più grovigli di tau, il che porta a una maggiore atrofia. È un doppio colpo al cervello“.

Nel lavoro futuro, Gordon e colleghi hanno in programma di esplorare in che modo i modelli di espressione genica si relazionano ai modelli di danno tau nelle persone con Alzheimer atipico.

“Quando vediamo qualcuno che presenta problemi di vista, c’è una specifica firma genetica che corrisponde alle aree che sono danneggiate nel cervello?” chiese Gordon. “Vogliamo sapere perché alcune persone hanno questi schemi alterati e comde incide su come si sviluppa l’Alzheimer e come questa malattia devastante può essere curata”.

Fonte:Science Translational Medicine 

ULTIMI ARTICOLI

Encefalite anti-NMDA: curato con successo un bambino affetto da questa malattia misteriosa

Encefalite anti-NMDA-Immagine Credit  Rutgers University.  Un bambino che soffriva di encefalite anti-NMDAR (recettore N-metil-D-aspartato), una disfunzione cerebrale rara e difficile da diagnosticare, è stato curato...

Depressione: sviluppato un antidepressivo nuovo e migliore

Depressione-Immagine Credit Public Domain. I farmaci antidepressivi attualmente disponibili hanno effetti collaterali spiacevoli, proprietà di dipendenza o possono indurre la schizofrenia. Lo sviluppo di antidepressivi a...

Cancro del pancreas: nuovo trattamento dissolve il cancro nell’80% dei casi

Cancro del pancreas-Immagine Credit Scitechdaily Il nuovo approccio, che combina farmaci chemioterapici tradizionali con un nuovo metodo di irradiazione del cancro del pancreas, è risultato...

Memoria a breve termine: la terapia laser la migliora

Memoria-Immagine Credito: Pixabay/CC0 Dominio pubblico. La laser terapia ha dimostrato di essere efficace nel migliorare la memoria a breve termine in uno studio pubblicato su...

Carne di organi e frattaglie sono sane da mangiare?

Sebbene la maggior parte delle persone mangi raramente frattaglie, ovvero carne di organi, in realtà sono ricche di importanti vitamine, minerali e micronutrienti che possono...