Home Salute Tumori Olanzapina può aiutare a controllare la nausea, il vomito nei pazienti con...

Olanzapina può aiutare a controllare la nausea, il vomito nei pazienti con carcinoma avanzato

Immagine: Public Domain

Olanzapina, un farmaco generico usato per trattare condizioni nervose, emotive e mentali, può anche aiutare i pazienti con carcinoma avanzato a gestire con successo nausea e vomito non correlati alla chemioterapia.

Questi sono i risultati di uno studio pubblicato giovedì 7 maggio su JAMA Oncology.

Charles Loprinzi, M.D., oncologo medico della Mayo Clinic, ha svolto un ruolo guida in questo lavoro in collaborazione con Rudolph Navari, M.D., dell’Università dell’Alabama a Birmingham. “È confermato dalla maggior parte delle persone che i pazienti sottoposti a chemioterapia antitumorale soffrano di nausea e vomito“, spiega il Dott. Loprinzi. “Tuttavia, è meno apprezzato che i pazienti con carcinoma avanzato abbiano anche problemi significativi con nausea e vomito non correlati alla chemioterapia”.
Il Drs. Loprinzi e Navari hanno trovato ricerche limitate su nausea e vomito in pazienti con carcinoma avanzato non correlati alla chemioterapia, quindi hanno deciso di condurre uno studio clinico.
Questi ricercatori, insieme ad altri collaboratori, hanno condotto uno studio randomizzato e controllato con placebo su 30 pazienti con carcinoma avanzato che non avevano recentemente ricevuto la chemioterapia o la radioterapia, ma che avevano avuto notevoli problemi con nausea e vomito. I ricercatori hanno assegnato in modo casuale i pazienti a ricevere una dose bassa di Olanzapina o un placebo ogni giorno. Né i partecipanti allo studio né i loro medici sapevano quali partecipanti stavano ricevendo Olanzapina o un placebo.
Quando lo studio è terminato, il team di ricerca ha appreso che tutti e 30 i partecipanti hanno registrato punteggi di nausea di 8-10 il primo giorno di studio. Dopo un giorno e una settimana, i punteggi di nausea nei 15 pazienti che hanno ricevuto un placebo erano ancora tutti 8-10 su 10. Al contrario, i 15 pazienti che hanno ricevuto Olanzapina hanno avuto punteggi di 2-3 su 10 dopo un giorno e 0 -3 su 10 dopo una settimana. Di conseguenza, questi pazienti hanno riportato meno vomito, migliore appetito e migliore benessere. Non sono stati osservati eventi avversi segnalati dai pazienti tra i partecipanti allo studio trattati con Olanzapina.
Olanzapina somministrata a 5 milligrammi al giorno per sette giorni ha migliorato notevolmente la qualità della vita dei pazienti senza effetti collaterali”, afferma il Dr. Navari. “E come farmaco generico, è anche relativamente abbordabile, con una fornitura di un mese che spesso costa da $ 10 a $ 15″.
“Le attuali linee guida per la gestione della nausea e del vomito nei pazienti con carcinoma avanzato non hanno specificamente indicato che un farmaco sembra sostanzialmente migliore di una varietà di altri farmaci”, afferma il Dott. Loprinzi. “Tuttavia, riteniamo che i risultati attuali possano essere considerati la migliore pratica per il trattamento della nausea e del vomito nei pazienti con nausea e vomito associati al cancro in fase avanzata”.
- Advertisement -
- Advertisement -
- Advertisement -

ULTIMI ARTICOLI

NAFLD: nuovi indizi di trattamento da un amminoacido

NAFLD-Immagine: Credit Public Domain. Un nuovo studio implica bassi livelli dell'amminoacido glicina nello sviluppo della steatosi epatica non alcolica o NAFLD. Suggerisce inoltre che affrontare...

Cecità: il ripristino della vista sta per diventare realtà

La cecità colpisce 40 milioni di persone in tutto il mondo. Una neuroprotesi potrebbe un giorno ripristinare la visione funzionale nei ciechi.  Il ripristino della vista...

SARS-CoV-2: farmaco antivirale blocca la replicazione

Immagine: micrografia elettronica a scansione colorata di una cellula morente (blu) gravemente infettata da SARS-CoV-2 (giallo), il virus che causa COVID-19. Credito: Centro di ricerca...

Disturbo depressivo e ruolo causale del microbioma

Disturbo depressivo maggiore e microbioma intestinale: esiste un legame? Il disturbo depressivo maggiore (MDD) è un disturbo mentale comune e debilitante. E' un disturbo...

Glaucoma: invertita la perdita della vista legata all’età

ll glaucoma è una malattia oculare correlata generalmente a una pressione dell’occhio troppo elevata. Secondo l’OMS ne sono affette circa 55 milioni di persone...