HomeSaluteCervello e sistema nervosoAlzheimer: la vaccinazione antinfluenzale riduce il rischio

Alzheimer: la vaccinazione antinfluenzale riduce il rischio

(Alzheimer-Immagine Credit Public Domain).

Secondo un nuovo studio dell’UTHealth Houston, le persone che hanno ricevuto almeno un vaccino antinfluenzale hanno il 40% di probabilità in meno rispetto ai loro coetanei non vaccinati di sviluppare l’Alzheimer nel corso di quattro anni.

La ricerca, guidata dal primo autore Avram S. Bukhbinder, MD, un recente ex allievo della McGovern Medical School presso l’UTHealth Houston e dall’autore senior Paul. E. Schulz, MD, Professore di Neurologia presso la McGovern Medical School, Rick McCord, ha confrontato il rischio di incidenza del morbo di Alzheimer tra pazienti con e senza una precedente vaccinazione antinfluenzale in un ampio campione nazionale di adulti statunitensi di età pari o superiore a 65 anni.

- Advertisement -

Una prima versione online del documento che dettaglia i risultati è disponibile prima della sua pubblicazione nel numero del 2 agosto del Journal of Alzheimer’s Disease.

“Abbiamo scoperto che la vaccinazione antinfluenzale negli anziani riduce il rischio di sviluppare il morbo di Alzheimer per diversi anni. La forza di questo effetto protettivo aumenta con il numero di anni in cui una persona ha ricevuto un vaccino antinfluenzale annuale, in altre parole, il tasso di sviluppo del morbo di Alzheimer era più basso tra coloro che ricevevano costantemente il vaccino antinfluenzale ogni anno“, ha affermato Bukhbinder, che fa ancora parte del team di ricerca di Schulz durante il suo primo anno di internato presso la Divisione di neurologia infantile al Massachusetts General Hospital. “La ricerca futura dovrebbe valutare se la vaccinazione antinfluenzale è anche associata al tasso di progressione dei sintomi nei pazienti che hanno già la demenza di Alzheimer”.

Lo studio, che arriva due anni dopo che i ricercatori dell’UTHealth Houston hanno scoperto un possibile legame tra il vaccino antinfluenzale e la riduzione del rischio di Alzheimer, ha analizzato un campione molto più ampio rispetto alla ricerca precedente, inclusi 935.887 pazienti vaccinati contro l’influenza e 935.887 pazienti non vaccinati.

Durante gli appuntamenti di follow-up di quattro anni, è stato riscontrato che circa il 5,1% dei pazienti vaccinati contro l’influenza aveva sviluppato il morbo di Alzheimer. Nel frattempo, l’8,5% dei pazienti non vaccinati aveva sviluppato il morbo di Alzheimer durante il follow-up.

- Advertisement -

Questi risultati sottolineano il forte effetto protettivo del vaccino antinfluenzale contro il morbo di Alzheimer, secondo Bukhbinder e Schulz. Tuttavia, i meccanismi alla base di questo processo richiedono ulteriori studi.

Vedi anche:Alzheimer: prove di origini alternative delle placche

“Poiché ci sono prove che diversi vaccini possono proteggere dal morbo di Alzheimer, pensiamo che non sia un effetto specifico del vaccino antinfluenzale”, ha affermato Schulz, che è anche Professore di Malattie Neurodegenerative della Famiglia Umphrey e Direttore del Centro Disturbi Neurocognitivi presso la McGovern Medical School. “Invece, crediamo che il sistema immunitario sia complesso e alcune alterazioni, come la polmonite, potrebbero attivarlo in un modo che peggiora l’Alzheimer. Chiaramente, abbiamo altro da imparare su come il sistema immunitario peggiora o migliora i risultati in questa malattia”.

Il morbo di Alzheimer colpisce più di 6 milioni di persone che vivono negli Stati Uniti, con un numero di persone colpite in aumento a causa dell’invecchiamento della popolazione della nazione. Studi precedenti hanno riscontrato una diminuzione del rischio di demenza associato alla precedente esposizione a varie vaccinazioni in età adulta, comprese quelle per tetano, poliomielite e herpes, oltre al vaccino antinfluenzale e altri.

Inoltre, poiché è passato più tempo dall’introduzione del vaccino contro il COVID-19 e sono disponibili dati di follow-up più lunghi, Bukhbinder ha affermato che varrà la pena indagare se esiste un’associazione simile tra la vaccinazione contro il COVID-19 e il rischio di Alzheimer.

Fonte:Journal of Alzheimer’s Disease

ULTIMI ARTICOLI

Il multivitaminico quotidiano può essere un’abitudine non necessaria

(Multivitaminico-Immagine Credit Public Domain). Una persona su tre ingurgita un multivitaminico ogni mattina, probabilmente con un sorso d'acqua. La verità su questa abitudine popolare può...

Alzheimer: come l’intestino contribuisce allo sviluppo

(Alzheimer-Immagine Credit Public Domain). La ricerca guidata dai Dott. Yuhai Zhao e Walter J Lukiw del LSU Health New Orleans Neuroscience Center e dei Dipartimenti...

COVID 19: terapia inalatoria blocca la replicazione virale

(COVID 19-Immagine Credit Public Domain). I ricercatori dell'Università della California, a Berkeley, hanno creato un nuovo terapeutico COVID-19 che potrebbe un giorno rendere il trattamento...

Asma: trovato un potenziale trattamento a lungo termine

(Asma-Immagine Credit Public Domain). Un possibile modo per affrontare una delle cause alla base dell'asma è stato sviluppato dai ricercatori dell'Aston University e dell'Imperial College...

Cancro al seno: un nuovo farmaco riduce le metastasi cerebrali

(Cancro al seno-Immagine:grafico a cascata delle risposte nei pazienti valutabili per la risposta in base ai criteri RANO-BM nello studio TUXEDO-1. Le barre blu illustrano...