HomeSaluteCervello e sistema nervosoAlzheimer: ApoE4 non è il solo fattore di rischio genetico

Alzheimer: ApoE4 non è il solo fattore di rischio genetico

Il noto marchio genetico della malattia di Alzheimer e di altre forme di demenza, ApoE4, non è il solo fattore di rischio genetico per lo sviluppo della malattia.

I ricercatori della USC e dell’Università di Manchester hanno scoperto che un altro gene, TOMM40, è un altro fattore di rischio per lo sviluppo dell’Alzheimer.

Anche se ApoE4 svolge un ruolo più importante in alcuni tipi di capacità della memoria correlati all’invecchiamento, TOMM40 può rappresentare un rischio ancora maggiore per altri tipi.

- Advertisement -

( Vedi anche: L’ olio extravergine di oliva conserva la memoria e protegge dall’ alzheimer).

I geni TOMM40 e APOE sono vicini, adiacenti l’uno sull’altro sul cromosoma 19 e agiscono talvolta come delegati l’uno dell’ altro negli studi genetici. A volte la ricerca scientifica si è focalizzata principalmente su una variante di APOE, ApoE4, come il sospettato n.1 dietro nel declino della memoria  nell’ Alzheimer e nella demenza . La letteratura considera anche la variante più comune di APOE, ApoE3, neutrale nel rischio per la malattia di Alzheimer.

I ricercatori della USC ritengono che i loro nuovi risultati sollevano una domanda significativa: TOMM40 è un sostenitore di ApoE4, specialmente quando ApoE3 è presente?

“Tipicamente, ApoE4 è considerato il fattore di rischio genetico più conosciuto per il declino cognitivo, il declino della memoria, la malattia di Alzheimer o l’insorgenza della demenza”, ha affermato T. Em Arpawong, autore principale dello studio. “Anche se studi precedenti hanno trovato che alcune varianti di questo altro gene TOMM40 possono aumentare il rischio per la malattia di Alzheimer, il nostro studio ha scoperto che una variante di TOMM40 può effettivamente rendere ApoE4 più influente sul declino della memoria immediata, ossia sulla capacità di memorizzare nuove informazioni”.

- Advertisement -

Gli studi hanno dimostrato che l’influenza dei geni associati al decadimento della memoria e al declino cognitivo si intensifica con l’età. È per questo che gli scienziati hanno scelto di esaminare i risultati di test verbali per la valutazione della memoria immediata e ritardata, insieme a marcatori genetici.

“Un esempio di memoria immediata è quando qualcuno ti dà una serie di indicazioni per arrivare da qualche parte e tu puoi ripeterle ossia memorizzarle e recuperarle immediatamente”, ha spiegato Carol A. Prescott, autore senior dell’ articolo e Professoressa di psicologia presso l’USC Dornsife College e di gerontologia presso la USC Davis School of Gerontology. “Il richiamo ritardato invece, è in grado di ricordare queste informazioni sulle direzioni da seguire per raggiungere una meta, qualche istante dopo, mentre sei in viaggio”.

Lo studio è stato pubblicato sulla rivista PLOS ONE l’11 agosto 2017.

Prescott e Arpawong sono tra i più di 70 ricercatori dell’USC che si sono dedicati alla prevenzione e alla potenziale cura della malattia di Alzheimer, la malattia che cancella la memoria e che è una delle più grandi sfide di questo secolo e colpisce 1 su 3 anziani.

Negli ultimi dieci anni, l’Istituto Nazionale per l’invecchiamento ha quasi raddoppiato il suo investimento in un Centro di Ricerca per la malattia di Alzheimer.

Traccia della perdita di memoria

Per lo studio, il team di ricercatori della USC e dell’Università di Manchester ha utilizzato dati provenienti da due indagini: U.S. Health and Retirement Study e l’ English Longitudinal Study of Ageing. Entrambi i dati sono campioni nazionali rappresentativi e includono i risultati dei test verbali e dei test genetici.

Il team di ricerca ha utilizzato i risultati verbali del test della US Health and Retirement Survey, raccolti dal 1996 al 2012, che ha intervistato i partecipanti via telefono ogni due anni. I ricercatori hanno utilizzato i test di memoria verbale di 20.650 partecipanti, di età compresa tra i 50 ei 20 anni, che sono stati utilizzati ripetutamente per studiare come la loro memoria è cambiata nel tempo.

Per testare ila memoria di richiamo, un intervistatore ha letto un elenco di 10 nomi e ha chiesto al partecipante di ripetere immediatamente le parole lette. Per il richiamo ritardato, l’intervistatore ha aspettato cinque minuti e ha poi chiesto al partecipante di richiamare l’elenco letto. I punteggi dei test sono stati da 0 a 10.

Il punteggio medio per richiamare la memoria immediata è stato di 5,7 parole su 10 e il punteggio della memoria ritardata è stato di 4,5 parole su 10. Un grande divario di punteggi tra i due gruppi  può segnalare lo sviluppo di Alzheimer o qualche altra forma di demenza.

“Di solito c’è un drop-off nei punteggi tra i test immediati e quelli ritardati”, ha dichiarato Prescott. “Nel valutare il declino della memoria, è importante valutare entrambi i tipi di memoria e la differenza tra esse. Dovete essere più preoccupati di una persona che ha punteggi di 10 e 5 che di una persona con punteggi di 6 e 4“.

“La prima persona è preoccupante perché cinque minuti dopo aver recitato perfettamente le 10 parole, lui o lei, può ricordare solo metà di esse”, ha detto Prescott. ” L’altra persona non era perfetta sul test di richiamo immediato, ma cinque minuti dopo, è riuscita a ricordare una maggior percentuale di parole”, ha aggiunto il ricercatore.

Per evitare prevenzione nei risultati dello studio, i ricercatori hanno escluso i partecipanti che hanno riferito di aver ricevuto una probabile diagnosi di demenza o una condizione simile alla demenza, come ad esempio l’ Alzheimer.  I risultati sono stati adeguati per età e sesso.

I ricercatori hanno confrontato i dati statunitensi con i risultati di un campione di replicazione indipendente di partecipanti di 50 anni e più allo studio inglese longitudinale sull’invecchiamento, condotto dal 2002 al 2012. Interviste e test sono stati condotti ogni due anni.

Marcatori genetici di demenza

Per indagare i geni associati alla capacità di memoria di richiamo immediato e ritardato, i ricercatori hanno utilizzato dati genetici da 7.486 partecipanti allo studio sanitario e pensionistico statunitense e 6.898 partecipanti allo studio longitudinale inglese sull’invecchiamento.

I ricercatori hanno esaminato l’associazione tra i risultati della memoria immediata e ritardata con 1,2 milioni di variazioni geniche nel genoma umano. Solo una, TOMM40, ha dimostrato un forte legame con la diminuzione del richiamo immediato e ritardato. Anche ApoE4 è stato collegato alla disfunzione della memoria, ma in maniera meno significativa.

“I nostri risultati indicano che TOMM40 svolge un ruolo più importante, in particolare, sul declino dell’apprendimento verbale dopo l’età di 60 anni”, hanno scritto gli scienziati. “Inoltre, le nostre analisi hanno dimostrato che esistono effetti unici di TOMM40 oltre gli effetti di ApoE4 sia sul livello di recupero della memoria ritardata prima dell’età 60 che sulla riduzione della capacità di richiamo immediato dopo i 60 anni”.

A differenza di ApoE4, la variante ApoE3 è generalmente pensata per non avere alcuna influenza sulla malattia di Alzheimer o sulla diminuzione della memoria. Tuttavia, il team di scienziati ha rilevato che gli adulti che avevano ApoE3 e una variante di rischio di TOMM40, avevano maggiori probabilità di avere punteggi di memoria più bassi. La ricerca suggerisce che TOMM40 influenza la memoria anche quando la variante ApoE4 non è un fattore determinante.

Il team ha suggerito che gli scienziati dovrebbero approfondire l’associazione tra varianti ApoE3 e TOMM40 e la loro influenza combinata sul declino di diversi tipi di apprendimento e di memoria.

“Altri studi potrebbero non aver rilevato gli effetti di TOMM40”, ha dichiarato Prescott. “I risultati di questo studio forniscono ulteriori prove che le cause del declino della memoria sono ancora più complicate di quanto abbiamo pensato prima e sollevano la questione di quanti risultati in altri studi siano stati attribuiti ad ApoE4 e che invece potrebbero essere attribuiti a TOMM40 o ad una combinazione di TOMM40 e ApoE4 “.

Fonte:PL0S ONE

ULTIMI ARTICOLI

Il multivitaminico quotidiano può essere un’abitudine non necessaria

(Multivitaminico-Immagine Credit Public Domain). Una persona su tre ingurgita un multivitaminico ogni mattina, probabilmente con un sorso d'acqua. La verità su questa abitudine popolare può...

Alzheimer: come l’intestino contribuisce allo sviluppo

(Alzheimer-Immagine Credit Public Domain). La ricerca guidata dai Dott. Yuhai Zhao e Walter J Lukiw del LSU Health New Orleans Neuroscience Center e dei Dipartimenti...

COVID 19: terapia inalatoria blocca la replicazione virale

(COVID 19-Immagine Credit Public Domain). I ricercatori dell'Università della California, a Berkeley, hanno creato un nuovo terapeutico COVID-19 che potrebbe un giorno rendere il trattamento...

Asma: trovato un potenziale trattamento a lungo termine

(Asma-Immagine Credit Public Domain). Un possibile modo per affrontare una delle cause alla base dell'asma è stato sviluppato dai ricercatori dell'Aston University e dell'Imperial College...

Cancro al seno: un nuovo farmaco riduce le metastasi cerebrali

(Cancro al seno-Immagine:grafico a cascata delle risposte nei pazienti valutabili per la risposta in base ai criteri RANO-BM nello studio TUXEDO-1. Le barre blu illustrano...