Alzheimer: nuovo composto riduce il numero delle placche amiloidi

Immagine: quando testato su un modello murino di malattia di Alzheimer, un nuovo composto, L1, riduzione della neuroinfiammazione, placche amiloidi e altri marcatori molecolari della malattia. Credito: Hong-Jun Cho.

Quando testato su cellule cerebrali e in un modello murino di malattia di Alzheimer, un nuovo composto ha ridotto significativamente il numero di placche amiloidi nel cervello, diminuendo l’infiammazione cerebrale e diminuendo altri marcatori molecolari della malattia.

I ricercatori che hanno sviluppato il composto hanno riportato i loro risultati sulla rivista ACS Chemical Neuroscience.
“Le placche amiloidi nel cervello sono un segno distintivo della malattia di Alzheimer, così come l’accumulo di una proteina nota come p-tau”, ha dichiarato Liviu Mirica, Professore di chimica all’Università dell’Illinois a Urbana-Champaign che ha guidato la ricerca. Il ricercatore post-dottorato Hong-Jun Cho è il primo autore dello studio.
“Studi recenti mostrano che gli aggregati di p-tau si accumulano intorno alle placche amiloidi, aumentando la neuroinfiammazione associata all’Alzheimer”, afferma Mirica. È possibile che le placche amiloidi in qualche modo inneschino l’aggregazione delle proteine ​​p-tau nell’ambiente extracellulare“, ha detto il ricercatore. “E questo processo stimola quindi la diffusione e la formazione di p-tau all’interno dei neuroni, dove inizia a raggrupparsi. Questo agglomerato porta alla formazione di “grovigli neurofibrillari” nei neuroni che interrompono la funzione cellulare e alla fine portano alla morte cellulare”.
Gli scienziati non comprendono chiaramente i meccanismi che portano alla malattia di Alzheimer. Molti studi si sono concentrati sulla dissoluzione o l’interruzione della formazione delle placche amiloidi, che sono composte da un frammento proteico chiamato peptide beta-amiloide. Tutti cercano di attaccare le placche amiloidi per dissolverle, ma abbiamo imparato che l’Alzheimer è un po’ più complicato di quanto pensassimo”, ha detto Mirica. Ricerche precedenti hanno scoperto che i frammenti di beta-amiloide solubili sono pericolosi per la salute del cervello anche prima che si aggreghino in placche.
“Gli studi hanno trovato prove evidenti che questi peptidi solubili sono le specie più neurotossiche e causano perdita di memoria e morte delle cellule neuronali. La formazione della placca potrebbe essere un tentativo del cervello di neutralizzare la minaccia”, ha spiegato Mirica.
Anche gli ioni metallici come rame e ferro svolgono un ruolo nella patologia dell’Alzheimer. Questi metalli formano associazioni con il peptide beta-amiloide, stabilizzando le specie beta-amiloidi più pericolose e solubili. Gli ioni metallici contribuiscono anche al dannoso stress ossidativo e all’infiammazione cerebrale osservati nell’Alzheimer.
“Per affrontare questi diversi aspetti patologici della malattia di Alzheimer, abbiamo sviluppato un composto noto come L1 che interagisce con diverse regioni del peptide beta-amiloide, nonché con ioni metallici“, ha detto Mirica. “Quando testato su topi geneticamente predisposti a sviluppare patologie simil-Alzheimer, il nostro composto ha attraversato la barriera emato-encefalica, ridotto la neuroinfiammazione e diminuito i livelli di placche amiloidi e di aggregati di p-tau associati a queste placche”.
I risultati dello studio suggeriscono che i farmaci che interagiscono con diverse regioni di frammenti di proteina beta-amiloide e altri peptidi e ioni metallici associati all’Alzheimer potrebbero migliorare gli esiti delle persone con malattia di Alzheimer.