Olanzapina può aiutare a controllare la nausea, il vomito nei pazienti con carcinoma avanzato

Immagine: Public Domain

Olanzapina, un farmaco generico usato per trattare condizioni nervose, emotive e mentali, può anche aiutare i pazienti con carcinoma avanzato a gestire con successo nausea e vomito non correlati alla chemioterapia.

Questi sono i risultati di uno studio pubblicato giovedì 7 maggio su JAMA Oncology.

Charles Loprinzi, M.D., oncologo medico della Mayo Clinic, ha svolto un ruolo guida in questo lavoro in collaborazione con Rudolph Navari, M.D., dell’Università dell’Alabama a Birmingham. “È confermato dalla maggior parte delle persone che i pazienti sottoposti a chemioterapia antitumorale soffrano di nausea e vomito“, spiega il Dott. Loprinzi. “Tuttavia, è meno apprezzato che i pazienti con carcinoma avanzato abbiano anche problemi significativi con nausea e vomito non correlati alla chemioterapia”.
Il Drs. Loprinzi e Navari hanno trovato ricerche limitate su nausea e vomito in pazienti con carcinoma avanzato non correlati alla chemioterapia, quindi hanno deciso di condurre uno studio clinico.
Questi ricercatori, insieme ad altri collaboratori, hanno condotto uno studio randomizzato e controllato con placebo su 30 pazienti con carcinoma avanzato che non avevano recentemente ricevuto la chemioterapia o la radioterapia, ma che avevano avuto notevoli problemi con nausea e vomito. I ricercatori hanno assegnato in modo casuale i pazienti a ricevere una dose bassa di Olanzapina o un placebo ogni giorno. Né i partecipanti allo studio né i loro medici sapevano quali partecipanti stavano ricevendo Olanzapina o un placebo.
Quando lo studio è terminato, il team di ricerca ha appreso che tutti e 30 i partecipanti hanno registrato punteggi di nausea di 8-10 il primo giorno di studio. Dopo un giorno e una settimana, i punteggi di nausea nei 15 pazienti che hanno ricevuto un placebo erano ancora tutti 8-10 su 10. Al contrario, i 15 pazienti che hanno ricevuto Olanzapina hanno avuto punteggi di 2-3 su 10 dopo un giorno e 0 -3 su 10 dopo una settimana. Di conseguenza, questi pazienti hanno riportato meno vomito, migliore appetito e migliore benessere. Non sono stati osservati eventi avversi segnalati dai pazienti tra i partecipanti allo studio trattati con Olanzapina.
Olanzapina somministrata a 5 milligrammi al giorno per sette giorni ha migliorato notevolmente la qualità della vita dei pazienti senza effetti collaterali”, afferma il Dr. Navari. “E come farmaco generico, è anche relativamente abbordabile, con una fornitura di un mese che spesso costa da $ 10 a $ 15″.
“Le attuali linee guida per la gestione della nausea e del vomito nei pazienti con carcinoma avanzato non hanno specificamente indicato che un farmaco sembra sostanzialmente migliore di una varietà di altri farmaci”, afferma il Dott. Loprinzi. “Tuttavia, riteniamo che i risultati attuali possano essere considerati la migliore pratica per il trattamento della nausea e del vomito nei pazienti con nausea e vomito associati al cancro in fase avanzata”.