HomeSaluteCervello e sistema nervosoAlzheimer e farmaci anti-amiloide

Alzheimer e farmaci anti-amiloide

(Alzheimer-Immagine Credit Public Domain).

Si stima che circa 50 milioni di persone in tutto il mondo abbiano il morbo di Alzheimer (AD), e forse il doppio di quel numero sta inconsapevolmente “incubando” la malattia durante il suo lungo periodo presintomatico. 

Il costo totale della cura dei pazienti con AD negli Stati Uniti supera quello di tutti i casi di malattie cardiache o cancro. Eppure c’è solo una terapia modificante la malattia approvata negli Stati Uniti (ma non altrove) e le controversie che circondano sia il suo bersaglio, l’amiloide, sia la sua efficacia, ne hanno gravemente limitato l’uso.

- Advertisement -

In questa valutazione aggiornata, pubblicata il 21 luglio sulla rivista ad accesso aperto PLOS Biology, Christian Haass presso il Centro tedesco per le malattie neurodegenerative di Monaco e Dennis Selkoe presso la Harvard Medical School, Stati Uniti, che hanno lavorato a lungo per decifrare le basi molecolari dell’AD, cercare di rispondere al motivo per cui il progresso terapeutico è stato così limitato nonostante la forte evidenza genetica e di biomarcatori che l’accumulo di amiloide può guidare la malattia.

Gli autori esaminano gli ampi dati biologici che supportano un ruolo fondamentale per le alterazioni della proteina beta amiloide che iniziano circa due decenni prima che i sintomi siano evidenti. Esaminano anche le domande sui meccanismi alternativi oltre all’amiloide e propongono che la funzione microgliale (infiammatoria) anormale sia parte integrante della cascata amiloide. Discutono la relazione chiave tra l’accumulo di amiloide e l’altra lesione che definisce l’AD, i grovigli di tau: il prim0o porta alla diffusione del secondo nel cervello.

Gli autori quindi esaminano i risultati fino ad oggi degli studi clinici di quattro distinti anticorpi monoclonali che hanno dimostrato di eliminare in modo robusto le placche amiloidi dal cervello; i potenziali benefici clinici di questi anticorpi stanno appena iniziando ad essere messi a fuoco. È importante sottolineare che gli autori descrivono in dettaglio alcune delle ragioni specifiche per cui i precedenti approcci anti-amiloide non hanno funzionato, sottolineando che nessuno di questi ha dimostrato di ridurre l’amiloide. Queste e altre recenti intuizioni sulla complessa patobiologia dell’AD hanno posto le basi per quello che probabilmente sarà un flusso critico di nuovi dati di sperimentazione di Fase 3 nei prossimi mesi. Contrariamente a quanto spesso si scrive, la ricerca di cure per l’Alzheimer sta procedendo rapidamente.

Vedi anche:Alzheimer: dalla plasmaferesi nuova speranza di trattamento

- Advertisement -

Haass aggiunge: “Ci sono circa 50 milioni di persone con il morbo di Alzheimer in tutto il mondo. Nonostante le continue polemiche e incomprensioni, la ricerca biologica ci ha recentemente portato al culmine di trattamenti che rallentano davvero la malattia”.

Fonte:PLOS Biology

ULTIMI ARTICOLI

Il multivitaminico quotidiano può essere un’abitudine non necessaria

(Multivitaminico-Immagine Credit Public Domain). Una persona su tre ingurgita un multivitaminico ogni mattina, probabilmente con un sorso d'acqua. La verità su questa abitudine popolare può...

Alzheimer: come l’intestino contribuisce allo sviluppo

(Alzheimer-Immagine Credit Public Domain). La ricerca guidata dai Dott. Yuhai Zhao e Walter J Lukiw del LSU Health New Orleans Neuroscience Center e dei Dipartimenti...

COVID 19: terapia inalatoria blocca la replicazione virale

(COVID 19-Immagine Credit Public Domain). I ricercatori dell'Università della California, a Berkeley, hanno creato un nuovo terapeutico COVID-19 che potrebbe un giorno rendere il trattamento...

Asma: trovato un potenziale trattamento a lungo termine

(Asma-Immagine Credit Public Domain). Un possibile modo per affrontare una delle cause alla base dell'asma è stato sviluppato dai ricercatori dell'Aston University e dell'Imperial College...

Cancro al seno: un nuovo farmaco riduce le metastasi cerebrali

(Cancro al seno-Immagine:grafico a cascata delle risposte nei pazienti valutabili per la risposta in base ai criteri RANO-BM nello studio TUXEDO-1. Le barre blu illustrano...